Router wireless letali per le piante d'appartamento

Un esperimento condotto da un gruppo di cinque liceali della Hjallerup School di North Jutland, in Danimarca, sta generando non poca preoccupazione tra gli utenti che vivono in abitazioni all’interno delle quali si trovano cellulari e router wi-fi. Il test è stato effettuato quando gli studenti si sono resi conto di aver difficoltà di concentrazione, ancor più dopo aver dormito vicino ai propri telefonini. Non avendo a disposizione attrezzattura scientifica per testare gli effetti delle onde sul cervello umano gli insegnanti hanno consigliato la realizzazione di un esperimento rudimentale di biologia.

L’esperimento - Il team di aspiranti scienziati ha preso 400 semi di crescione, suddividendoli in dodici vassoi. Sei di questi sono stati posizionati accanto a due router Wi-Fi (emettono la stessa radiazione di un comune cellulare), mentre gli altri sono stati collocati in una stanza lontana dalle potenziali contaminazioni elettroniche. Le sementi sono stati curate con la medesima attenzione ma, a distanza di soli 12 giorni, i ragazzi hanno assistito a qualcosa di assolutamente insolito. I semi di crescione posti nella stanza senza router erano germogliati mentre quelli esposti alle onde elettromagnetiche dei router erano diventati di colore marrone, raggrinziti e persino “mutati”.

Stessi risultati in due test distinti - “I miei studenti - ha raccontato Kim Horsevad, insegnante presso il liceo danese - hanno fatto il test due volte ottenendo gli stessi risultati. Hanno fatto l’esperimento per testare una sola variabile al meglio delle loro capacità, si tratta di un esperimento di scuola superiore e questo non è uno studio professionale. Escludo che gli effetti dannosi riscontrati sui semi di crescione siano dovuti al calore del computer o Access Point utilizzati nell’esperimento. Gli alunni sono stati molto attenti e hanno mantenuto simili condizioni di test. I semi di crescione in entrambi i gruppi durante tutto l’esperimento sono stati tenuti sufficientemente umidi, la temperatura è stata controllata con il termostato. I computer sono stati messi in modo che il calore non pregiudicasse la germinazione dei semi, ciò è stato verificato tramite la misura della temperatura”.

L'insegnante: "Risultati drammatici" - “I risultati dell’esperimento sono drammatici - ha poi commentato la docente - anche se non è esattamente chiaro perché questo è accaduto, si è pensato che la radiazione prodotta dal router è ciò che ha fermato la germinazione dei semi. E’ necessario fare ulteriori ricerche, ma vanno oltre le nostre possibilità”. 

L’esperimento ha sicuramente catturato l’attenzione della comunità scientifica internazionale. Due scienziati, il professor Olle Johansson presso il Karolinska Institutet in Svezia e dottor Andrew Goldsworthy presso l’Imperial College di Londra, hanno espresso un interesse per l’esperimento da ripetere in un ambiente di laboratorio professionale.
[fonte tiscali]

Commenti

Post popolari in questo blog

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO