Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2014

2013, l’anno più violento dalla seconda guerra mondiale

Immagine
Non solo Siria, Nigeria, Afghanistan, Egitto e Messico. Molte sono anche le guerre “dimenticate” secondo l’istituto di Heidelberg per l’indagine sui conflitti internazionali. Dal Centrafrica fino all’Iraq.
Il 2013 è stato, insieme al 2011, l’anno che ha fatto registrare più guerre dopo la seconda guerra mondiale. È questo il dato che emerge dal “Barometro” diffuso ieri dall’istituto di Heidelberg per l’indagine sui conflitti internazionali. L’anno scorso ci sono state venti guerre, due in più rispetto al 2012, e più conflitti armati. Alle guerre in Afghanistan, Iraq, Siria e Pakistan (gli scontri nelle regioni tribali) si sono tra le altre aggiunte quelle in Mali e nella Repubblica Centroafricana. Per gli esperti dell’istituto tedesco, inoltre, gli scontri tra le forze del nuovo Governo egiziano e i Fratelli musulmani hanno raggiunto in taluni casi le caratteristiche di una guerra.
Nel suo rapporto annuale, l’istituto ha contato l’anno scorso 414 conflitti in tutto il mondo, nove in …

Psicosi “big one” in California: torna ad attivarsi la pericolosa faglia di Puente Hills, la struttura sismogenetica più pericolosa per l’area di Los Angeles

Immagine
Dopo anni di quiete in California la terra torna a tremare, tanto da far scoppiare nuovamente la psicosi del “big one” fra i californiani. Da diversi anni, nella California meridionale, non si registravano terremoti cosi intensi, come quello che nella prima mattinata di sabato 29 Marzo ha scosso l’area a sud-est di Los Angeles, con epicentro proprio a ridosso della città di La Habra. La magnitudo del sisma, di ben 5.1 Richter (nulla di rilevante per gli standard californiani), unita alla bassa profondità ipocentrale, di soli 2 km, ha determinato un forte scuotimento del terreno, che si è propagato sull’intera area di Los Angeles, dove gran parte degli edifici hanno subito evidenti oscillazioni, senza rimanere danneggiati, a parte lieve danni registrati solo attorno l’area dell’epicentro, attorno la città di La Habra. Il sisma è stato percepito fino a San Diego e nella contea di Ventura, secondo i dati raccolti dall’USGS. Vicino all’epicentro sono stati rilevati danni minori, come per…

La Russia lancia il campanello d’allarme per la guerra nucleare, dicendo che era programmata da molto tempo

Immagine
Le minacce da armi nucleari, biologiche e chimiche sono reali. La possibilità che i terroristi possano acquisire ed usare armi nucleari è una sfida urgente e potenzialmente catastrofica per la sicurezza globale. Vi è un consenso bipartisan negli Stati Uniti che la minaccia biologica è un problema significativo. E mentre le armi chimiche ricevono molto meno attenzione, la documentazione storica mostra che essi sono, di gran lunga, le armi più diffuse e ampiamente proliferato di distruzione di massa.
Da giovedì’ la Russia si prepara a 3 giorni d’esercitazioni piene in prevenzione a un eventuale guerra nucleare , anche se lo svolgersi di dette esercitazioni  sono state previste mesi fa, Nezavisimaya Gazeta relazioni.
Circa 10.000 militari sono stati tenuti a partecipare alle manovre, che sono destinate come pratica per un eventuale offensiva nucleare su larga scala, secondo il giornale russo. Nell’esercitazione i  partecipanti  vengono preparati a stare in posizione per la preparazione …

L’energia che non ti aspetti

Immagine
Potrebbe essere la stessa Terra a mettere fine a tutti i nostri problemi energetici. Seppur un po’ fantascientifico, proprio questo è lo scenario suggerito dalla ricerca condotta da un gruppo di scienziati della Harvard School of Engineering and Applied Sciences e pubblicata questo mese su Proceedings of the National Academy of Sciences.
I fisici coinvolti nello studio sono convinti che sia possibile costruire uno strumento capace di raccogliere l’energia trasportata dalle emissioni infrarosse prodotte dalla Terra. L’azione riscaldante del sole fa sì che il nostro pianeta abbia una temperatura più alta rispetto all’ambiente circostante, rendendolo un emettitore d’onde nello spettro dell’infrarosso. L’idea alla base della ricerca guidata dal fisico italiano Federico Capasso è che questa differenza di temperature possa essere trasformata in energia utilizzabile dall’uomo.
Nell’articolo gli scienziati presentano il loro studio di fattibilità: i ricercatori considerano da un lato diversi…

Ecco come la Germania ha truccato i suoi conti e messo in ginocchio l'Italia

Immagine
Noi italiani siamo considerati Piigs e costretti a continue mortificazioni davanti all’integerrima Germania che ci richiede misure di austerity vestendosi di finto moralismo e di autoreferenzialità. 
Che la Germania giocasse sporco lo avevamo già intuito quando l’ex Ministro delle finanze greco Nicos Christodoulakis denunciò a suo tempo che il Governo tedesco non aveva incluso gli ospedali nel settore pubblico falsando quindi i suoi conti dell’entrata nell’euro.   Il lupo perde il pelo ma non il vizio ed infatti la Germania continuerà a falsare i suoi conti da quel momento in poi.
L’articolo 107 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea stabilisce che [[ sono incompatibili con il mercato interno, nella misura in cui incidano sugli scambi tra Stati membri, gli aiuti concessi dagli Stati, ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi forma che, favorendo talune imprese o talune produzioni, falsino o minaccino di falsare la concorrenza“. In pratica uno stato non può finanzia…

Quando Napolitano, nel 1978, diceva: “il Sistema Monetario Europeo ci farà perdere competitività”. E ora?

Immagine
Non è una novità che in politica si cambi idea. Stupisce però rileggere le parole dell’attuale presidente della Repubblica italiana, Giorgio Napolitano, in un resoconto stenografico di una seduta della Camera dei deputati risalente al 13 dicembre 1978. Oggi il presidente della Repubblica è tutt’altro che euroscettico, 34 anni fa invece sembrava pensarla in modo diametralmente opposto. Il resoconto stenografico della discussione è interamente disponibile cliccando qui, l’intervento di Napolitano comincia dalla pagina 24.992. Dopo 34 anni alcuni stralci del discorso di Napolitano possono essere considerati ancora attuali e lucidissimi. Basta sostituire “Sme” (Sistema Monetario Europeo) con Euro. Viene però da chiedersi per quale motivo 34 anni fa Napolitano dicesse una cosa e oggi sostenga l’esatto opposto.
Riportiamo due brani particolarmente significativi del discorso di Napolitano: …il vertice di Bruxelles (…) aveva sancito la conferma di una sostanziale resistenza dei paesi a moneta p…

Terremoti: i fenomeni violenti vengono scatenati anche dall’acqua tra placche

Immagine
I grandi terremoti potrebbero essere scatenati anche dalla presenza di acqua, intrappolata sotto pressione tra le placche tettoniche, come e’ avvenuto per il terremoto di magnitudo 8,8 che ha colpito il Cile nel 2010. La scoperta si deve ai ricercatori del centro di ricerca tedesco per le geoscienze GFZ e dell’universita’ britannica di Liverpool. Secondo gli autori, l’acqua intrappolata al confine tra due placche ha un’influenza cruciale nel processo che innesca i terremoti e la scoperta potrebbe aiutare a calcolare il potenziale sismico al confine fra due placche. Il risultato e’ stato possibile analizzando i dati acquisiti poco prima del grande terremoto che ha colpito il Cile nel febbraio 2010. I ricercatori hanno combinato osservazioni da Gps, interferometria radar, analisi delle rocce, con cui e’ stata realizzata una mappa dettagliata del confine delle placche del Pacifico e del Sud America, in cui e’ avvenuto il terremoto. ”Per la prima volta, abbiamo mappato, a una risoluzione…

Sorprese nel Sistema Solare, scoperto un nuovo pianeta

Immagine
Sorprese dal Sistema Solare: i suoi confini si ampliano grazie alla scoperta di un nuovo pianeta nano e tra i corpi celesti che lo popolano ci sono anche oggetti inediti, come il primo asteroide con un sistema di anelli simile a quello dei giganti del Sistema Solare, come Saturno, Giove Urano e Nettuno. Entrambe le scoperte sono pubblicate sulla rivista Nature.
Pianeta nano dista da noi 80 volte la distanza che separa Terra e Sole - Il pianeta nano che estende i confini del Sistema Solare al momento ha soltanto una sigla, 2012 VP113, ed è lontanissimo, circa 80 volte la distanza che separa Terra e Sole. A scoprirlo sono stati due celebri cacciatori di pianeti come gli americani Chadwick Trujillo, dell'Osservatorio Gemini della Hawaii, e Scott Sheppard, della Canrgie Institution. Hanno definito il piccolo pianeta ''un altro Sedna'', riferendosi all'altro pianeta nano scoperto dieci anni fa ma distante “solo” 76 volte la distanza fra Terra e Sole. Secondo i due as…

Forse scoperto uno dei paradossi dei buchi neri che completerebbe la teoria di Hawking

Immagine
Per decenni i fisici di tutto il mondo hanno cercato di capire il mistero dei buchi neri, affascinante regione dello spaziotempo con un campo gravitazionale così forte e intenso che nulla al suo interno può sfuggire all’esterno. Il dibattito circa il loro comportamento, che è in corso dal 1975, è stato riacceso quando Stephen Hawking ha affermato che gli orizzonti degli eventi, ossia i confini invisibili dei buchi neri, non esistono. Hawking è considerato dal mondo accademico il massimo esperto in buchi neri, e come ogni buon scienziato che si rispetti ha modificato più volte la sua teoria, continuando a lavorare sulla comprensione di questi enigmatici oggetti cosmici. Una delle tante perplessità a cui non si riesce a fornire una risposta plausibile è ciò che accade a livello atomico e subatomico nel loro interno. Proprio nel 1975 Hawking scoprì che questi oggetti non sono tutti neri. Nella sua teoria originale, lo scienziato dichiarò che la radiazione consuma lentamente il buco nero…

Ora legale 2014, ci siamo: lancette avanti nella notte tra sabato 29 e domenica 30 marzo

Immagine
Nel prossimo weekend, e precisamente nella notte tra sabato 29 e domenica 30 marzo, tornerà l’ora legale: le lancette dell’orologio andranno spostate di un’ora in avanti dalle 02.00 alle 03.00. Dormiremo un’ora in meno, quindi, ma le giornate saranno più lunghe e luminose per sfruttare la luce solare con conseguente risparmio energetico nelle ore serali. Secondo gli esperti, adattarsi al nuovo fuso sara’ piu’ semplice di quando a ottobre viene reintrodotta l’ora solare e il dio Morfeo, clemente e generoso, aggiunge riposo alle nostre notti.
“Quando con l’ora legale aggiungiamo un’ora ai nostri orologi – spiega il responsabile del centro di medicina del sonno dell’ospedale Niguarda di Milano, Lino Nobili –nonostante la perdita di sonno c’e’ sicuramente un maggiore adattamento del nostro corpo rispetto all’ora solare di ottobre, in quanto le giornate sono piu’ luminose e si va incontro all’estate. Rilevante, quindi, e’ l’aspetto psicologico“. “C’e’ un minimo di jet lag – aggiunge Nobil…

Il primo asteroide con gli anelli, si chiama Chariklo e 'abita' fra i giganti gassosi del Sistema Solare

Immagine
Non solo i pianeti giganti come Saturno, Giove Urano e Nettuno: anche piccoli corpi celesti come gli asteroidi possono essere circondati da spettacolari anelli. Lo dimostra Chariklo, l'asteroide scoperto nel 1997 tra Saturno e Urano e ora osservato con un dettaglio senza precedenti. I suoi anelli, fatti di ghiaccio d'acqua, sono descritti sulla rivista Nature. La scoperta si deve al gruppo dell'Osservatorio brasiliano di Rio de Janeiro coordinato da Felipe Braga-Ribas, che ha lavorato in collaborazione con l'americana Cornell University.
L'asteroide Chariklo appartiene alla famiglia dei Centauri, gli asteroidi che si orbitano fra Giove e Nettuno anziché fra Marte e Giove, come fanno gli asteroidi più noti. Finora gli anelli erano stati scoperti solo intorno ai quattro giganti del Sistema Solare, immensi rispetto al piccolo Chariklo, che ha un raggio di circa 124 chilometri. All'interno della famiglia dei Centauri, è comunque il più grande. Vedere i suoi anelli…

L’Italia nucleare: 8 impianti e 55mila metri cubi di scorie da smaltire

Immagine
Sono circa 36mila i metri cubi di rifiuti radioattivi medici, di ricerca e industriali. L’Italia deve procedere allo smantellamento delle centrali nucleari, degli impianti di produzione del combustibile nucleare e degli impianti di ricerca del ciclo del combustibile nucleare di Trino (VC), Caorso (PC), Latina (LT), Garigliano (CE), Bosco Marengo (AL), Saluggia (VC), Casaccia (RM) e Rotondella (MT), nonché ad avviare le attività di chiusura del ciclo del combustibile nucleare. Si tratta di attività che produrranno circa 55.000 m3 di scorie radioattive, delle quali circa 10.500 m3 ad alta attività e altri 44.500 m3 a media e bassa attività. A questo vanno aggiunti i rifiuti radioattivi a bassa, media ed alta radioattività (provette, flaconi, siringa, guanti, indumenti contaminati, sorgenti per teleterapia etc…) prodotti da attività diagnostiche e terapeutiche di medicina nucleare, ma anche di macchinari contaminati e dispositivi utilizzati per la ricerca in campo medico e farmacologico,…

La Propulsione degli UFO: una nuova teoria?

Immagine
Numerose teorie sono state elaborate sin dalla prima ufficiale comparsa degli UFO nel tentativo di spiegare le loro modalità di propulsione. Il primo fu il Tenente Jean Plantier nel 1953 a tentare di dare una spiegazione, conclusasi poi con il suo libro pubblicato nel 1955 dal titolo " La propulsione dei dischi volanti per azioni dirette sull'atomo". Per tornare ai giorni nostri Claude Poher nel 2006 elaborò una teoria scientifica che però non poteva giustificare la scomparsa degii UFO e i loro spostamenti istantanei .
Questa lacuna potrebbe essere stata colmata dal recente lavoro del professor Stoyan Sarg scienziato, ricercatore e scrittore, attualmente presso l'università York di Toronto. Nato in Bulgaria, Sarg ha conseguito una laurea in ingegneria e ha ottenuto un dottorato un fisica. La sua carriera è iniziata con i progetti di ricerca spaziali coordinati dall'ex Unione Sovietica per i programmi internazionali "Intercosmos" -  
Emigrò in Canada ne…

Amianto: il serial killer che non muore mai

Immagine
Per anni hanno falsato le informazioni sulla pericolosità dell’amianto, e a più di vent’anni dalla sua messa al bando, in Italia non esiste ancora una normativa condivisa a livello nazionale, ma quello che è ancora più grave: manca la completa mappatura del territorio, regione per regione. Mille tonnellate di materiale contenente amianto sono presenti solo nel Lazio: sui tetti delle abitazioni private, nelle scuole, negli impianti industriali, negli edifici pubblici e nelle tubazioni che portano l’acqua potabile nelle case. Una bomba a orologeria che negli ultimi dieci anni ha causato quasi millequattrocento casi di mesotelioma solo in questa regione: cifra destinata a crescere tra il 2015 e il 2018. Ma a che punto siamo oggi con la bonifica dei siti contaminati? Quale tutela hanno le vittime di esposizione all'amianto? Quali sono i provvedimenti che il governo metterà in atto per la salvaguardia della salute dei cittadini? Si tratta di domande che ancora non trovano una risposta…

Non siamo fatti per lo Spazio

Immagine
Quando ritornano sulla Terra, gli astronauti hanno spesso problemi alle ossa e agli occhi: la NASA continua a studiare le contromisure, anche in vista della possibile futura missione su Marte.
Dopo essersi guardato intorno con attenzione, Michael R. Barratt si accorse di non riuscire a vedere bene le cose da vicino come gli era sempre riuscito, prima di raggiungere l’orbita terrestre e vivere sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). In poche settimane era diventato presbite e nonostante fosse un medico non riusciva a spiegarsi come fosse potuto succedere. Era il 2009 e tra gli altri ospiti della ISS in quel periodo c’era anche l’astronauta canadese Robert B. Thirsk, un altro medico che iniziava ad accusare gli stessi problemi del suo collega statunitense.
Visto che c’era qualcosa che non andava con la loro salute, e considerato che erano entrambi medici, i due decisero di visitarsi a vicenda per capire che cosa stesse succedendo alla loro vista. Grazie ad alcuni semplici test, s…

La civiltà umana ha gli anni contati, lo studio della Nasa: "Condannati al collasso"

Immagine
La specie umana scomparirà presto dalla faccia della Terra. Già entro pochi decenni l’uomo, e la sua tecnologia, si congederanno per lasciare campo libero alla Natura e ai suoi più ambiziosi progetti. A lanciare quella che sembra una condanna definitiva all’oblio non è il capo di una misteriosa seta sbucata chissà da quale sperduto angolo della Terra ma uno studio finanziato dal Goddard Space Flight Center della Nasa, che ha calcolato gli anni rimanenti alla civiltà moderna. Secondo il matematico Safa Motesharrei, delNational Socio-Environmental Synthesis Center, all’uomo non resterebbero più di vent’anni.
I dati shock: la civiltà umana scomparirà entro 20 anni - I dati, ancora tenuti riservati, sono stati anticipati dallo scrittore e direttore dell’Institute for policy research & development, Nafeez Ahmed. “Gli scienziati naturali e sociali - commenta Ahmed sul proprio blog ospitato sul quotidiano inglese The Guardian - hanno sviluppato un nuovo modello di come la ‘tempesta perfet…

Caso Moro: due agenti Sismi su moto per agevolare l'azione delle Br

Immagine
Gli ingredienti di un giallo ci sono tutti: la confessione post mortem, l'indagine di un poliziotto, la distruzione delle prove e la magistratura - quella romana - che comunque indaga: fine. Ma non è così se si parla del caso Moro. "Tutto è partito da una lettera anonima scritta dall'uomo che era sul sellino posteriore dell'Honda in via Fani. Diede riscontri per arrivare all'altro, quello che guidava la moto". Enrico Rossi, ispettore di Ps in pensione, racconta all'ANSA la sua inchiesta passeggiando sulle colline di Torino, a due passi da Superga. Spiega con puntiglio e gentilezza sabauda che, secondo colui che inviò la lettera anonima - che si qualificava come uno dei due sulla moto - gli agenti avevano il compito di "proteggere le Br da disturbi di qualsiasi genere. Dipendevano dal colonnello del Sismi Camillo Guglielmi che era in via Fani la mattina del 16 marzo 1978".
La lettera che ha aperto l'inchiesta - Tutta l'inchiesta è nata da …

Quattordici nuovi radar in Italia per le guerre N.A.T.O.

Immagine
Dodici sistemi Fixed Air Defence Radar (FADR) RAT31-DL sono stati commissionati alla Selex Sistemi Integrati, società del gruppo Finmeccanica, e sono in via d’installazione in altrettanti siti dell’AMI sparsi in tutta Italia. Ad essi si aggiungeranno anche due sistemi configurati nella versione mobile DADR (Deployable Air Defence Radar).
“Si tratta di un progetto dall’alta valenza tecnica, importante per la sicurezza aerea nazionale e necessario per migliorare la nostra efficienza militare”, ha spiegato il generale Mario Renzo Ottone, comandante del COA, il Comando Operazioni Aeree nazionali e del Combined Air Operations Center della NATO, di stanza a Poggio Renatico (Ferrara). “Il FADR costituisce la struttura portante del programma con cui l’Aeronautica militare ha avviato la sostituzione dei propri sistemi di sorveglianza aerea per rendere disponibili le frequenze necessarie all’introduzione della nuova tecnologia Wi-MAX (Worldwide Interoperability for Microwave Access) di accesso…