Post

Trump rivela qualcosa sull'ufo caduto a Roswell: "Ho notizie interessanti"

Immagine
Donald Trump ha ultimamente accennato al fatto di essere a conoscenza di “dettagli interessanti” sui fatti di Roswell, cittadina del Nuovo Messico in cui si sarebbe schiantata al suolo, nel 1947, una presunta navicella aliena.
Da quell’anno, l’episodio ha continuato ad appassionare gli ufologi di tutto il mondo, nonché ad alimentare teorie del complotto. Il tycoon si è lasciato sfuggire tale indiscrezione nel corso di un’intervista con il suo figlio maggiore Donald Jr., realizzata in vista dell’imminente festa del papà, che negli Usa si celebra quest’anno il 21 giugno.
Durante la conversazione con il suo rampollo, prodotta e diffusa giovedì dallo staff della campagna elettorale per la rielezione di The Donald, l’inquilino della Casa Bianca, riferisce Fox News, affronta insieme al proprio erede diversi temi, compresi i segreti custoditi dal governo di Washington riguardo alla vita extraterrestre.
Trump Jr., nel video dell’intervista citata, chiede a questo punto al padre: “Prima che s…

36 civiltà extraterrestri sarebbero in comunicazione radio con noi

Immagine
Una recente ricerca scientifica ha realizzato una stima delle civiltà extraterrestri attive nell’universo, giungendo alla conclusione che il loro numero sarebbe pari a 36 e che le stesse sarebbero in comunicazione radio con noi.
Il calcolo in questione è stato fatto dagli esperti dell’università di Nottingham basandosi sull’assunto che la vita intelligente si evolva su altri pianeti esattamente come si è perfezionata sulla Terra. Le popolazioni aliene considerate dallo studio in questione sono state chiamate dai ricercatori britannici Communicating Extra-Terrestrial Intelligent civilisations (Ceti), in quanto civiltà caratterizzate dalla capacità di trasmettere onde radio. La ricerca citata è stata pubblicata lunedì sulla rivista The Astrophysical Journal.
Quella trentina di comunità aliene è stata stimata dagli accademici di Nottingham, puntualizza Askanews, pur non essendo mai stata trovata alcuna prova dell’esistenza di vita extraterrestre.
Ciononostante, gli accademici, impostand…

C'è un "pulsante" per ibernare il cervello: ecco cosa dicono gli scienziati

Immagine
Due studi indipendenti hanno trovato il modo di portare il cervello dei topi a uno stato di ibernazione; secondo gli scienziati in futuro si potrebbe arrivare a ibernare il cervello umano e questo apporterà alcuni benefici.
Il cervello è da sempre l'oggetto di studio più complesso e affascinante. Esistono in campo medico molti studi per cercare di capire il meccanismo che ruota attorno a esso.
Ultimamente, come riporta il DailyMail, la scienza ha fatto una scoperta che potrebbe essere molto importante. Due studi, infatti, hanno trovato una specie di "pulsante" che permette di portare in uno stato di ibernazione il cervello. La scoperta giunge da due diversi studi, condotti dall'università giapponese di Tsukuba e dalla Harvard Medical School, e pubblicati sulla rivista Nature.
Per ora l'esperimento si è basato esclusivamente sui topi, innescando in essi un letargo temporaneo naturale. In futuro, si potrebbe ibernare il cervello umano se si dovesse scoprire lo ste…