Quanto prenderemo di pensione nel 2035?

Dal 2035 scatterà il contributivo puro. Ecco cosa cambierà.

La scadenza è fissata per il 2035. Da allora in avanti, secondo quanto chiarito dalla scheda esplicativa della manovra Monti, si avranno pensioni interamente basate sul metodo contributivo.

Con il nuovo sistema pensioni più basse
L'accelerazione è stata brusca: se fino a una ventina di anni fa, chi andava in quiescenza con 40 anni di contributi e 60 anni di età poteva contare su una pensione pari al 77% dell'ultima paga, un over 40 di oggi con le stesse caratteristiche che andasse in pensione nel 2035 avrebbe una pensione pari al 58% del salario, che potrebbe arrivare al 66% rinviando di qualche anno l'uscita dal mondo del lavoro.

La situazione sarà ancora peggiore per i titolari di contratti parasubordinati, che non potranno contare di andare oltre il 40-45%, poco più della metà quindi rispetto all'attuale 75-80%.

Cosa fare
Il divario crescente tra stipendio e pensione impone di attivarsi individualmente per non arrivare impreparati al momento della pensione.

Per quanto sia difficile pensarci in momenti difficili per la congiuntura economica, come quello attuale, diventa centrale la capacità di risparmio per crearsi un'integrazione della pensione statale.

Al di là delle scelte fai dai te, la normativa degli ultimi anni è stata tutta orientata a incentivare la previdenza integrativa con misure di favore dal punto di vista fiscale, che andrebbero valutate attentamente. Ricordando che sempre più il benessere nell'età anziana dipenderà dalle scelte fatte in epoca giovanile.
[fonte yahoo]

Commenti

Post popolari in questo blog

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO