2 aprile 2012 - incontro ravvicinato con un asteroide

Se i calcoli della NASA sono esatti dovebbe passare a circa 268 mila chilometri dalla Terra, una distanza minore di quella che ci separa dal nostro satellite e che in termini astronomici può essere considerata un soffio. Parliamo dell’asteroide 2012 EG5, un frammento cosmico largo poco meno di 70m per il quale era stato lanciato un allarme di rischio impatto. Ma adesso che mancano pochi giorni al rendevouz sembra che possiamo tirare un respiro di sollievo.

Il sasso spaziale ci sfiorerà soltanto riprendendo la sua marcia verso l’ignoto dopo essere passato alla distanza minima con la Terra il giorno 2 Aprile. 70m di diametro potrebbero sembrare pochi rispetto all’enormità del nostro pianeta ma non è così, il meteor crater in arizona si formò in seguito all’impatto di un meteorite di soli 25-30m. Se un sasso di 25-30 m può produrre un cratere di un diametro di 1200m e di una profondità di 170m pensate cosa potrebbe fare un meteorite di dimensioni più che doppie.

Distruggere completamente una città grande come Roma. Capirete quindi la giustificata preoccupazione degli enti spaziali che monitorano da sempre gli spazi siderali alla ricerca di questi potenziali distruttori. Attualmente gli asteroidi sotto osservazione sono ben 1287!!!
[fonte magamodo - web]

Commenti

Post popolari in questo blog

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO