Cambiamenti climatici: nei prossimi anni le estati Mediterranee saranno sempre più fredde!


Le estati torride nel Sud dell’Europa potrebbero presto diventare solo un lontano ricordo: lo indica l’andamento della temperatura dell’oceano Atlantico, secondo le ultime ricerche degli esperti. Dopo il periodo di riscaldamento che a partire dagli anni ’90 vrebbe reso le estati europee sempre piu’ piovose nel Nord e molto calde nel Sud, lo studio realizzato da un gruppo di ricercatori dell’Universita’ di Reading e pubblicato su Nature Geoscience, prevede a breve un periodo di raffreddamento delle acque oceaniche che avra’ ripercussioni sul clima europeo. Le previsioni delle evoluzioni climatiche dipendono da una enorme quantita’ di parametri difficilmente valutabili ma e’ comunque riconosciuto ormai da tempo che l’Oceano Atlantico e’ in grado di influenzare in maniera molto importante l’evoluzione negli anni del clima europeo. 

Questo fenomeno e’ causato in buona parte dalla cosiddetta Oscillazione Atlantica Multidecennale, un variazione ciclica, della durata di decine di anni, delle temperature delle acque oceaniche. Analizzando i dati disponibili degli ultimi 100 anni, i ricercatori britannici hanno osservato che le acque dell’Atlantico settentrionale sono risultate particolarmente calde nel periodo tra 1931 e 1960, poi hanno avuto una fase fredda successiva, e infine si sono nuovamente riscaldate a partire dai primi anni ’90. La ricerca ha poi voluto verificare alcune possibili relazioni tra questo ciclo oceanico e il clima europeo scoprendo che gli ultimi vent’anni sono stati caratterizzati da anomale estati molto umide nel Nord Europa e contemporanee estati molto secche al Sud. 

Secondo i dati analizzati, questi cambiamenti climatici hanno quindi coinciso con il riscaldamento delle acque dell’Atlantico settentrionale regolato dalla Oscillazione Atlantica Multidecennale. Analizzando i dati climatici dell’intero secolo i ricercatori hanno osservato che le anomalie climatiche dei due periodi sono pressocche’ identiche e potrebbero quindi essere una evidente risposta alle oscillazioni di temperatura dell’Atlantico. Sembra quindi realistico attendersi, concludono i ricercatori, una possibile brusca variazione climatica in Europa, cosi’ come avvenuto al termine dell’oscillazione tra anni ’30 e ’60, con una riduzione generale delle temperature estive e una maggiore umidita’ nelle aree mediterranee.
[fonte meteoweb]

Commenti

Post popolari in questo blog

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO