La cromosfera del sole? E' blu


Una parte dello strato dell'atmosfera del Sole, immortalata per la Nasa da un fotografo rivela un colore inatteso.

Cosa succederebbe se avessimo un sole blu? (What if we had a blue sun?). Un sole tutto blu, di un blu meraviglioso e chiaramente artificiale, che crea un suggestivo contrasto con l’immagine del sole infuocata e rossa che ognuno di noi ha nella mente: sono le istantanee che un fotografo designer ha realizzato per la Nasa e che regalano un’immagine particolareggiata della cromosfera del sole. Rigorosamente in blu.

LA CROMOSFERA - La cromosfera è un sottile strato dell'atmosfera del sole, tra la fotosfera e la corona (lo strato più esterno dell’atmosfera solare). Questo strato va dai 400 ai 2.000 chilometri dalla superficie solare e sostanzialmente risulta trasparente. Ma in realtà non può essere visibile senza l’ausilio di particolari strumenti a causa della fortissima luminosità che non le rende percepibile ai nostri occhi. Solo durante le eclissi solari totali il colore normale del suo profilo, che tende al rosso a causa dell’idrogeno surriscaldato che brucia, può essere individuato a occhio nudo. Ora un fotografo ha realizzato alcuni scatti per la Nasa che offrono una rappresentazione dettagliata della cromosfera solare, regalando una descrizione minuziosa e realistica della palla infuocata.

IL SOLE BLU - Ma ciò che rende lo scatto ancor più unico e suggestivo è il colore blu del sole, che rivela una superficie irregolare, con alcune macchie decisamente più scure in corrispondenza delle zone solari maggiormente attive. L’autore di queste istantanee sorprendenti si chiama Alan Friedman, vive a Buffalo, a New York, ed è un designer di biglietti d’auguri appassionato di fotografia astronomica che di notte asseconda la sua vera vocazione e realizza scatti “celesti”. Pare che la maggior parte della sua attività venga esercitata dal cortile di casa, da dove gira filmati che poi controlla fotogramma per fotogramma, individuando le immagini più pulite, che poi seleziona e combina, neutralizzando in questo modo l'effetto distorcente dell'atmosfera. Un telescopio, un particolare filtro e una webcam: questo è il kit professionale di Friedman che spiega la realizzazione delle proprie opere. Il fotografo ha creato l’immagine avvalendosi di una specifica lunghezza d’onda di luce ultravioletta nota con il nome di CaK che viene prodotta dal calcio ionizzato nell’atmosfera solare e che spiega anche la tinta della fotografia. Friedman ha realizzato nel corso della sua esperienza professionale altri scatti particolari, che nella sua pagina Tumblr mischia con sapienza, combinandoli anche con alcune foto personali, come quella di sua madre, postata poeticamente dopo quella del sole blu.
[fonte c.d.s.]

Commenti

Post popolari in questo blog

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO