Comincia la caccia alla vita negli abissi - Potrebbero essere ricchi di idrogeno

Negli abissi delle fosse oceaniche potrebbero nascondersi forme di vita. E' questa la conclusione cui e' arrivato il gruppo di ricerca coordinato da Barbara Sherwood Lollar, dell'universita' canadese di Toronto. I dati, pubblicati sulla rivista Nature, si basano sull'analisi delle acque piu' antiche della Terra, delle quali per la prima volta e' stata ottenuta la mappa. Tutte sarebbero ricche di idrogeno, e dunque una fonte dell'energia necessaria alla vita.

Acque primitive
I ricercatori hanno mappato la posizione delle acque ricche di idrogeno intrappolate chilometri sotto la superficie terrestre, nelle fratture delle rocce in Canada, Sudafrica e Scandinavia. Comuni nelle rocce dello scudo precambriano, cioe' le piu' antiche della Terra, le acque dei primordi del nostro pianeta hanno una chimica simile a quella trovata vicino i camini vulcanici delle acque profonde. Il che suggerisce che possano sostenere la vita di microbi isolati dalla superficie. Nello studio sono stati raccolti i dati di 19 siti di miniere, scoprendo come grazie a due reazioni chimiche si producono notevoli quantita' di idrogeno, il doppio di quanto finora si era stimato sulla base dell'idrogeno sputato fuori dal pavimento oceanico.

Il volume abitabile del pianeta
''E' un cambiamento importante nella comprensione del volume totale della crosta terrestre che puo' essere abitabile'', ha osservato Sherwood Lollar. ''Finora - ha aggiunto - nessuna delle stime considerava il contributo dei vecchi continenti. Dato che le rocce precambriane rappresentano oltre il 70% della crosta terrestre, abbiamo scoperto un'immensa area che puo' essere una possibile fonte di energia per la vita''.

Il 'budget' globale di idrogeno
Poter quantificare il 'budget' globale di idrogeno e' la chiave per capire la quantita' di biomasse della Terra presenti sotto la sua superficie, dato che molti ecosistemi profondi contengono organismi che consumano idrogeno. Inoltre, poiche' Marte, come la crosta precambriana, e' composto da rocce vecchie miliardi di anni, che potenzialmente possono produrre idrogeno, questo studio ha implicazioni anche sulla ricerca di forme di vita su altri pianeti.
[fonte ansa]

Commenti

Post popolari in questo blog

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO