L’inganno dei banksters. L’Italia è in gabbia!

Allentano il cappio e subito, a mezzo respiro appena, lo stringono ancora.

Ieri Bruxelles ha chiuso - dopo un mese di sbandieramenti e di parole, parole e parole del nuovo governo italico - la procedura di infrazione per deficit eccessivo (oltre il 3% del pil).

Poi ha però preventivato che il debito (per interessi alle banche dalle quali l’Italia è forzata ad attingere prestiti ad usura) salirà ancora, anche nel 1914.

Quindi la Commissione ha chiesto le solite, già fatte, ma da aumentare, “riforme strutturali: e cioè lavoro più precario e più flessibile.

Mr. Enrico Letta ha annuito - dopo aver già messo le mani avanti e dichiarato che qualche denaro (se ci) sarà spendibile nel 2014 - e ha fatto finta di nulla.

Ma a rimettere nella fascia dei cattivi, reprobi e da condannare gli italiani ci ha pensato subito l’altro istituto “Regolatore”, l’Ocse. L’Organizzazione ha prima profetizzato che la produzione nazionale sarà ancora più negativa nel 2013 (da -1,5 a -1,8) e che giungerà a malapena allo 0,4% nel 2014. Ergo, per l’Ocse, occorre “evitare riduzioni premature delle tasse”.

Non solo, il Dotto vicecapo economista Jorgen Elmeskov, ha vaticinato che per pagare i debiti della Pubblica Amministrazione alle imprese, l’Italia “dovrà contrarre altri prestiti” e comunque ciò comporterà “il rischio di non giungere al pareggio di bilancio”.

Quindi il consiglio bipartigiano di Ue e Ocse è elementare: l’Italia non si preoccupi, continui nella recessione, l’importante è pagare l’usura internazionale.

E se - come dice la stessa Ocse - la percentuale dei senza lavoro “salirà dal 10,6 per cento del 2012 all’11,9 del 2013 e al 12,5 nel 2014”, poco importa: l’importante è soltanto “non morire del tutto”: altrimenti chi pagherà i banksters?
[fonte rinascita]

Commenti

Post popolari in questo blog

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO