Occhio del Sahara: il mistero che appassiona gli astronauti

Tante ipotesi si diramano tra gli oscuri misteri legati all'origine dell'Occhio del Sahara che continua ad affascinare miriadi di studiosi.

Se per molti millenni è rimasto nascosto e semi sconosciuto, adesso è diventato uno dei luoghi più interessanti da scoprire.

Oggetto di innumerevoli studi, l’Occhio del Sahara, è diventato la  formazione geologica del Sahara più visitata di sempre.

La Business Insider ha scrupolosamente analizzato questo singolare ma allo stesso tempo sbalorditivo sito e si è giunti alla conclusione che di certo non si tratta di un cratere: gli astronauti della missione Gemini IV si erano già adoperati nel costatare che non si trattava di un cratere in quanto dall’alto non sono state riscontrate tracce di roccia fusa, nè alcun segno tangibile che ne potesse ricostruire la storia.

Alcuni studiosi canadesi tengono a considerare l‘Occhio del Sahara come una struttura datata più di 100 milioni di anni fa e sorta a seguito della separazione del supercontinente Pangea dovuta alla deriva dei continenti: mentre Africa e Sud America si allontanavano la roccia fusa venne spinta lentamente in superficie e si creò una sorta di cupola formata da strati rocciosi , dove oggi è possibile “distinguere” l’occhio.

Probabilmente a seguito di un’eruzione dell’Occhio la cupola collassò e l’erosione creatasi ha determinato il fenomeno oggi tanto discusso quanto conosciuto.
[fonte meteo-w.]

Commenti

Post popolari in questo blog

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO