Gleick, viaggiare nel tempo è un sogno impossibile

Tutti almeno una volta hanno sognato di viaggiare nel tempo. Una costante dell'immaginario comune che gli scienziati hanno provato a studiare e i filosofi a interpretare, un topos ricorrente in letteratura e cinema, ma destinato a rimanere tale, perché, è convinto James Gleick, "la risposta semplice è 'no'. Non è possibile viaggiare nel tempo".

James Gleick, lo scrittore tre volte finalista al premio Pulitzer, è a Trieste per presentare il suo libro "Viaggi nel tempo" (Codice Edizioni), un'analisi approfondita del sottile confine tra fiction e fisica. Ospite della rassegna di incontri con l'autore "Scienza e Virgola", promossa da Scuola Internazionale di Studi Avanzati (Sissa) e Comune di Trieste in attesa di Esof2020. Gleick racconta all'ANSA come è nato questo lavoro: "anche se tutti pensano che il viaggio nel tempo sia un'idea relativamente recente, in realtà è un pensiero che risale all'antichità. La differenza è che non ci si chiedeva come viaggiare nel tempo, ma cosa sarebbe successo se fosse stato possibile".

Il libro ripercorre oltre un secolo di studi, film e libri ispirati al tema, a partire da "La macchina del tempo" di H. G. Wells del 1895, in cui l'autore, dice Gleick, "si chiede come mai nessuno prima si fosse interrogato sulla possibilità di un viaggio nel tempo e perché proprio in quel momento si comincia a sognarlo". Ma, osserva, "se fosse cominciato tutto nel 1895 ci dovremmo chiedere come mai abbiamo così tante suggestioni sul viaggio nel tempo".

In generale, aggiunge, "la scienza dovrebbe essere bidirezionale rispetto alla società e alla cultura: da una parte abbiamo la fantascienza che trae ispirazione dalla scienza, ma è anche vero il contrario, che la scienza va a cercare possibili suggerimenti nella fantascienza. Molti oggi parlano della meccanica quantistica a più mondi: tutto nasce da Borges con il racconto 'Il giardino dei sentieri che si biforcano'. Ci ha offerto una teoria scientifica? Assolutamente no. Non credo neanche che gli scienziati che sostengono la meccanica quantistica a molti mondi abbiano una teoria solida sotto tutti i punti di vista". Gleick parla quindi del concetto di "tempo": "Non credo sia mutato a cavallo del XIX e XX secolo. Wells parla del tempo come quarta dimensione, quando Einstein in realtà ne avrebbe parlato solo qualche anno più tardi. Non credo sia una coincidenza, né che Einstein avesse letto il libro di Wells. Vivono in un periodo in cui la tecnologia e la scienza sono in fermento e stanno cambiando".

Interazioni continue e tanti interrogativi in un libro scritto alla fine di uno studio di 4 anni. Ma a una domanda Gleick ha già risposto e non ha dubbi: "Non è possibile viaggiare nel tempo. Ma va bene così - conclude - perché noi siamo tutti viaggiatori del tempo".
(fonte ansa)

Commenti

Post popolari in questo blog

E se vivessimo in un universo che è un’illusione?

24 novembre 2010 - [I cerchi nel grano indicano questa data]

MAPPA DEI VULCANI ATTIVI NEL MONDO