I Maya lo avevano previsto: il 5-6 giugno venere transitera' davanti al sole

Un evento che si verificherà di nuovo solo tra 105 anni. Riportato dalla rivista scientifica Nature, è un evento unico per i ricercatori, in quanto sono le condizioni ideali per scoprire altri pianeti. L'astronomo Jay Pasachoff ha dichiarato alla rivista inglese: "anche se noi scienziati siamo in grado di inviare sonde spaziali su altri pianeti, per un esame più attento l’osservazione dei transiti dalla Terra fornisce informazioni uniche e ci dà l’opportunità di calibrare e migliorare il nostro metodo di ricerca dei pianeti extrasolari".Un'occasione unica quindi, per cercare di individuare nuovi pianeti lontano dal nostro.

Il satellite della NASA A CRIMSAT monitorerà l'evento e ci si concentrerà soprattutto sull'atmosfera del pianeta Venere. Pasachoff ci tiene a sottolineare: "gli spostamenti sono molto rari, perciò perdere questa occasione sarebbe un crimine, lo dobbiamo ai futuri astronomi che osserveranno il passaggio nel 2117". Sembra proprio che il popolo Maya fosse a conoscenza di questo evento stando alle ultime scoperte dell'astronomo e archeologo Jesùs Galindo. Infatti, dopo la scoperta nella città di Mayapan di un antico dipinto murale, sembra che ciò che è stato scambiato per "fine del mondo" non fosse altro che l'evento in questione. Comunque ci tengo a ribadire che i Maya, non hanno mai parlato di fine del mondo, bensì di un periodo di transito.
[fonte eclissidelmondo]

Commenti

Post popolari in questo blog

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO