Onu, carenza d'acqua può colpire 5 miliardi di persone nel 2050

La carenza d'acqua potrebbe interessare, per almeno un mese all'anno, circa 5 miliardi di persone entro il 2050, ossia circa la metà della popolazione mondiale stimata per quella data. A dirlo è l'Onu, nel rapporto sulle acque mondiali presentato oggi a Brasilia. Tra le cause della carenza d'acqua l'Onu indica cambiamento climatico, aumento della domanda e inquinamento. A metà secolo potrebbero quindi aumentare fino a due miliardi le persone che vivono in aree in cui l'acqua è scarsa.

Il rapporto dell'Onu, presentato in vista della Giornata mondiale dell'acqua del 22 marzo, rileva che nel 2050 tra 4,8 e 5,7 miliardi di persone potrebbero fronteggiare la carenza di risorse idriche, a fronte dei 3,6 miliardi attuali. Nello stesso periodo la popolazione mondiale dovrebbe passare dai 7,7 miliardi attuali a 9,4-10,2 miliardi. Ad oggi l'uomo consuma 4.600 chilometri cubi d'acqua l'anno, di cui 70% per l'agricoltura, 20% per l'industria e 10% per le famiglie. La domanda globale d'acqua, si legge nel rapporto, è sestuplicata negli ultimi 100 anni e continua a crescere al ritmo dell'1% l'anno. Fra 30 anni quindi il mondo potrebbe aver bisogno del 30% d'acqua in più rispetto a oggi. Un tale aumento della domanda potrebbe innescare conflitti, avvertono gli esperti. Tuttavia sono possibili azioni per ridurre lo stress su fiumi, laghi e falde acquifere. Le soluzioni spaziano dalla conservazione delle zone umide all'aumento degli spazi verdi urbani. Fondamentali sono soprattutto le pratiche agricole, come l'uso delle acque piovane e la rotazione delle colture.

World Water Forum. Più di 840 milioni di persone in tutto il mondo, ovvero una persona su nove, non hanno accesso all'acqua sicura, e 2,3 miliardi, ovvero una persona su tre, non hanno accesso ai servizi igienici. "Nel mondo ci sono più persone con un cellulare che con un bagno", ha spiegato l'attore Matt Damon, che da anni si dedica all'attivismo sul tema. I dati sono emersi all'ottava edizione del World Water Forum, che si tiene a Brasilia dal 18 fino al 23 marzo, in concomitanza con la Giornata Mondiale dell'Acqua, il 22. Oltre 10 capi di stato, tra cui il presidente del Brasile Michel Temer, il presidente dell'Ungheria János der, il presidente del Senegal Macky Sall, il primo ministro della Corea del Sud Lee Nak-yeon, oltre a vari amministratori delegati di aziende Fortune 500, si incontrano nella capitale brasiliana per partecipare ai panel di alto livello e ad oltre 200 sessioni, in cui si traccerà il futuro della sicurezza idrica per i prossimi tre anni. Durante le sessioni, migliaia di partecipanti si riuniscono per cercare soluzioni alle sfide che tutto il mondo sta affrontando per garantire l'acqua sicura a livello universale. Il primo World Water Forum si tenne in Marocco nel 1997. Tra i vari successi, il Forum a cadenza triennale ha svolto un ruolo cruciale nel sensibilizzare il mondo sul tema dell'accesso all'acqua come diritto umano, fino ad arrivare al riconoscimento di questo diritto da parte delle Nazioni Unite nel 2010, in seguito al sesto World Water Forum di Istanbul. Inoltre, il World Water Forum e il suo fondatore, il Consiglio Mondiale dell'Acqua, hanno giocato un ruolo di primo piano nell'arrivare al riconoscimento dell'Obiettivo di Sviluppo Sostenibile (SDG) numero 6, che garantisce l'accesso all'acqua sicura e a servizi igienico-sanitari per tutti al 2030.
(fonte ansa)

Commenti

Post popolari in questo blog

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO