Terapia cellulare fa sperare nella guarigione della Leucemia


Alterazione genetica promettente e mai sperimentata prima.

Per la prima volta una terapia che altera geneticamente il sistema immunitario per indurre le cellule sane a combattere il cancro ha funzionato in pazienti affetti da una forma mortale di leucemia resistente alla chemioterapia.  

Nel caso di un soggetto gravemente malato e in stato terminale, la leucemia è regredita completamente in otto giorni.  

Lo riporta uno studio sperimentale pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine, considerato dai ricercatori “altamente promettente” anche per il trattamento di una vasta gamma di tumori maligni inclusi quelli del sangue e alla prostata.  

La terapia cellulare condotta nel corso dello studio non era mai stata sperimentata prima ed è stata testata su cinque pazienti affetti da leucemia linfoblastica acuta, patologia che colpisce maggiormente giovani fino a 15 anni.  

Negli adulti assume forme più violente e devastanti tanto che la percentuale di sopravvivenza è del 40% contro l’80-90% tra gli under 20. Nonostante sia una malattia piuttosto rara, ogni anno negli Stati Uniti uccide 1.170 persone sopra i 20 anni e 270 tra i più giovani.  

Solitamente i pazienti che registrano una ricaduta dopo la chemioterapia hanno pochi mesi di vita ma la ricerca ha evidenziato che in tre dei cinque soggetti trattati, la malattia è andata in remissione in un periodo tra i cinque e i 24 mesi. Gli altri due invece non sono sopravvissuti. 
[fonte lastampa]

Commenti

Post popolari in questo blog

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO