Disarmo: Obama proporrà a Putin un nuovo taglio delle armi atomiche

Nuovo tentativo di disarmo nucleare bilaterale fra Russia e Usa. In occasione del summit sulla sicurezza nucleare in corso nella capitale della Corea del Sud, il presidente statunitense, Barack Obama, solleverà la possibilità di una nuova riduzione degli armamenti nucleari e la proporrà al presidente eletto russo Vladimir Putin in occasione del primo incontro in qualità di capi di Stato a maggio. Lo ha detto un'autorevole fonte dell'amministrazione Usa, aggiungendo che nel suo incontro di oggi con il presidente russo uscente Dmitri Medvedev il presidente Usa ha sollevato anche il tema di una nuova tappa del disarmo dopo la firma dello Start, il trattato per la riduzione delle armi strategiche siglato nel 2010 dai due presidenti.
 
A maggio nuovo incontro Putin-Obama - "Obama esprimerà la sua fiducia nel fatto che gli Stati Uniti possono ridurre gli stock, mantenendo la capacità di dissuasione e i loro impegni", ha detto la fonte. "Questa continuerà a essere la nostra priorità nelle relazioni tra Stati Uniti e Russia e il presidente ne parlerà con il presidente eletto russo Vladimir Putin nel loro primo incontro a maggio" ha aggiunto. Obama riceverà Putin a margine del G8 di Camp David, in Maryland.
 
Summit a Seoul: Nordcorea e Iran convitati di pietra - Sono decine i leader mondiali che prendono parte da oggi a Seoul al vertice di due giorni sulla sicurezza nucleare (per l'Italia è presente il premier Mario Monti). Al centro dei colloqui, le dispute aperte con Pyongyang e Teheran oltre alle modalità di un necessario modus operandi con il nuovo leader nordcoreano Kim Jong Un. Parlando di fronte a una platea di studenti, stamattina, Obama ha lanciato un messaggio chiaro: "Mi rivolgo direttamente alla leadership di Pyongyang. Gli Stati Uniti non hanno intenzioni ostili nei confronti del vostro paese. Vogliamo la pace" ha dichiarato l'inquilino della Casa Bianca.
 
Pyongyang lancerà vettore a lunga gittata, Obama: Vogliamo la pace - "Dovrebbe essere chiaro, ormai - ha aggiunto il presidente Usa nel suo intervento all'università Hankuk di Seoul - che le vostre provocazioni e il proseguimento del vostro programma di armamenti nucleari non vi hanno garantito la sicurezza che cercate, l'hanno piuttosto diminuita". E ancora: "Non ci sarà ricompensa per le provocazioni - ha avvertito Obama - quest'epoca è finita". Il regime stalinista ha aggravato i timori della comunità internazionale quando, il 16 marzo, ha annunciato di voler mandare in orbita un satellite a metà aprile, in occasione delle celebrazioni per il centesimo anniversario della nascita del nonno di Un, il Grande Leader Kim Il Sung.
[fonte tiscali]

Commenti

Post popolari in questo blog

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO