WoW: wonderful water. Come far diventare purissima l’acqua radioattiva

Adriano Marin è un ingegnere padovano fautore di una sensazionale scoperta nata dal caso, di cui in questi giorni si sta completando la sperimentazione finale, nel sito nucleare di Saluggia. Come in un racconto di fantascienza, tutto ha avuto inizio qualche anno fa, mentre Marin stava armeggiando nel garage di casa, con una macchina di sua invenzione battezzata dal nostro “pentolaccia”. Con questa macchina, semplice, economica, facilmente trasportabile, voleva realizzare il progetto di rendere potabile l’acqua, soprattutto per i Paesi del Terzo Mondo. Le prove di vaporizzazione, avevano dato buoni risultati, ma all’improvviso accadde un imprevisto: manovrando qualcosa, dalla macchina iniziò a uscire acqua purissima, con parametri migliori di quelli previsti.

Marin decise così di proseguire i suoi esperimenti personali in laboratorio. Qui ha provato a inserire nella “pentolaccia” le sostanze più disparate: veleni, fanghi, metalli pesanti, batteri, idrocarburi, e chi più ne ha… Ogni volta, straordinariamente e come per magia, dopo il trattamento scaturiva acqua assolutamente pura.  A questo punto Adriano Marin, ingegnere elettronico fondatore dell’impresa Cross Technology, avrebbe potuto vantarsi della strepitosa invenzione, mentre ammise con umiltà e sincerità:  “La scoperta che ho fatto è stato un fatto puramente casuale. In laboratorio abbiamo impiegato due anni a capire quale principio fisico fosse in grado di generare questo risultato”. Il procedimento, battezzato: WoW – Wonderful water - è stato testato a lungo dai laboratori Arpav di Padova, dal Cnr, dall’Università di Pavia e dal Laboratorio per l’Energia Nucleare Applicata, ottenendo tutte le attestazioni dalle verifiche previste, per poter essere brevettato e ufficializzato a livello internazionale.

L’ultima fase di sperimentazione è in corso tutt’ora a Saluggia, nel deposito di scorie nucleari di Avogadro. Nel frattempo in Gran Bretagna, il National Physical Laboratory sta completando le certificazioni per le pubblicazioni internazionali.

“In laboratorio – ha affermato Marin – abbiamo sperimentato persino una contaminazione seimila volte maggiore di quella dell’acqua utilizzata per raffreddare i reattori, dopo l’incidente di Fukushima, e anche qui il risultato è stato strabiliante, con un abbattimento della concentrazione di Cesio nei liquidi trattati, di 7.000 volte”. Si tratta di un risultato assolutamente migliore di quello ottenuto dai metodi utilizzati in Giappone, ritenuti sino ad ora i più efficienti in assoluto a livello mondiale.

Le applicazioni di questa incredibile invenzione potrebbero essere svariate: anche l’acqua delle fogne potrebbe diventare purissima, così gli scarichi industriali e agricoli, le centrali nucleari potrebbero essere smantellate con stoccaggi e costi ridotti rispetto al presente, e migliaia di siti inquinati potrebbero essere bonificati. Grande sarebbe il vantaggio anche per quei Paesi, specie in Africa, dove l’acqua potabile scarseggia, predisponendo persone e animali al rischio pandemie e morte. 
[fonte tiscali - wowwater/eu]

Commenti

Post popolari in questo blog

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO