Le prossime eclissi in Italia: il 27 luglio 2018 luna grande protagonista, nel 2026 e 2027 si oscurerà il sole

Con l’eclissi di stanotte, si conclude un 2015 ricchissimo di appuntamenti astronomici straordinari sull’Italia. L’eclissi solare del 20 marzo e quella lunare di oggi hanno appassionato e affascinato milioni di persone, non solo nel nostro Paese. Adesso tutti si chiedono quando si potranno ammirare nuovamente spettacoli analoghi. Andiamo insieme quindi a scoprire quali saranno gli appuntamenti più significativi dei prossimi anni: tenetevi forte, perchè non mancheranno episodi ancor più spettacolari di quelli degli ultimi mesi!

Le prossime eclissi lunari
Le prossime eclissi lunari visibili sull’Italia saranno non solo spettacolari, ma anche molto vicine. La prima sarà tra meno di due anni, il 7 agosto 2017, ma sarà parziale e poco visibile. Attenzione, però, al 27 luglio 2018: mancano meno di tre anni, sarà un’eclissi lunare totale bellissima, con una magnitudo di gran lunga superiore a quella di stanotte, in condizioni di visibilità eccezionali perchè inizierà alle 19:13 della sera e si concluderà alle 02:31 della notte. L’inizio della totalità sarà alle 21:30 di sera e si concluderà alle 23:14, quindi  ad un orario molto più accessibile rispetto al fenomeno odierno.

Poi il 21 gennaio 2019 e il 16 maggio 2022 si verificheranno altre due eclissi lunari totali molto simili a quella di oggi, sia come orario che come magnitudo.

Le prossime eclissi solari
Le prossime eclissi solari visibili dall’Italia saranno parziali: il 6 giugno 2020 si potrà ammirare soltanto dal Sud, il 10 giugno 2021 si potrà ammirare solo dal nord, il 25 ottobre 2022 da tutt’Italia. Per attendere un evento più importante bisognerà aspettare l’eclissi solare del 12 agosto 2026 che sarà quasi totale (vedi mappa accanto) e si potrà osservare al tramonto, uno spettacolo meraviglioso. In Spagna e Portogallo sarà un evento memorabile.
Spettacolo straordinario in Italia l’anno dopo con l’eclissi solare totale del 2 agosto 2027 (vedi mappa accanto): sarà totale a Lampedusa, del 98% in Sicilia, interesserà tutto il Mediterraneo dopo aver attraversato l’oceano Atlantico, l’Egitto, l’Arabia Saudita e l’oceano Indiano fino all’Oceania, uno degli eventi più significativi degli ultimi secoli che interesserà ben 5 continenti (America, Europa, Africa, Asia e Oceania).

Insomma, lo spettacolo non mancherà: la nostalgia degli eventi di oggi e di sei mesi fa è destinata a durare molto poco per tutti gli appassionati affezionati a questi fenomeni celesti così suggestivi.
[fonte meteo-w.]

Commenti

Post popolari in questo blog

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO