Genetica, pronta la mappa della "materia oscura" del Dna

Arriva la mappa della “materia oscura” della biologia: il cosiddetto Dna spazzatura, al quale per decenni era stata assegnata questa etichetta nella convinzione della sua inutilità, si rivela invece un autentico regista del codice genetico. Il risultato, pubblicato sulla rivista Nature, si deve al consorzio internazionale Encode (Encyclopedia of Dna Elements) e assegna una funzione ad almeno l'80% dell'intero genoma. Obbliga inoltre a rivedere le definizioni di “gene”.
 
Dna spazzatura occupa il 90% dell'intero genoma - Il cosiddetto Dna spazzatura occupa il 90% dell'intero genoma ed è composta da sequenze non codificanti, ossia che non esprimono proteine e che per questo motivo risulta essere apparentemente privo di funzione. Adesso per la prima volta questa parte misteriosa del Dna non ha più segreti. Il progetto Encode è riuscito a decifrarla analizzando 1.640 genomi completi e dimostra per la prima volta che almeno l'80% di questa apparentemente priva di senso del Dna svolge invece funzioni importanti.
 
Con la scoperta si potrà comprendere la correlazione tra malattie e mutazioni genetiche - Le sequenze apparentemente prive di senso tra i geni, ossia tra le sequenze di Dna che controllano la produzione delle proteine, sono costituite da elementi importantissimi perché regolano l'espressione dei geni. La scoperta ha un'importanza cruciale, non soltanto perché presenta il primo "ritratto completo" del codice della vita, ma perché fornirà nuovi elementi per comprendere meglio la correlazione tra malattie e mutazioni genetiche.
[fonte tiscali]

Commenti

Post popolari in questo blog

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO