Il ministro delle finanze giapponese “Italiani, popolo di spendaccioni”


Il vicepremier Taro Aso al G20 economico di Mosca: «In Italia pensano che sia bene non avere risparmi quando si muore»

Italiani popolo di spendaccioni. Il vicepremier e ministro delle Finanze giapponese Taro Aso conferma la fama di gaffeur prendendo di mira il Belpaese per la scarsa propensione al risparmio. 

Aso, all’attenzione dei media per aver sfoggiato nel weekend un cappello Borsalino di feltro («Mafia-style» o «andava a un summit delle cinque famiglie», si sono scatenati i blogger) al G20 finanziario di Mosca dove ha scongiurato la censura ai danni di Tokyo sulla svalutazione dello yen, ha puntato il dito contro le abitudini di spesa italiane nel corso della sessione di ieri dell’audizione parlamentare dinanzi alla commissione bilancio. 

«Il modo di pensare degli italiani è che è bene non avere risparmi quando si muore», ha detto Aso, aggiungendo - secondo il blog nipponico del Wsj - di ritenere che «gli italiani sarebbero probabilmente d’accordo. In realtà, ne sono sicuro». 

Le osservazioni hanno provocato le risate dei parlamentari e, nel tentativo di smorzare i toni, il politico conservatore, appassionato di manga, ha invece rincarato: «Se dico questo, molte persone potrebbero forse chiamarla discriminazione contro l’Italia. Ma se lo chiedo ai miei amici italiani su questo, sono sicuro che diranno `per quale motivo risparmi i tuoi soldi´»? 

Aso, cattolico, ex premier nel 2008-09 (partecipò al G8 a L’Aquila) e nipote del primo ministro del Giappone post bellico, Shigeru Yoshida, è l’uomo forte del governo di Shinzo Abe avendo le deleghe chiave per la lotta alla deflazione cronica e il rilancio dell’economia. 
[fonte lastampa]

Commenti

Post popolari in questo blog

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO