Cipolla: proprietà benefiche di un vegetale antichissimo, usato dagli Egizi per conservare intatte le mummie

La cipolla è uno dei vegetali commestibili più antichi: le sue prime tracce compaiono nella Bibbia. Sappiamo che era uno dei cibi preferiti dagli Egizi e, insieme all’aglio, costituiva l’unica fonte di sostentamento per gli schiavi impegnati nella costruzione delle Piramidi. In seguito venne adorata da essi quasi come se fosse una divinità, per via della sua forma circolare e per i cerchi concentrici, significato della vita eterna. Le cipolle erano anche introdotte nel corpo mummificato dei Faraoni per tenere lontani i batteri e conservare la mummia; come dimostrano le tracce di cipolla ritrovate nelle orbite oculari della mummia Ramses IV.

Sono stati invece i Romani a introdurre le cipolle, come noi le conosciamo, nel Vecchio Continente; mentre Cristoforo Colombo le fece conoscere in Nord America, sebbene i nativi americani mangiassero già un parente selvatico della cipolla coltivata. La cipolla è una pianta erbacea e bulbosa della famiglia delle Liliaceae, come l’aglio, lo scalogno, il porro e l’asparago, il suo nome latino è “Allium cepa”, è originaria dell’Asia centrale, può essere consumata cruda (es. in insalate) o cotta (come base del soffritto o come contorno di secondi piatti); è ricca di sali minerali (ferro, potassio, magnesio, fosforo e calcio) e di vitamine (in particolare, A,B, C ed E) ed  ha moltissime proprietà benefiche per la salute: il suo caratteristico odore è dovuto al disolfuro di allilpropile, un’essenza a cui è dovuta la maggior parte delle sue proprietà. Le sostanze solforate presenti nella cipolla riducono i trigliceridi e il colesterolo, combattono l’aggregazione piastrinica per rendere più fluido il sangue, aiutano a prevenire trombi o coaguli e altre malattie cardiovascolari.

Inoltre, è un ottimo stimolante dell’apparato digerente (compresi fegato e pancreas), è un buon regolatore intestinale, è un potente diuretico, grazie all’acido glicolico e ai sali di potassio (non a caso è utilizzato in tutte le malattie delle vie urinarie: calcoli renali e vescicali, cistiti e prostatiti),  stimola la funzione disintossicante del fegato ed è consigliata per chi soffre di patologie epatiche, normalizza la flora batterica intestinale, rallenta i processi putrefattivi che liberano sostanze tossiche che possono portare al cancro del colon e del retto. Ha proprietà antifungine, è un potente antibatterico naturale in grado di proteggere e stimolare le difese immunitarie, previene l’arteriosclerosi, abbassa la pressione sanguigna, ha proprietà lassative. Il succo della cipolla è un coadiuvante nel trattamento delle patologie bronchiali, ha azione mucolitica ed espettorante; le sostanze solforose contenute in essa esercitano un effetto benefico anche sulle reazioni allergiche (es. asma), inibendo la forte reazione infiammatoria che si sviluppa in queste patologie; ha effetti benefici nel trattamento di raffreddore, mal di gola e influenza; allevia il mal di testa dovuto a queste patologie per via della sua azione antinfiammatoria. Inoltre, la cipolla contiene molti antiossidanti che proteggono dall’invecchiamento cutaneo e cellulare, si può usare come trattamento adiuvante nella terapia del diabetico per ridurre la quantità di insulina da somministrare, è un ottimo rimedio casalingo in caso di punture di insetto, accelera il metabolismo grazie all’acido glicolico ed è un ottimo rimedio contro l’otite dei piccoli.
[fonte meteo-w.]

Commenti

Post popolari in questo blog

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO