Bada Valley e le statue monolitiche di Sulawesi

Bada Valley, talvolta chiamato Napu Valley, si trova nel Parco Nazionale di Lore Lindu e contiene centinaia di megaliti finemente scolpiti. Risalgono almeno al 1400 aC ma possono avere anche un origine più antica.

Giganti di pietra che camminano in una delle regioni meno conosciute ma tra le più affascinanti e misteriose dell'Indoneisa: la Bada Valley e le enigmatiche statue di Sulawesi. ll parco dichiarato patrimonio dell'umanità dall'UNESCO non ospita solo una grande varità faunistica ed erbacea ma dispone anche di un gran numero di misteriosi megaliti. Nessuno ricorda chi li abbia eretti, ne tanto meno da quando sono lì, c'è chi li paragona alle alcune statuemoai collocate suIl'isola di Pasqua, chi invece ai megaliti preistorici europei.

Le gigantesche statue disseminate in tutta l'isola – sono circa mille - racchiudono ancora oggi molti misteri: qual è il loro significato? Come sono state trasportate dalle cave da cui provengono? chi furono gli artefici di queste mastodontiche sculture?

Lo scopo dei megaliti e dei loro costruttori sono tutt'oggi sconosciute. Ignorate quasi completamente dalla comunità scientifica e non avendo informazioni attendibili, queste particolari rappresentazioni le possiamo classificare come idoli sacri.

Idolatria e feticismo
Con il termine idolatria si intende una fase religiosa, individuata da John Lubbock, anteriore alla credenza in divinità creatrici e soprannaturali, durante la quale le divinità, rappresentate sotto forma di idoli, avrebbero assunto caratteri antropomorfi. Il termine con riferimento alle religioni delle popolazione di interesse etnologico, indica in blocco le religioni pagane, idoli o feticci che adorano un'immagine iconografica o un oggetto.

In etnologia si definisce feticismo una forma di religiosità primitiva che prevede l'adorazione di feticci, ovvero di oggetti - spesso manufatti antropomorfi o zoomorfi - ritenuti dotati di poteri magici.
Il termine di fétichisme fu impiegato per la prima volta dal filosofo e linguista francese Charles de Brosses nel 1760. Il feticismo dagli antropologi evoluzionisti era ritenuto come uno degli stadi più primitivi della religiosità umana, ed era considerato una variante dell'animismo: in realtà si è visto in seguito come le due pratiche religiose si distinguano sotto numerosi aspetti. Attualmente la definizione di "feticcio" viene usata in modo particolare per quegli oggetti considerati carichi di potenza sacra nell'ambito dei culti dei nativi dell'Africa occidentale. Questi "idoli" tribali sono disseminati in tutta la regione, le loro dimensioni variano dal metro fino ad arrivare in alcuni casi anche ai tre metri di altezza.

Decine si statue rubate
L'ultimo censimento delle opere risale al 2005, da allora almeno 60 statue sono state trafugate. Le autorità locali all'oscuro della vicenda, riferiscono che gli idoli scomparsi potrebbero essere stati rubati durante il prolungato conflitto settario che si è verificato tra 1998-2006 , e poi successivamente venduti a collezionisti stranieri in Europa e negli Stati Uniti.
[fonte invasionealiena]

Commenti

Post popolari in questo blog

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO