Tumore del cavo orale: fattori di rischio, sintomi, diagnosi, cura e prevenzione

Su scala mondiale, i tumori del cavo orale, insieme a quelli della laringe e della faringe, rappresentano il 10% circa di tutte le neoplasie maligne negli uomini e il 4% nelle donne. I principali fattori di rischio, per tutti i tipi di tumori del cavo orale, sono: il fumo (sigaretta, pipa o sigaro aumentano il rischio di sviluppare il cancro alla laringe, alla bocca, alla gola e all’esofago), il consumo di alcol e qualunque condizione di traumatismo della superficie interna della bocca.

Il rischio di sviluppare un tumore del cavo orale è alto per un paziente ultraquarantenne, fumatore, ed altissimo per un paziente ultraquarantenne, fumatore, consumatore di alcol, con presenza di casi di cancro orale nella storia familiare. Ma altre cause possono favorire l’insorgere del cancro: una scarsa igiene orale, la masticazione di tabacco (dato che i consumatori cronici di tabacco non fumato sono 50 volte più a rischio di sviluppare il cancro orale rispetto ad un non fumatore), un errato posizionamento di protesi dentarie. Un possibile fattore di rischio, per quanto concerne il tumore del labbro, è dato dall’esposizione ai raggi solari.

Purtroppo, non sempre i pazienti sono in grado di identificare i primi sintomi del cancro orale. Tra i più frequenti: la presenza di una piaga sulle labbra, sulle gengive o all’interno della bocca che sanguina facilmente e non guarisce, un nodulo o un ispessimento della guancia che si sente con la lingua, la perdita della sensibilità o l’intorpidimento di una parte della bocca, la comparsa di chiazze bianche o rosse su gengive, lingua o all’interno della bocca, difficoltà a masticare o ingerire il cibo, irritazione o dolore inspiegabile in bocca, la sensazione che qualcosa è bloccato in gola senza una ragione, il cambio di voce, un gonfiore alla mandibola che causa problemi di inserimento della dentiera. I sintomi non vanno mai sottovalutati, poiché una diagnosi precoce può consentire di mettere subito in atto le cure ideali per poter guarire bene e in fretta.

Quando si sospetta un tumore della cavità orale; bocca, faringe, cavità nasali, laringe e trachea vengono esaminati con un endoscopio, prelevando campioni di tessuto dalle zone sospette. Si effettuano radiografie degli organi di viso e gola, oppure si ricorre alla tomografia computerizzata o alla tomografia a risonanza magnetica. Quanto alle cure, per il tumore del cavo orale si ricorre all’asportazione chirurgica del cancro e dei linfonodi circostanti, ma può essere curato anche con la brachiterapia (un tipo di radioterapia). Radioterapia e chemioterapia possono essere usati dopo l’intervento, in caso di tumori avanzati. Per prevenire il cancro del cavo orale, occorre: non fumare e non abusare di alcol, assumere una dieta ricca di frutta e verdura, migliorare la propria igiene orale, seguendo i consigli del dentista, eseguire visite periodiche ogni 6 mesi da uno specialista o dal dentista, farsi insegnare dal dentista l’autoesame della bocca.
[fonte meteoweb]

Commenti

Post popolari in questo blog

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO