Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2018

IL 25 MAGGIO 2018, LA SVOLTA PER LA PRIVACY IN EUROPA

Immagine
Il 25 maggio 2018 è il giorno in cui il nuovo Regolamento UE 2016/679 sarà direttamente applicato in tutti i Paesi dell’Unione Europea e andrà a sostituire l’attuale Codice della Privacy (Dlgs 196/2003) oggi vigente in Italia. Il Regolamento introdurrà regole più chiare e semplici in materia di informativa e consenso, puntando a garantire maggiori tutele per i cittadini in maniera omogenea in tutta l’Unione, sebbene ogni Stato possa integrare i contenuti del regolamento. In Italia questo ruolo sarà ancora gestito dal Garante della Privacy. Il regolamento diventerà immediatamente applicabile senza bisogno di essere recepito con provvedimenti nazionali; avremmo quindi un testo unico valido in tutti i paesi UE che mirerà a rendere omogeneo ed elevato il livello di protezione dei dati personali e a favorire la circolazione degli stessi all’interno dell’Unione Europea. Agli Stati Membri dell’Unione rimarrà la possibilità di introdurre ulteriori regole e condizioni.
Con l’uscita del Regola…

La Luna è ricca d’acqua, analisi agli infrarossi danno il via a missioni spaziali interplanetarie

Immagine
La Nasa potrà servirsene per le future esplorazioni. Potrà essere usata per dissetare gli astronauti, convertita in idrogeno e ossigeno per ottenere propellente per i razzi o ancora in ossigeno respirabile.
L'acqua sulla Luna è dappertutto, non confinata soltanto alle regioni polari o a particolari tipi di terreno come si credeva: lo ha scoperto la nuova analisi dei dati di due missioni lunari condotta dal Goddard Space Flight Center della Nasa e pubblicata sulla rivista Nature Geoscience. Se l'acqua fosse presente sulla Luna in grandi quantità e  se fosse abbastanza accessibile, i futuri esploratori potrebbero utilizzarla come acqua da bere o convertirla in idrogeno e ossigeno per ottenere propellente per i razzi, o ancora in ossigeno respirabile.
Così hanno identificato la firma dell'acqua I ricercatori, guidati da Joshua Bandfield, dello Space Science Institute di Boulder, in Colorado, si sono basati sui dati raccolti fra il 2008 e il 2009 dalla missione indiana Chandra…

L'espansione dell'universo è più veloce del previsto

Immagine
L'universo si espande molto più rapidamente del previsto: la sua velocità è del 10% superiore a quella rilevata finora. Lo indica la misura più precisa mai ottenuta di questo fenomeno, pubblicata sull'Astrophysical Journal.
A 100 anni dai primi calcoli della velocità di espansione dell'universo, il risultato apre la finestra su un lato misterioso del cosmo perché fornisce i primi indizi di una nuova fisica, ossia di una fisica le cui regole non corrispondono più a quelle previste dalla teoria di riferimento.
Il risultato si deve anche a uno dei papà della scoperta che l'espansione sta accelerando, il Nobel per la fisica Adam Riess. Del suo gruppo, presso l'americano Space Telescope Science Institute (STScI) e la Johns Hopkins University, fa parte l'italiano Stefano Casertano.
Possibile grazie ai dati del telescopio spaziale Hubble, dedicato all'astrofisico statunitense che ha scoperto l'espansione dell'universo, il risultato "apre le porte a u…

Tubercolosi, 2 mln i ragazzi colpiti ogni anno nel mondo

Immagine
La tubercolosi è un fardello oneroso per giovani e giovanissimi, specie nel Sud del mondo: si stima che quasi 2 milioni tra bambini e ragazzi di 10-24 anni siano colpiti ogni anno dalla malattia e che la fascia d'età più a rischio sia quella tra 20 e 24 anni. Sono le cifre riferite in un lavoro pubblicato sull'European Respiratory Journal, che fornisce le prime stime globali sulla malattia relativamente ai giovani. Anche in Italia, le stime evidenziano che il fenomeno è presente: nel 2016 sono stati infatti trattati per tubercolosi 680 pazienti di 15-24 anni.
Condotta da Kathryn Snow della Università di Melbourne in Australia, la ricerca è stata eseguita su diversi set di dati (periodo di riferimento il 2012) suddividendo l'età giovanile, qui considerata per la prima volta in modo così approfondito, in tre fasce: 10-14 anni, 15 -19 e 20-24 anni. "Nel lavoro - spiega Snow all'ANSA - non abbiamo eseguito stime per singolo paese ma solo per area geografica". Ci…

Misteriosa particella radioattiva nel cielo dell'Alaska

Immagine
Una misteriosa particella radioattiva è stata scoperta per caso nell'atmosfera dell'Alaska, in corrispondenza delle isole Aleutine, durante una campagna di ricerca dell'agenzia di ricerca sull'atmosfera e gli oceani degli Stati Uniti (Nooa). La particella, descritta sul Journal of Environmental Radioactivity, contiene una forma di uranio arricchito dall'origine sconosciuta e la sua sorgente non sembrerebbe essere naturale.
Secondo una prima ipotesi potrebbe essere stata prodotta in seguito a un incidente nucleare, probabilmente avvenuto in Asia, forse nella Corea del Nord, ma al momento non c'è alcuna conferma. La particella, descritta soltanto adesso in un articolo scientifico, è stata scoperta nell'agosto 2016, durante un normale campionamento dell'inquinamento aereo sull'oceano Pacifico, dalle isole Hawaii all'Alaska.
Rilevata a circa 7 chilometri di quota, la particella non preoccupa per la sua radioattività, considerando le dimensioni molt…

Et non fa paura, anzi piacerebbe a molti

Immagine
Dalla Guerra dei mondi a Indipendence day e Mars Attacks, sono tanti i film di fantascienza che hanno immaginato un'invasione ostile degli alieni, ma nella realtà agli esseri umani l'idea che possano esistere civiltà extraterrestri non fa paura, anzi piace molto. Lo indicano tre ricerche pubblicate sulla rivista Frontiers in Psychology e condotte negli Stati Uniti, presso l'Arizona State University, basate sull'analisi di articoli usciti su quotidiani e interviste.
"Se ci trovassimo faccia a faccia con forme di vita aliene saremmo molto contenti. Finora c'è stata molta speculazione su come avremmo risposto a questo tipo di notizia, ma di fatto non ci sono quasi studi empirici", ha osservato il coordinatore di una delle ricerche, Michael Varnum.
Nel primo studio sono stati passati in rassegna gli articoli pubblicati dal 1996, anno della scoperta del meteorite che aveva fatto pensare a eventuali microrganismi fossili, alle più recenti notizie sulla Tabby S…

Il paradosso del nucleo della Terra: perché è solido?

Immagine
Nonostante tutte le nostre tecnologie, non c'è risposta a quello che per noi resta un paradosso: perché il nucleo interno della Terra è solido?
Con tutta la nostra tecnologia, la struttura interna del pianeta che abitiamo è a tutti gli effetti qualcosa che sfugge alle nostre possibilità di esplorazione diretta. Le tecnologie di perforazione messe a punto in questi anni per raggiungere profondi giacimenti petroliferi ci permettono di arrivare a circa 10 chilometri al di sotto della superficie terrestre, e il pozzo più profondo mai raggiunto ci ha portati a poco più di 12 chilometri di profondità: andare oltre richiederebbe uno sforzo tecnologico ed economico che nessuno, al momento, pare voler intraprendere. In più, i pozzi realizzati sul pianeta sono relativamente pochi e hanno permesso di ottenere limitate informazioni dirette sull'interno della Terra.
Il quadro che abbiamo di ciò che sta sotto i nostri piedi è dunque stato dedotto indirettamente dallo studio delle onde sism…

Perché festeggiamo San Valentino?

Immagine
San Valentino, la festa degli innamorati affonda le sue radici nella festa più sfrenata dell'antica Roma, quella della fertilità, famosa per i suoi eccessi e trasgressioni. Poi venne un papa e comparve san Valentino. O meglio, tre.
La tradizione di San Valentino quale protettore degli innamorati risale  all'epoca romana,  nel 496 d.C., quando l’allora papa Gelasio I volle porre fine ai lupercalia, gli antichi riti pagani dedicati al dio della fertilità Luperco.
Questi riti si celebravano il 15 febbraio e prevedevano festeggiamenti sfrenati ed erano apertamente in contrasto con la morale e l'idea di amore dei cristiani.
NUDI E FRUSTATI. In particolare il clou della festa si aveva quando le matrone romane si offrivano, spontaneamente e per strada, alle frustate di un gruppo di giovani nudi, devoti al selvatico Fauno Luperco. Anche le donne in dolce attesa si sottoponevano volentieri al rituale, convinte che avrebbe fatto bene alla nascita del pargolo.
In fondo, ad alleviare i…

Il Sole schiaccia un pisolino, si sveglierà nel 2019

Immagine
Il Sole schiaccia un 'pisolino' per recupera le forze prima del risveglio che nel 2019 segnerà l'inizio del nuovo ciclo della sia attività. Il suo 'saluto' è nella comparsa di un gruppo di macchie in prossimità dell'equatore che si estende per circa 100.000 chilometri, ossia 7,8 volte il diametro della Terra. 
"Quando le macchie solari cominciano a formarsi in prossimità dell'equatore è il segno che il Sole è vicinissimo alla fase di minima attività e si prepara a iniziare un nuovo ciclo", ha detto all'ANSA il fisico solare Mauro Messerotti, dell'Osservatorio di Trieste dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e dell'università di Trieste. L'attività magnetica del Sole varia, infatti, secondo un ciclo che dura in media 11 anni: è il periodo che intercorre tra una fase di minima attività e la successiva ed è misurato in base al numero di macchie che appare sulla superficie solare. 
I cicli sono stati numerati a partire dal…

La Terra non ha avuto oceani per 500 milioni di anni

Immagine
Nei primi 500 milioni di anni della sua vita la Terra potrebbe non avere visto agitarsi sulla sua superficie le acque degli oceani. Lo indica lo studio condotto nell'Università del Colorato a Boulder e pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters, che indaga su un' rigonfiamento' della Luna circa 20 volte piu' grande del previsto. E' lo stesso rigonfiamento che hanno molti oggetti nel nostro Sistema Solare in corrispondenza dell'equatore, ma quello osservato sulla Luna è davvero insolito.
Era noto dal un paio di secoli cioe' che la Luna ha un rigonfiamento piu' grande del previsto a a causa dell'attrazione esercitata dalla Terra. "Fino ad ora questo fenomeno era stato interpretato come un effetto della vicinanza della Luna alla Terra, che nelle prime ere geologiche doveva essere maggiore di quella attuale", osserva l'esperto di geologia planetario Gian Gabriele Ori, direttore dell'International Research School of Planetar…

Cosa ha provocato realmente l’estinzione dei ¾ della vita sulla Terra 66 milioni di anni fa? Un nuovo studio suggerisce altre cause oltre l’asteroide.

Immagine
Secondo un nuovo studio, in un certo momento dopo l’impatto dell’asteroide, forti e insolite eruzioni si sono verificate sul fondale degli oceani, probabilmente in quelli che ora sono l’Oceano Pacifico e quello Indiano.
L’enorme asteroide che ha eliminato i dinosauri potrebbe aver attivato una catena di eruzioni vulcaniche cataclismiche sulla terra e in mare, secondo un nuovo studio dell’University of Minnesota che divide ancora gli scienziati.
Circa 66 milioni di anni fa, un asteroide di circa 10 km si è schiantato sulla Terra, creando il cratere di Chicxulub nello Yucatan, provocando un caos letale. Particelle incandescenti piovevano dal cielo, provocando incendi in tutto il mondo e aumentando le temperature. Poi la situazione è peggiorata. Le nubi di particelle riflettevano l’energia del sole, oscurando i cieli e raffreddando la terra per diversi anni. E quel grande impatto ha attivato terremoti quasi 100 volte più forti del più grande osservato in epoca moderna. Tutto questo è ba…

Quei rastrellamenti partigiani rimasti nascosti per 75 anni

Immagine
Inedita testimonianza sui giorni dopo l'armistizio: «A Sussak fecero sparire un migliaio di corpi trasformandoli in sapone».
I partigiani di Tito portavano in una cartiera i «nemici del popolo» con un furgone della polizia italiana, che avevano sequestrato, per ridurli letteralmente a pezzi in barbare esecuzioni.
Poi si disfacevano per sempre dei resti nel vicino saponificio, come i nazisti. L'orrore perpetrato vicino a Fiume subito dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 viene rivelato per la prima volta da un'inedita testimonianza scritta anni fa e mai resa pubblica, in possesso del Giornale. La mattanza di prigionieri croati o italiani andò avanti per giorni, come in altre parte dell'Istria, dove i partigiani jugoslavi assunsero il controllo fra il settembre ed il novembre 1943 nella prima ondata delle foibe.
«Questo fatto che ora vado a raccontare sembra inverosimile e lo dico come lo ebbi a sapere» scrive l'autore dell'inedita violenza alle porte …

Promossa' la trivella italiana che cercherà vita su Marte

Immagine
Completati con successo i test di qualifica spaziale della trivella italiana che cercherà vita su Marte durante la nuova missione europea ExoMars prevista per il 2020. Lo ha annunciato Marco Stanghini, responsabile Sviluppo business Spazio Leonardo, in occasione della presentazione della mostra 'Marte.
Incontri ravvicinati con il Pianeta Rosso', dal 9 febbraio al 3 giugno al Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia di Milano. La trivella, realizzata da Leonardo nello stabilimento di Nerviano (Milano), è stata sottoposta a quattro mesi di prove presso i laboratori del Cisas (Centro di Ateneo di Studi e Attività Spaziali 'Giuseppe Colombo') di Padova: in una speciale camera allestita ad hoc, ha dimostrato di poter operare in un ambiente identico a quello marziano.
Con la sua punta in diamante, lo strumento cercherà tracce di vita nel sottosuolo del Pianeta Rosso scavando fino a due metri di profondità, dove le eventuali attività biologiche non dovrebbero essere cancel…

Una nuova tecnologia promette di curare velocemente le gravi ferite e le lesioni croniche

Immagine
Un team di ricercatori svedesi dell’Università di Uppsala e della SLU ha annunciato di esser riuscita ad accelerare la guarigione delle ferite. Stando a quanto spiegato dagli scienziati, che hanno visto i risultati del proprio studio pubblicati integralmente sulle pagine della prestigiosa rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (Pnas), l’obiettivo è stato raggiunto grazie  all’utilizzo di batteri lattici come vettori per produrre e fornire una chemochina umana direttamente sulle ferite. La nuova tecnica, che funziona anche per il trattamento di ferite gravi e croniche, quelle più complesse da gestire dal sistema sanitario, consentirà di curare i pazienti con minimi quantitativo di antibiotici, indispensabili per bloccare la diffusione delle infezioni.
Meno antibiotici contro le infezioni E’ indubbio che, con l’invecchiamento della popolazione mondiale, l’insorgenza di malattie croniche come il diabete e l’allarmante diffusione della resistenza agli antibiotici, il trat…

Virus piovono dal cielo, centinaia di milioni a metro quadro

Immagine
Moltissimi virus piovono letteralmente dal cielo: sollevati dalla superficie terrestre ad opera di polveri e aerosol, si depositano nella bassa atmosfera a concentrazioni di oltre 800 milioni per metro quadrato, per poi viaggiare per migliaia di chilometri e ricadere di nuovo al suolo. A contarli per la prima volta è lo studio pubblicato sull'International Society for Microbial Ecology Journal da un gruppo di ricercatori canadesi, statunitensi e spagnoli coordinato dalla University of British Columbia, in Canada.
Lo studio è stato concepito per valutare quanto materiale (tra virus e batteri) viene trasportato sopra il cosiddetto 'strato limite planetario', ovvero la porzione dell'atmosfera che si estende entro i primi 2-3 chilometri di altezza ed è direttamente influenzata dalla superficie terrestre: a questa altitudine (inferiore a quella a cui volano gli aeroplani) le particelle possono essere trasportate per moltissimi chilometri.
Sfruttando dei rilevatori installa…

Ozono: il buco si chiude ai poli, ma la situazione peggiora nel resto del pianeta

Immagine
LA BUONA notizia era arrivata giusto lo scorso 5 gennaio: il buco nell'ozono si sta finalmente riducendo, e sarebbe già ridimensionato del 20% rispetto al 2005. Ad appena un mese dall'annuncio però, una nuova ricerca sembra già destinata a ridimensionare l'ottimismo della comunità scientifica: se ai poli infatti lo strato di ozono sembra effettivamente in crescita, a latitudini inferiori - dove tra l'altro si concentrano le aree più popolate del pianeta - la situazione sarebbe molto diversa, e ben poco rassicurante. È l'allarme che arriva da uno studio internazionale apparso sulle pagine della rivista Atmospheric Chemistry and Physics, che ha analizzato la distribuzione dell'ozono nell'atmosfera utilizzando una innovativa tecnica satellitare.
LO STUDIO I risultati dello studio, infatti, sono stati resi possibili dallo sviluppo di un nuovo algoritmo di analisi, con cui diversi team di scienziati di tutto il mondo hanno potuto mettere in comune i dati raccolti…

Allerta Ecdc, si avvicina all'Europa la zanzara che porta febbre gialla e Zika

Immagine
Il Centro Europeo per il Controllo delle Malattie (Ecdc) lancia l'allarme e invita i Paesi europei a rafforzare la sorveglianza sulle zanzare, perchè la temibile 'Aedes aegypti', portatrice di diverse malattie tropicali da Zika alla febbre gialla, è ormai alle porte del continente. 
Dal 2007, scrivono gli esperti, la specie vive stabilmente a Madeira, intorno al Mar Nero, e sulla costa turca. Nel 2017 è tornata in Egitto, e la Spagna ha riportato alcuni ritrovamenti nelle Canarie. "Se non saranno prese misure - avvertono gli esperti - la zanzara si diffonderà con molta probabilità nelle aree estreme dell'Europa, che potrebbero diventare un serbatoio per l'introduzione dei vettori nel continente. Questo aumenterebbe il rischio di focolai locali di virus". La aegypti, ricorda l'Ecdc, è stata endemica nell'Europa meridionale fino a metà del '900, le condizioni climatiche europee permettono una proliferazione in caso di reintroduzione.
L'alle…

Né rossa né bianca: la carne del maiale è rosa. E fa bene.

Immagine
«Il maiale? No, grazie. È grasso, non fa bene, meglio una fettina di pollo o tacchino».
Se pensate che quanto sopra sia vero, vi invitiamo a ricredervi. La situazione è molto diversa, come ci fa capire Giorgio Donegani, nutrizionista e tecnologo alimentare.
«Il maiale? No, grazie. È grasso, non fa bene, meglio una fettina di pollo o tacchino, magari alla piastra. O un filetto bello magro, anche se costa».
Se pensate che quanto sopra sia vero, vi invitiamo a ricredervi. Non tanto sul pollo o sul filetto, ma sul maiale, la cui reputazione sconta un punto di vista antico e superato dai fatti, ma non da una consuetudine infelicemente radicata nel pensiero di molti. La situazione è molto diversa, come ci fa capire Giorgio Donegani, nutrizionista e tecnologo alimentare.
Prendiamola alla larga: secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la carne fa male. Cosa ne pensa? Penso anzitutto che l’OMS non abbia detto così, ma che ciò sia il risultato di una sintesi giornalistica sbagliata…

I pianeti di Trappist-1 potrebbero ospitare la vita

Immagine
I sette pianeti della stella Trappist-1 continuano a stupire ed entusiasmare: tutti infatti hanno acqua e potrebbero ospitare la vita. Ad un anno dalla loro scoperta, si fa più dettagliato il loro identikit grazie a quattro studi coordinati pubblicati sulle riviste Nature Astronomy & Astrophysics.
Le caratteristiche di questi pianeti ricordano quelle del Sistema Solare e TRAPPIST-1e, il quarto dalla sua stella, potrebbe essere molto simile alla Terra.
I ricercatori, guidati da Amaury Triaud, hanno osservato che tutti i pianeti hanno fino al 5% della loro massa fatto d'acqua. Un dato significativo, se si considera che sulla Terra gli oceani rappresentano solo lo 0,02% della massa. Cinque dei sette pianeti inoltre sembrano essere privi di idrogeno ed elio nella loro atmosfera, proprio come Nettuno e Urano, mentre TRAPPIST-1e appare come il più simile alla Terra per dimensioni, densità e quantità di radiazioni che riceve dalla sua stella, anche se la sua atmosfera non è stata an…

Un girotondo di galassie sfida gli astronomi

Immagine
Un girotondo cosmico, nel quale piccole galassie danzano in modo ordinato attorno ad una molto più grande, sta sfidando le attuali teorie della cosmologia relative alla formazione delle galassie. La 'danza' è stata osservata attorno alla galassia Centaurus A, distante 13 milioni di anni luce, ed è descritta sulla rivista Science dal gruppo internazionale coordinato dall'università di Basilea, con Oliver Mueller, e del quale fa parte l'italiano Federico Lelli, dell'Osservatorio Europeo Australe (Eso). 
Sono 16 le galassie satelliti che ruotano attorno a Centaurus A; di queste, 14 ruotano su uno stesso piano ideale, dando origine a un movimento molto ordinato, una sorta di disco attorno alla galassia madre. Secondo le attuali teorie di riferimento della cosmologia, invece, il loro movimento avrebbe dovuto essere caotico, considerando dell'influenza esercitata dalla materia oscura, ossia dalla materia sconosciuta e invisibile che occupa il 25% dell'universo. 

I batteri re Mida, trasformano in oro i metalli pesanti

Immagine
Mangiano i metalli pesanti senza avvelenarsi e li digeriscono producendo oro: sono i batteri 're Mida'. Descritti sulla rivista Metallomics, vivono nel suolo e potrebbero essere preziosi in futuro per l'ambiente, come già avviene con un'eterogenea classe di microrganismi 'green': dai batteri 'mangia-petrolio o plastica' a quelli antiruggine.
Chiamati C. metallidurans, le minuscole 'fabbriche di orao' viventi sono state studiate dai ricercatori delle università tedescche Martin Lutero di Halle-Wittenberg e da quella Tecnica di Monaco e dall'Università australiana di Adelaide. La sfida era capire come i microrganismi riuscissero a fabbricare l'oro e una delle ipotesi è che questo metallo faciliti la conversione del calcio, importante per il metabolismo del batterio, ma tossico a elevate concentrazioni, in una forma più facile da utilizzare.
Colonie di batteri C. metallidurans. I puntini gialli sono le minuscole pepite d'oro che produc…

L’acrilammide aumenta il rischio di tumore ed è presente in patatine fritte, pane, caffè.

Immagine
L’acrilammide è una sostanza presente negli alimenti. Il suo consumo va tenuto sotto controllo perché è in grado di  aumentare il rischio di sviluppare mutazioni genetiche e tumori. L’Efsa (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) ha stilato un rapporto in cui valuta i livelli di acrilammide e di altre sostanze nocive nel cibo (2015-2016). Nel rapporto viene spiegato cos’è l’acrilammide, in quali cibi è più facile trovarla e in quali quantità. L’aspetto dorato e il profumo di “pane appena sfornato” sono tipici di alcuni alimenti da forno e queste caratteristiche si devono alla reazione di Maillard in cui amminoacidi e zuccheri reagiscono ad alte temperature. Uno degli effetti di questa reazione – se avviene a temperature troppo elevate in cibi che contengono l’amminoacido asparagina – è la produzione di acrilammide. La sostanza, quindi, si forma naturalmente in alimenti ricchi di amidi e asparagina durante la cottura oltre i 120°: pane tostato, prodotti da forno, patate fritte, …