Usa, Senato boccia riforma su armi, Obama: giorno vergognoso


"Per Washington è un giorno piuttosto vergognoso". 

Così il presidente americano Barack Obama ha commentato la mancata approvazione da parte del Senato della nuova legge bipartisan sulla vendita di pistole e fucili. "Chi rappresentiamo?", ha detto Obama, visibilmente arrabbiato, riferendosi al 90% degli americani che chiede controlli più severi.

In Senato i voti a favore sono stati solo 54, mentre il numero minimo doveva essere 60. L'emendamento riguardava il background check, un documento da presentare all'acquisto un'arma, come garanzia sul proprio passato. Sarebbe stato necessario anche per la compravendita nelle fiere e su internet, ma non tra privati, come chiedevano i democratici.

"Questo - ha promesso Obama - è solo il primo round". Prima di lui aveva parlato un padre delle vittime della scuola di Newtown, in Connecticut. "I nostri cuori sono rotti, ma non il nostro spirito - ha detto il papà di Daniel, morto per un colpo di arma da fuoco a 7 anni - siamo delusi, ma non sconfitti".

Intorno a Obama c'erano alcuni famigliari delle vittime, l'ex deputata Gabby Giffords, sopravvissuta a una sparatoria in Arizona, e il vicepresidente Joe Biden, che poco prima del voto aveva detto: "Spero in Dio che ci siano 60 persone che abbiano il coraggio di lottare per il buonsenso".
[fonte tiscali]

Commenti

Post popolari in questo blog

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO