Germania, prigionieri di guerra costretti a donare sangue: lo scandalo colpisce Volkswagen e la catena Aldi

Uno studio del Btsu, l’istituto di studi sugli archivi della Stasi, rivela che negli anni Settanta e Ottanta in Sassonia, il regime della Germania Est prelevava a forza il sangue ai carcerati - tanto che molte infermiere si rifiutarono di farlo – per venderlo in Occidente. In molti anche obbligati a lavorare per grandi gruppi.

Prigionieri costretti negli anni 70 e 80 a donare sangue che poi veniva venduto dal regime della Germania Est in Occidente, persino alla Croce rossa bavarese. Ma anche obbligati a lavorare per multinazionali come Ikea, Volkswagen o a fabbricare prodotti per miriadi di centri commerciali o ipermercati come Aldi. E’ quanto emerso da uno studio del Btsu, dell’istituto di studi sugli archivi della Stasi, non ancora pubblicato, ma anticipato dall’emittente televisiva Ard.  

L’autore, Tobias Wunschnik, ha scoperto che a Graefentonna, in Turingia e a Waldheim, in Sassonia, ai carcerati veniva prelevato il sangue, spesso a forza - tanto che molte infermiere si rifiutarono di farlo – per essere venduto al di là della Cortina di ferro. Motivo: nella Germania comunista si stava spargendo la voce che il regime di Honecker stesse esportando sangue donato dai cittadini: il business continuò, dunque, in incognito, attraverso i prelievi forzosi imposti ai detenuti. 

Ma nel saggio si parla anche di manodopera, sempre quella delle prigioni della Germania comunista, sfruttata da numerose imprese occidentali per produrre merci del valore di circa 200 milioni di marchi all’anno, secondo una stima che Wunschnik ha definito ”molto cauta”, parlando con il quotidiano berlinese Tagesspiegel. Aldi ha ammesso di aver approfittato dei lavoratori a bassissimo costo, ma ha aggiunto di non essere stata al corrente che si trattasse di prigionieri sfruttati dal regime. Stessa musica per Vw, accusata di essersi fatta costruire componentistica nella fabbrica di Ruhla.  
[fonte lastampa]

Commenti

Post popolari in questo blog

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO