Marte, "Curiosiy" scopre le tracce di un antico fiume: ora si cercano tracce di vita elementare


Curiosity, il rover della Nasa arrivato su Marte il 6 agosto scorso, ha scoperto della ghiaia e altri sedimenti proveniente dal letto di un antico fiume. Il rilevamento ha permesso di confermare in tal modo le ipotesi secondo le quali il Pianeta Rosso sarebbe stato in passato ricco di acqua. La forma arrotondata dei sassolini dimostra che non sono stati trasportati dal vento ma dalla corrente: è la prima volta che vengono osservate direttamente delle tracce che permettono inoltre di stimare la velocità della corrente del corso d'acqua (0,91 metri al secondo) e al sua profondità (un metro).

Curiosity in cerca di fossili - Secondo gli esperti dell’agenzia spaziale statunitense, "Curiosity" - la cui missione principale è quella di trovare tracce fossili di vita microscopica - potrebbe trovarsi attualmente in una zona (anticamente) fluviale ai piedi del monte Sharp, a nord del cratere di Gale dove è avvenuto l'atterraggio della sonda. Le missioni fin qui lanciate verso Marte hanno finalmente accertato che l'ipotesi dei geologi, ovvero che il Pianeta Rosso abbia in passato ospitato degli oceani, è corretta.

Improbabile che la vita possa essersi sviluppata sulla superficie di Marte - Rimane da vedere se tale situazione sia durata abbastanza a lungo da permettere lo sviluppo di forme di vita unicellulari, che potrebbero avere lasciato delle tracce fossili. La massa del pianeta è infatti troppo esigua e il campo magnetico troppo debole per trattenere un'atmosfera significativa, e temperatura e pressione atmosferica sono dunque in generale troppo basse per permettere la formazione di H2O in forma liquida alla superficie (il ghiaccio è possibile, ma sublima direttamente in vapore di ghiaccio, rilevato dalle sonde orbitanti).
Forme di vita elementari potrebbero trovarsi nel sottosuolo - Gli scienziati ritengono tuttavia plausibile che sotto la superficie, dove pressione e temperatura sono maggiori, possano essere rimaste delle sacche di acqua in grado di aver conservato anche forme di vita elementari.
[fonte tiscali]

Commenti

Post popolari in questo blog

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO