Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2010

La Francia "avverte" i pirati - Mail dissuasive a chi scarica

Immagine
Al via a Parigi le nuove norme: gli autori di download illegali riceveranno messaggi dalle autorità. Una seconda ammonizione sarà preludio a una multa o al taglio dell'adsl. La caccia ai pirati del web è ufficialmente partita in Francia. Da oggi, chi scarica illegalmente film e musica potrà infatti ricevere un messaggio (via e-mail, ovviamente) di avvertimento da parte dell'Hadopi, la nuova autorità per la diffusione di opere e la protezione dei diritti di internet.
La Francia diventa così il primo paese a sperimentare le norme dissuasive, approvate qualche mese fa 1, tra molte proteste e qualche dubbio di incostituzionalità. Il ministro della Cultura, Frédéric Mitterrand, ha difeso la nuova autorità, annunciando che presto Svezia e Gran Bretagna adotterrano misure simili per proteggere online il copyright delle opere.
Nonostante la mobilitazione di intellettuali e artisti contrari alla legge, il governo francese ha scelto di andare avanti. L'Hadopi è stata incaricata di so…

Diamanti microscopici scoperti tra i ghiacci della Groenlandia testimoniano un impatto cosmico avvenuto 12900 anni fa

Immagine
Diamanti microscopici sono stati scoperti tra i ghiacci della Groenlandia. Questo ritrovamento aggiunge credito alla controversa ipotesi secondo cui una cometa sarebbe caduta tra il Nord America e l’Europa circa 12900 anni fa. Ci sono alcuni strati di ghiaccio in cui si rileva una grande abbondanza di diamanti. La cosa più interessante è che strati di ghiaccio ricchi di diamanti sono stati trovati anche nelle calotte polari e nei ghiacciai alpini. Questi diamanti sono così piccoli che possono essere osservati solo con microscopi piuttosto potenti. Sono anche molto numerosi, se ne può stimare un numero dell’ordine di grandezza delle migliaia di miliardi.
Questi diamanti si sarebbero formati a causa delle grandi temperature e pressioni che si generano in occasione di un impatto di un oggetto proveniente dallo spazio (probabilmente una cometa) con l’atmosfera e con la superficie terrestre. Questa scoperta supporterebbe quindi l’ipotesi di un impatto cosmico avvenuto 12900 anni fa. Second…

L'acqua ci costa come oro

Immagine
Reti idriche che perdono circa la metà della loro capacità, sprechi nei consumi domestici e in quelli agricoli. Un mix di fattori che sta rendendo l'acqua sempre più cara. Mentre infuria il dibattito politico sulle strade del risparmio, ci si dimentica dei 5 miliardi di euro che ogni anno vanno in fumo per la cattiva gestione dell'acqua.
La siccità è dietro l'angolo Il "Blue Book 2010", rapporto sul mondo dell'acqua realizzato da ANEA e Utilitatis, indica che l'Italia è tra i dodici paesi che consumano acqua oltre il livello disponibile (il rapporto tra il totale dell'acqua dolce utilizzata e il totale della risorsa rinnovabile supera il 20%). Dalla ricerca risulta che l'acqua potabile è ancora economica ma su scala globale la siccità è costata all'Europa 100 miliardi in 30 anni. Una situazione che rischia di aggravarsi nei prossimi anni se non ci sarà un cambio di rotta deciso.
Quali costi? La famiglia italiana tipo spende per il servizio idrico…

Nuove armi contro i tumori, più vicine le alternative alla chemio: in futuro si useranno degli antiacidi

Immagine
Sembra troppo semplice per essere vero, eppure in un futuro non troppo lontano potrebbe diventare la nuova terapia alternativa alla chemioterapia: i farmaci antiacidità, gli inibitori della pompa protonica e persino il bicarbonato sono il nuovo filone cui si stanno dedicando diversi scienziati, perché efficaci, senza effetti collaterali e con costi molti più bassi. A fare il punto della situazione sono stati gli scienziati riunitisi all'Istituto superiore di sanità (Iss), in occasione del primo simposio dell'International society for proton dynamics in cancer (Ispdc).
Questo nuova terapia si basa su un approccio diverso da quello adoperato finora, perché parte dall'assunto che i tumori sono acidi. "L'acidità è un meccanismo che il cancro usa per isolarsi da tutto il resto, farmaci compresi - spiega Stefano Fais, presidente Ispdc e membro del dipartimento del farmaco dell'Iss - Ma le cellule tumorali, per difendersi a loro volta da questo ambiente acido, fanno i…

Hamburger come eroina? Lo spot che scuote l'America

Fa discutere in America l'ultimo spot della TPS - Texas Pediatric Society - ideato per sensibilizzare i genitori sul tema dell'obesità infantile. Un problema sicuramente grave, anche se forse non è giustificabile il paragone tra il cibo spazzatura (un hamburger) e l'eroina Nella pubblicità shock infatti una madre prepara una dose di droga che sembra destinata al figlio. La siringa poi si trasforma in un hamburger. E a quel punto ariva la frase chiave dello spot: "Non inietteresti mai a tuo figlio della spazzatura. Quindi perché gliela fai mangiare?", proponendo un legame tra i panini del fast food e le droghe pesanti. [fonte rep.ca]

Adro, il Sole padano resta a scuola "A casa nostra comandiamo noi"

Immagine
Giornata di tensione, contusa una sindacalista. Ma il sindaco non cambia idea. Napolitano appoggia la Gelmini ma precisa di non aver fatto interventi diretti. Le porte si sono aperte, ma sotto gli androni del municipio ci sono stati ressa e proteste. Sventolano le bandiere italiane, ma spunta anche un vistoso cartello contro il "regalino" di 800mila euro che lo Stato italiano ha fatto, nonostante i rigori della finanziaria, a una scuola padana, gestita guarda caso - "Bossi tiene famiglia", si legge sul cartello - dalla moglie del leader leghista. Insomma, è tutto il giorno che s'inseguono polemiche che hanno per epicentro Adro e la Lega. E ha fatto discutere i seimila abitanti, e non solo, anche la vicenda di una donna della Cgil che è stata malmenata da un'altra donna, davanti alla nuova scuola: "È tutta colpa tua", le dicevano altre mamme, di prima mattina già nervose.
Il diverbio, finito nella caserma dei carabinieri, rivela uno stato d'ani…

Scoperto pianeta simile alla Terra

Immagine
Gli astronomi: Gliese 581g è potenzialmente abitabile Si chiama Gliese 581g, dista da noi soltanto 20 anni luce ed è il primo pianeta più simile alla Terra mai individuato. La scoperta, pubblicata sulla rivista Astrophysical Journal, di deve a un gruppo di ricerca coordinato dall' Università della California a Santa Cruz e il Carnegie Institution di Washington.
Si tratta, sottolineano gli autori, del primo caso di un pianeta potenzialmente abitabile, in grado cioè di sostenere la vita, anche se diversa da quella che noi conosciamo. L’abitabilità dipende da molti fattori, spiegano gli esperti, ma l’acqua allo stato liquido e la presenza di un’atmosfera sono fra i più importanti. Scoperto grazie al Keck Observatory nelle Hawaii Gliese 581g orbita a una distanza dalla sua stella madre dove riceve la giusta energia per sostenere eventuale acqua allo stato liquido. Inoltre la sua forza di gravità, simile a quella terrestre, rende possibile anche la presenza di un’atmosfera.
Gliese 581g …

Mafia, indagato Schifani

Immagine
Il presidente del Senato nel registro degli indagati per concorso esterno. "Un atto dovuto" dei pm di Palermo dopo le parole di Spatuzza e del pentito Campanella.
L'ultima volta che il boss Filippo Graviano ha parlato a Gaspare Spatuzza dell'avvocato Renato Schifani, è stato nel carcere di Tolmezzo. Correva l'anno 2000 e i due mafiosi palermitani, passeggiando nel cortile del penitenziario, commentavano le immagini dell'allora senatore di Forza Italia apparse nei telegiornali: "Hai visto che carriera ha fatto l'avvocato di Pippo Cosenza?", chiedeva Graviano a Spatuzza nominando l'imprenditore del quartiere Brancaccio di Palermo che tra il '91 e il '92 aveva messo a disposizione del boss un capannone dove questi incontrava altri mafiosi e dove, appena uscito dagli arresti domiciliari, aveva creato il proprio ufficio di capomafia. In quegli anni il suo guardaspalle era Spatuzza, che oggi racconta ai magistrati quel che ricorda di quei …

Dèi del cielo o antiche civiltà scomparse?

Immagine
Sono numerosi gli antichi testi scritti, i reperti archeologici e le tradizioni orali che ci portano a considerare la possibilità di contatti con civiltà aliene di antiche popolazioni terrestri. I più famosi reperti antichi a nostra disposizione sono scritti vedici con descrizioni di astronavi aliene e di antiche guerre spaziali con sgancio di piccole testate atomiche e le famose tavole sumere scritte in alfabeto cuneiforme tradotte per prime dallo scrittore e studioso azero Zecharia Sitchin. Nel libro “Oltre la mente di Dio, quando l’uomo creò Dio senza sapere di esserlo” abbiamo cercato di analizzare attraverso la logica le varie incongruenze, nonché le forzature di traduzione dei testi ed i vari problemi riguardanti alcuni reperti archeologici, per valutare la concretezza di un’altra possibilità, e cioè l’ipotesi che un’antica civiltà terrestre sia stata distrutta dalla catastrofe di una caduta di un asteroide che generò il mito del diluvio universale, i cui resoconti ci sono stati…

Come è nato il virus dell'AIDS? Le teorie degli scienziati

Immagine
L’origine dell’Aids è ancora avvolta da un alone di mistero. Nel corso degli ann i si sono succedute diverse teorie su come si sia formato per la prima volta il virus dell’Hiv e sul modo con cui si sta diffondendo. Ma quali sono le scoperte più recenti della scienza su questo argomento?
65% DEI CASI DA SIRINGHE - Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista The Lanc et, in alcuni Paesi il 65% delle nuove infezioni da Hiv deriverebbe dall’uso di siringhe infettate, e un sieropositivo su dieci nel mondo farebbe uso di stupefacenti. Più del 90% dei 16 milioni di dipendenti da sostanze da iniezione non riceve aiuto per evitare di contrarre l'Aids. Con il risultato che la pandemia sta crescendo in Stati come Russia, Cina, Malesia e Thailandia, spiegano gli scienziati, luoghi dove la popolazione tossicodipendente non è coinvolta nei programmi contro l'Aids. E in alcuni Paesi le percentuali sono ancora più alte. Misure di prevenzione come la distribuzione di siringhe pulite e sostanz…

Piano Casa, il Cav. si allarga

Immagine
Utilizzando le leggi fatte dal suo governo, Berlusconi ha dato il via ai lavori per aumentare del 27 per cento la cubatura delle sue proprietà in Costa Smeralda. Lo riferisce il quotidiano "La Nuova Sardegna".
Silvio Berlusconi è tra i proprietari di immobili italiani che usufruiranno del Piano Casa approvato dal governo Berlusconi e recepito in Sardegna dal governatore Cappellacci, scelto dallo stesso Berlusconi.
Lo riferisce il quotidiano "La Nuova Sardegna" scrivendo che sulle proprietà del presidente del Consiglio nel nord dell'isola è apparso il cartello di inizio lavori secondo la recente normativa urbanistica che prevede un aumento di volumetrie del 30 per cento.
Il quotidiano specifica che Berlusconi ha acquistato una villa accanto alla Certosa "che fu di Laura Rusconi, una lontana parente degli editori". Ora la società Idra Immobiliare ha avviato le opere di demolizione e di ricostruzione su nuova volumetria della struttura.
L'Idra Immobilia…

Rc auto, denuncia di Catricalà "Concorrenza non sufficiente"

Immagine
I premi sono aumentati più della media dell'Eurozona. Il presidente dell'Authority: "Il settore è stato liberalizzato solo sulla carta. C'è poca trasparenza".
Nel mercato della assicurazione per la responsabilità civile, "nonostante l'inizio della liberalizzazione sia stato decretato fin dal 1994, non si è attivato un efficace processo concorrenziale e conseguentemente non si è avuto un riflesso positivo sul contenimento dei prezzi". Lo ha detto il presidente dell'Antitrust, Antonio Catricalà, in audizione dinanzi la commissione Industria del Senato nell'ambito dell'indagine conoscitiva sulle dinamiche del mercato dell'Rc Auto. I premi, nei dodici mesi fino al giugno scorso, sono aumentati più della media dell'Eurozona. L'aumento per l'Italia è stato del 7,7% a fronte di un +5,4% dell'area dell'euro.
"Le ragioni di questo stato di cose - ha spiegato Catricalà - sono da ricondurre al tipo di servizi in questione…

Bambini, 4 milioni oggi si salvano ma il doppio sono ancora a rischio

Immagine
Notevoli progressi negli ultimi vent'anni. Gli interventi sanitari e contro la fame hanno migliorato la situazione in diverse nazioni africane. Ma la questione è ancora gravissima. Sabato e domenica, nelle piazze italiane, le orchidee Unicef "per salvare una vita".
Vent’anni fa il loro destino era segnato. Nessuna chance di sopravvivere e di arrivare a compiere almeno cinque anni. Ora invece ogni anno 4 milioni di bambini in più, rispetto al 1990, ce la fanno grazie a cibo, cure, vaccini. Lo dicono i nuovi dati dell’Unicef sulla mortalità infantile: nel mondo è scesa di un terzo in due decadi, passando da 12,4 milioni a 8,1. Segno che con aiuti economici e medici qualcosa si può fare per arginare questa strage degli innocenti. E proprio in questo fine settimana in 2500 piazze italiane, l'Unicef offre orchidee per raccogliere fondi destinati all’ infanzia.
E' come se New York sparisse. Ma se il dato positivo è rappresentato dai 12mila piccoli in più al giorno che r…

L'allarme dalla Lista Rossa: un quinto delle piante del pianeta è a rischio

Immagine
Un quinto delle piante del pianeta è a rischio estinzione: l'allarme arriva dalla Lista Rossa delle piante che sarà presentata presso i Giardini Botanici Reali di Kew, a pochi chilometri da Londra. Il lavoro è stato condotto dai ricercatori dei Kew Gardens, del Museo di storia naturale di Londra e dell' Unione Internazionale per la conservazione della natura (Iucn).
Al primo posto della classifica delle specie vegetali a rischio vi sono le conifere e le cicadi (come l'ornamentale Cycas) entrambe appartenenti al gruppo delle Gimnosperme. Gran parte delle piante più minacciate si trova ai Tropici perché l'ambiente più a rischio é quello delle foreste tropicali dove l'uomo strappa alle foreste porzioni sempre maggiori di terreno per l'agricoltura o l'allevamento.
In tutto sono state esaminate circa 7.000 piante presenti su tutto il pianeta, dagli alberi all'erba, da quelle ornamentali a quelle commestibili, grazie a campioni disponibili nei Kew Gardens e ne…

Dramma lavoro in Europa, in Ue 500 nuovi disoccupati al giorno da inizio crisi

Immagine
Circa 500 nuovi disoccupati al giorno. E' questo il 'ritmo' tenuto dal mercato del lavoro dall'inizio della crisi economica a oggi. A fare i conti ci ha pensato la Cgia di Mestre che ha analizzato l'andamento dei senza lavoro registrato nell'Ue negli ultimi 2 anni.
L'Italia, nello stesso periodo ha registrato un aumento complessivo dei disoccupati pari a 365.000 unità. In termini percentuali, la variazione è stata del 24,1% contro una media dei 27 Paesi dell'Ue del 37,9%.
''Anche se non è molto confortante - commenta Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia di Mestre - c'è chi ha subito effetti negativi molto più pesanti di noi. La Spagna e il Regno Unito, ad esempio, hanno segnato rispettivamente 2.719 e 1.011 disoccupati medi giornalieri; la Francia 875 e la Polonia 582. Tra i 15 Paesi dell'Ue, l'Italia si piazza al 5° posto, anche se va detto che il nostro risultato è condizionato positivamente dall'estensione della Cigo avve…

Il falso ramoscello di B.

Immagine
Cita Pietro Calamandrei. Esalta la legittimazione reciproca fra governo e opposizione. Tende la mano a Casini. Ma non arretra di un millimetro sulle leggi ad personam. E chiede che gli italiani votino direttamente il premier.
Chi avrà suggerito a Silvio Berlusconi di iniziare il suo discorso con Pietro Calamandrei? E' quello che subito si sono chiesti, un po' attoniti, i deputati dell'opposizione quando il premier ha citato una frase del giurista antifascista, tra i fondatori del Partito d'Azione, uno dei padri di quella Costituzione repubblicana che Berlusconi ha più volte cercato di scassare.
Ma il riferimento a un uomo di sinistra come Calamandrei è stata solo la prima sorpresa di un discorso con pretese "alte", mille miglia lontano dal linguaggio che l'editore Berlusconi usa ogni giorno sul suo "Giornale".
Così, ad esempio, il premier ha esaltato le elezioni del 2008 come quelle nelle quali finalmente maggioranza e opposizione hanno realizzato…

Ancora un altro video shock dei fumi di Taranto

Immagine
Il 30 aprile 2010 avevamo segnalato un video sui fumi notturni sulla zona industriale di Taranto che ci era stato girato dal presidente Fondo Antidiossina Taranto, prof. Fabio Matacchiera.
A distanza di circa cinque mesi l’inquietante scenario pare non sia cambiato tant’è che un nuovo video shock ripreso da Fabio Matacchiera la notte dell’11 settembre scorso, fotografa un’identica situazione ed induce Giovanni D’AGATA componente del Dipartimento Tematico Nazionale “Tutela del Consumatore” di Italia dei Valori a segnalarne ancora una volta il link delle nuove riprese per portare all’attenzione dei media e di tutta la cittadinanza la Nostra preoccupazione che è anche quella di chi si batte da anni per la tutela del proprio Territorio e della salute dei cittadini.
Ancora una volta pur ribadendo di non essere a conoscenza se alla presenza di queste dense nubi di fumo corrisponda anche un superamento dei livelli di guardia dell’inquinamento atmosferico non possiamo che esprimere lo stupore m…

Africa: le ricchezze da spartire sulla costa occidentale

Immagine
Un accordo di massima per la fissazione dei confini delle acque e delle zone marittime è stato siglato da 6 Paesi della costa occidentale africana. Capo Verde, Gambia, Guinea-Bissau, Guinea, Mauritania e Senegal si sono seduti attorno a un tavolo coordinati dalla Norvegia.
Perché? Perché quei mari, fra i più pescosi al mondo, sono anche potenzialmente ricchissimi di petrolio e gas naturale. Il ministro norvegese Erik Solheim, che presiede il dicastero per lo Sviluppo Internazionale, ha dichiarato che far sì che i Paesi africani possano garantirsi lo sfruttamento delle loro zone marittime è un passo in avanti per combattere la povertà.
La Norvegia, grazie a un team di esperti, dovrà stabilire la piattaforma continentale, al di là delle 200 miglia, di competenza dei singoli Stati. La fissazione dei confini dovrebbe, secondo i norvegesi, portare alla risoluzione dei possibili conflitti tra i sei Paesi. Questi ultimi, infatti, vivono in una condizione di grande instabilità: fatta eccezione…

5 nuovi misteriosi geoglifi scoperti. Non è Nazca, ma Amazzonia!

Immagine
La nostra Terra non smette mai di sorprenderci. Tanti misteri sono ancora sepolti, e molti che nemmeno immaginiamo. Gli ultimi della serie vengono dalla grande Terra di Amazzonia, che nel meraviglioso e immane groviglio della foresta che la ricopre, nasconde a quanto pare tesori inimmaginabili. Non sono famosi ne' belli come quelli di Nazca, ma i geoglifi (disegni sul terreno grandi centinaia di metri quadrati e visibili solo dal cielo) scoperti nello stato amazzonico di Rondonia, nel Brasile nordoccidentale, infatti, sono anch'essi un mistero. I cinque nuovi geoglifi sono stati individuati nei giorni scorsi durante la costruzione di una strada. I geoglifi appena scoperti, come in generale tutti quelli della Rondonia, sono forme geometriche perfette, solitamente trapezi, rettangoli, quadrati o cerchi (a volte concentrici), di un centinaio di metri o piu' di lato, tracciate sul terreno attraverso fossi profondi anche due metri.
Molti sono stati scoperti solo quando il disbo…

E il condannato va con B.

Immagine
Storia di Giuseppe Drago, deputato Udc che dovrebbe scontare tre anni di reclusione e invece è ancora a Montecitorio. Dove il Cavaliere lo ha cooptato per puntellare il governo.
Nel 2008, alla vigilia delle ultime elezioni, Berlusconi dichiarò solennemente: "Non candideremo supposti autori di reati". Infatti i supposti non li candidò: solo quelli certi. Anche Casini, nella campagna elettorale del 2006, aveva giurato a "L'espresso": "A parte Cuffaro, in Sicilia non ricandideremo nessun inquisito". Infatti, fra gli altri, candidò Giuseppe Drago, ragusano, all'epoca condannato in appello per peculato. Nel maggio 2009 Drago è stato condannato pure in Cassazione: tre anni di reclusione (coperti dall'indulto) e interdizione perpetua dai pubblici uffici (poi ridotta anch'essa a tre anni). In un paese serio, sarebbe stato subito accompagnato all'uscio di Montecitorio: "Arrivederci alle prossime elezioni". Invece la giurisprudenza dom…

Usa, agenti Fbi beccati a copiare durante i test sull'anti-terrorismo

Immagine
Alcuni di loro avrebbero utilizzato fogliettini con le risposte. Altri avrebbero violato i computer.
Anche gli agenti dell'Fbi barano ai test: l'imbarazzante rivelazione arriva da un rapporto del Dipartimento della Giustizia statunitense. La verifica interna riguardava 20.000 funzionari dell'agenzia federale messi alla prova sulle conoscenze delle nuove linee guida da adottare per le indagini e le operazioni sul suolo americano. Come è prassi tra molti studenti pure gli agenti sono ricorsi ai più classici degli stratagemmi: si sono consultati tra loro ed hanno portato all'esame bigliettini con le risposte. Sebbene durante la prova potessero consultare i loro documenti.
TEST SULLE REGOLE ANTI-TERRORISMO - Si profila insomma l'ennesimo scandalo per l'ente investigativo di polizia federale: il Dipartimento di Giustizia americano ha rivelato i risultati di un'indagine secondo la quale è stato identificato «un numero significativo di dipendenti impegnati in una …

Napoli, la festa di Camorra

Immagine
Domenica scorsa nel quartiere Barra due clan hanno suggellato l'alleanza in pieno giorno, in mezzo alla gente, durante una manifestazione tradizionale in piazza. E dal palco hanno esaltato un boss di Scampia.
Un patto tra clan siglato alla luce del giorno, nel pieno di una festa popolare. È quello che è successo a Barra, quartiere di Napoli, dove domenica scorsa si è celebrata la tradizionale Festa dei Gigli.
Dal palchetto di uno degli obelischi di legno e cartapesta, ripetuti sono stati gli omaggi all'indirizzo di Arcangelo Abete, boss considerato uno dei fondatori del gruppo dei cosiddetti ''Scissionisti'' di Scampia, protagonisti della famigerata faida che ha insanguinato le strade del capoluogo campano tra il 2004 e il 2005. Al padrino, attualmente detenuto agli arresti domiciliari, la banda ha dedicato gran parte dello spettacolo: «Arcangelo chesta è pe te!» è stato più volte ripetuto dai microfoni, anche sulle note della colonna sonora del "Padrino&qu…

Medvedev "licenzia" il sindaco di Mosca

Immagine
Il presidente russo: ha perso la fiducia del Cremlino. Il presidente russo Dmitri Medvedev ha firmato oggi il decreto per la rimozione del potente sindaco di Mosca, Yuri Luzhkov, che guida l’amministrazione della capitale russa dal 1992: è quanto riferiscono oggi alcuni organi di stampa russi. Il decreto impone che Loujkov, 74 anni, sia «rimosso dalle sue funzioni di sindaco, perché ha perso la fiducia del presidente russo», indica l’agenzia Ria Novosti.
Il sindaco di Mosca aveva ribadito ancora ieri di non volersi dimettere, dopo una decina di giorni trascorsi in Austria, che secondo il Cremlino avrebbero dovuto servire al sindaco come «pausa di riflessione» dopo lo scontro aperto con il presidente Medvedev.
Il suo siluramento arriva con un anno di anticipo sulla scadenza naturale del mandato, dopo 18 anni ininterrotti di governo, da Ieltsin a Putin, che lo avevano trasformato in uno degli uomini politici russi più potenti, l’ultimo rimasto in sella dopo l’arrivo di Medvedev. I dissid…