Post

Visualizzazione dei post da 2019

Antartide, il Mare di Ross cruciale per il livello degli oceani

Immagine
A sorpresa, in Antartide il Mare di Ross è diventato più salato: nell'arco di quattro anni la sua salinità è aumentata di cinque volte rispetto alla variabilità naturale e la causa potrebbe essere nel processo di formazione di ghiaccio marino. Il fenomeno potrebbe avere conseguenze sul livello degli oceani perché le acque super salate rendono più dendi gli stati profondi, riducendone il volume. La scoperta, pubblicata sulla rivista Nature Communications, è del gruppo dell'università Parthenope di Napoli coordinato da Giorgio Budillon.
I dati sono il frutto di progetti di ricerca, come il MORSea, coordinato da Pierpaolo Falco dell'Università Parthenope, svolti nell'ambito del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (Pnra),  finanziato dal Ministero per l'Istruzione, l'Università e la Ricerca. Basandosi su 23 anni di misure, gli studiosi hanno calcolato la variabilità nel tempo della salinità del Mare di Ross, dove "si forma una massa d'acqua carat…

Solar Orbiter, la missione europea che farà la Tac al Sole

Immagine
Fare una Tac dell'atmosfera del Sole da una distanza inferiore a quella di Mercurio, per avere previsioni più precise del meteo spaziale e studiare come l'attività della stella, a partire dal vento solare, influenza la vita sulla Terra e nello spazio. Sono questi i principali obiettivi della missione Solar Orbiter, dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) e della Nasa, presentata dall'Esa alla comunità scientifica italiana in una giornata di studio organizzata dall'Agenzia Spaziale Italiana (Asi).
La missione, della durata prevista di circa sette anni, fa parte del programma scientifico dell’Esa Cosmic Vision 2015-2025. Il lancio è previsto nella notte tra il 5 e 6 febbraio 2020 dalla base di Cape Canaveral con un razzo Atlas V. Importante il contributo italiano con l'Asi, l'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), il mondo dell'università e dell'industria.
"Solar Orbiter studierà il controllo del Sole sull’eliosfera, l’invisibile bolla in cui la stel…

Nella Via Lattea un buco nero impossibile

Immagine
Un buco nero impossibile, con una massa 70 volte superiore a quella del Sole, è stato scoperto nella Via Lattea a 15.000 anni luce dalla Terra, contrariamente a ogni previsione. Il risultato, pubblicato sulla rivista Nature, si deve alla ricerca internazionale coordinata dal gruppo dell’Accademia Cinese delle Scienze coordinato da Jifeng Liu, dell’Osservatorio di Pechino, e alla quale l’Italia ha partecipato con Mario Lattanzi. dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf).
La massa di questo mostro cosmico, accompagnato da una stella, è superiore di quattro o cinque volte alla massa finora considerata limite per un buco nero di questo tipo. Finora, infatti, si riteneva che nella Via Lattea ci fossero circa 100 milioni di buchi neri, la maggior parte dei quali con una massa non superiore di 15 volte quella del Sole. “Non so se sia il più grande mai trovato, ma la cosa straordinaria è che, stando alle teorie attuali dell’evoluzione stellare, buchi neri stellari così massicci non dovre…

Dall'Amazzonia ai ghiacci, avverate le previsioni sul clima degli anni'90

Immagine
Dallo scioglimento dei ghiacci polari alla perdita della foresta amazzonica passando per la riduzione della barriera corallina, sono già realtà nove delle previsioni sul clima fatte alla fine degli Anni '90. A lanciare l'allarme, su Nature, un gruppo di sette esperti: primo firmatario è Timothy Lenton, dell'Università britannica di Exeter. Gli scienziati parlano di "cambiamenti bruschi e imprevedibili, con effetti a cascata che potrebbero minacciare l'esistenza stessa della civiltà", se non attuiamo contromisure immediate, per salvaguardare il Pianeta dagli effetti del riscaldamento globale. "A partire dalla riduzione dei gas serra", rilevano.
L'appello arriva a pochi giorni dalla Conferenza delle Nazioni Unite sul clima, la Cop25, che si svolgerà a Madrid dal 2 al 13 dicembre. E a meno di un mese dall'allarme "emergenza climatica" per la Terra lanciato sulla rivista BioScience da più di 11.000 ricercatori di 153 Paesi, tra cui pi…

Il sondaggio: il tetano si prende dalla ruggine? Falso

Immagine
Non è la ruggine a causare il tetano. A confermarlo è Giancarlo Ceccarelli del Dipartimento Sanità Pubblica e Malattie Infettive del Policlinico Umberto I di Roma e docente di Sanità di Frontiera Onlus: “Il tetano – spiega - è una malattia infettiva, non trasmissibile da persona a persona, causata dal Clostridium tetani, un batterio presente in natura sia sotto forma di spore, sia in forma vegetativa. Il germe, normalmente presente nelle feci di ovini, bovini ed equini, contamina sotto forma di spore il terreno dove è in grado di sopravvivere per anni. In natura è comune che le spore siano presenti, oltre che sul terreno, anche su arbusti (spine di rose o altre piante) e su oggetti che potenzialmente possono essere stati esposti alla contaminazione ambientale (come ad esempio gli oggetti arrugginiti o il filo spinato)”.
Ma cosa succede se si entra in contatto con le spore? “Le spore, ovvero la ‘forma dormiente’ del batterio – risponde Ceccarelli - in caso di ferite causate da oggetti c…

Alzheimer, scoperta molecola che blocca la malattia

Immagine
Scoperta dai ricercatori della Fondazione EBRI 'Rita Levi-Montalcini' una molecola che 'ringiovanisce' il cervello bloccando l'Alzheimer nella prima fase: è l'anticorpo A13, che ringiovanisce appunto il cervello favorendo la nascita di nuovi neuroni e contrastando così i difetti che accompagnano le fasi precoci della malattia. Lo studio, italiano, è stato effettuato su topi che, così trattati, hanno ripreso a produrre neuroni ad un livello quasi normale. Una strategia, secondo i ricercatori, che apre nuove possibilità di diagnosi e cura.
Lo studio interamente italiano, è coordinato da Antonino Cattaneo, Giovanni Meli e Raffaella Scardigli, presso la Fondazione EBRI (European Brain Research Institute) Rita Levi-Montalcini, in collaborazione con il CNR, la Scuola Normale Superiore e il Dipartimento di Biologia dell'Università di Roma Tre. E' stato pubblicato sulla rivista Cell Death and Differentiation. (fonte ansa)

Meno rari del previsto i mondi alieni amici della vita

Immagine
I mondi alieni in grado di ospitare la vita potrebbero essere più numerosi del previsto: lo indica la simulazione pubblicata sull'Astrophysical Journal dal gruppo dell'americano Georgia Institute of Technology (Georgia Tech) coordinato da Billy Quarles. E' emerso in particolare che nei sistemi planetari con due stelle (binari) l'87% dei pianeti simili alla Terra potrebbero avere la stessa inclinazione dell'asse terrestre, cruciale per avere un clima mite e stabile, favorevole alla vita. 
"Simulazioni di questo tipo sono utili per cercare in modo più mirato pianeti abitabili e la stabilità del clima è uno dei fattori chiave per la vita come la conosciamo noi", ha detto all'ANSA Gaetano Scandariato, dell'Osservatorio di Catania dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf).  I sistemi con più stelle sono comuni, ha aggiunti, in quanto il 50% delle stelle ha una stella compagna. Di conseguenza la simulazione può essere applicata a un gran numero…

Al Cern si cerca il segreto dell'universo misterioso

Immagine
L'esperimento Base studia il legame tra materia oscura e antimateria
L'inafferrabile materia oscura, che costituisce circa un quarto dell'universo, e l'antimateria, controparte speculare di quella ordinaria, potrebbero essere collegate tra loro. Scoprirlo e' il compito dell'esperimento descritto sulla rivista Nature e condotto al Cern dai fisici della collaborazione internazionale Base (Baryon Antibaryon Symmetry Experiment), coordinati da Stefan Ulmer del centro di ricerca giapponese Riken.
Materia oscura e antimateria sono necessarie per capire com'e' fatto l'universo a livello fondamentale e l'idea dei ricercatori e' puntare sul diverso modo in cui materia e antimateria interagiscono con la materia oscura, per cercare di capire la natura di quest'ultima, al momento elusiva. Al momento esistono infatti solo prove indirette della sua esistenza, per spiegare ad esempio il comportamento delle galassie, ma finora la materia oscura e' …

Ecco dove finiscono i cadaveri dei cinesi

Immagine
Per tanto tempo ci siamo chiesti dove finissero i cinesi una volta morti. Anche quelli che vivono in Italia (e son sempre di più). Non ne abbiamo trovato traccia in nessun cimitero. Come volatilizzati. La spiegazione l’ha data a livello ufficiale l’Ufficio informazioni del Governo di Pechino. Le ceneri vanno disperse in mare o in un corso d’acqua. Ma perché? Per risparmiare la terra, che è preziosa sia per l’agricoltura sia per lo sviluppo dell’edilizia e dell’industria (dove cè una forte speculazione). 
L’annuncio-invito è stato diramato a pochi giorni dal Qingming, che in Cina è la festa dei morti (cade di domenica 5 aprile). Anche là c’è la tradizione di andare al cimitero a visitare i congiunti defunti. Ma si troveranno soltanto minuscoli cippi (per non consumare la terra), però, sotto, niente perché le ceneri del caro estinto son già finite in mare. Qualcuno parla di triste farsa anche perché la maggioranza dei cinesi è contraria alla cremazione. Ma Pechino cerca di tacitare l’o…

Più comuni del previsto i pianeti con più soli

Immagine
Il primo censimento basato sull'osservazione di 1.300 stelle
I mondi alieni con più di un sole potrebbero essere più comuni del previsto. Lo indica la ricerca che ha studiato 1.300 sistemi planetari, scoprendo che il 15% di essi ha più di una stella. Il risultato è pubblicato sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society dall'astrofisico Markus Mugrauer, dell'università  'Friedrich Schiller' di Jena.
"I sistemi con più stelle sono molto comuni nella Via Lattea", rileva Mugrauer. Se poi includono dei pianeti, aggiunge, è particolarmente interesse studiarne le caratteristiche e confrontarle con quelle dei sistemi planetari che hanno soltanto un sole, come il nostro. Così, basandosi sui dati del telescopio spaziale Gaia, dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) Mugrauer ha analizzato oltre 1.300 stelle che distanti fino a 1.600 anni luce dalla Terra e ha scoperto che il 15% di esse ha almeno una compagna. Di questi sistemi, 176 sono formati…

Leggere e scrivere proteggono il cervello dalla demenza

Immagine
L'analfabetismo è un fattore di rischio per la malattia.
Leggere e scrivere proteggono la salute del cervello: le persone che non possono farlo hanno un rischio quasi triplo di ammalarsi di demenza. Lo rivela uno studio di Jennifer Manly, della Columbia University Vagelos College of Physicians and Surgeons a New York pubblicato sulla rivista Neurology. Lo studio ha coinvolto quasi 1000 individui di età media 77 anni, tra cui 237 analfabeti. All'inizio dello studio il 35% degli analfabeti è risultato presentare già la demenza contro il 18% di coloro che sapevano leggere e scrivere. Dopo circa 4 anni si è passati al 48% degli analfabeti con demenza contro il 27% di coloro che sapevano leggere e scrivere. Gli esperti hanno stimato che gli analfabeti hanno un rischio di demenza quasi triplo rispetto agli altri, a parità di condizioni quali età, sesso, stato socioeconomico e salute cardiovascolare. "Essere in grado di leggere e scrivere consente alle persone di intraprendere …

Il Nilo ha 30 milioni di anni

Immagine
Il mantello terrestre ne ha cambiato il corso e la storia.
Le sue acque fertili hanno influenzato la storia dell'uomo, favorendo la comparsa della civiltà egizia, ma il Nilo bagna l'Africa settentrionale da molto più tempo di quanto si credesse. Ha infatti 30 milioni di anni ed è quindi sei volte più antico del previsto. Se il suo percorso non è cambiato molto in un periodo così lungo lo si deve al mantello terrestre, che ha continuato a incanalarlo da Ovest verso Nord, anziché lasciarli libero di spostarsi verso Ovest, modificando il suo corso e probabilmente anche quello della storia.
Lo dimostra lo studio pubblicato sulla rivista Nature Geoscience e coordinato dall'Italia, con il gruppo di Claudio Faccenna dell'Università di Roma Tre, in collaborazione con l'Università americana del Texas ad Austin. Vi hanno contributo Alessandro Forte, dell'Università americana della Florida, Eduardo Garzanti, dell'Università di Milano Bicocca e Andrea Sembroni, dell&#…

Disinfettanti ospedalieri inefficaci contro superbatterio

Immagine
Neanche i disinfettanti ospedalieri più potenti sembrano avere la meglio sul Clostridium difficile, il superbatterio responsabile di gravi infiammazioni al colon, con sintomi che vanno dalla diarrea alla sepsi, e che colpisce soprattutto gli anziani negli ospedali e strutture sanitarie. Lo indica lo studio dell'università di Houston pubblicato sulla rivista Antimicrobial Agents and Chemotherapy.
"Non abbiamo trovato un disinfettante capace di eliminare completamente questo batterio, che è protetto da strati di biopellicole che fanno da armatura, anche se abbiamo rilevato delle differenze tra i vari prodotti", commenta Kevin Garey, coordinatore dello studio. Tre sono i disinfettanti risultati più efficaci contro il batterio, di cui due anche contro le sue spore, cioè lo stadio con cui causa l'infezione. Nello studio sono stati provati sette disinfettanti ospedalieri su cinque diversi ceppi di batterio, avvolti in tre diversi tipi di biopellicole fatte crescere in lab…

Mattarella & i baci perugina o biscotti della felicità

Immagine
Nessun odio o incitazione all'odio. Simpaticamente e con rispetto che si DEVE a un capo dello stato diciamo solo che.. il nostro presidente dello stato Italiano quando parla sembra leggere i messaggi scritti all'interno dei cioccolatini (famosissimi) baci perugina... una sensazione? 
Oppure possiamo immaginare anche i biscotti della felicità CINESI. (Staff RLI)

Il "lavaggio del cervello" esiste e si fa ogni notte.

Immagine
Il lavaggio del cervello esiste e avviene ogni notte. A dirlo sono i ricercatori della Boston University che hanno notato come, mentre si dorme, il sangue presente nel cervello lascia spazio al liquido cerebrospinale, una sostanza incolore che circonda il cervello e il midollo spinale e che autoregola la presenza del sangue proprio nell'encefalo.
La ricerca, pubblicata su Science, è la prima a far notare come questo liquido del cervello arriva a pulsare durante il sonno. Questi movimenti, secondo i ricercatori americani, sono strettamente legati all'attività delle onde cerebrali e del flusso sanguigno. "Sappiamo da un po' che ci sono queste ondate elettriche di attività nei neuroni. Ma prima d'ora non ci rendevamo conto che in realtà ci sono anche onde nel liquido cerebrospinale", dice la coautrice dello studio Laura Lewis. Stando ai studiosi questo lavoro potrebbe portare a tutta una serie di nuove intuizioni su una varietà di disturbi neurologici e psicolog…

La verità sulle marocchinate: "Stupravano le donne perché odiavano l'Italia"

Immagine
Stupri di guerra..
Dall'archivio di Stato un documento rivela la ragione delle atrocità commesse dai soldati marocchini inquadrati nel Corpo di spedizione francese in Italia: "Stuprano e uccidono per risentimento verso la nazione che odiosamente tradì la Francia".
Il documento trovato nell’Archivio di Stato dal presidente dell’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate, Emiliano Ciotti, getta nuove ombre sull’azione del Corpo di spedizione francese durante la campagna d’Italia.
Gli abusi consumati dai goumier, i soldati marocchini inquadrati nell’esercito d’Oltralpe, vengono certificati dal generale Alphonse Juin, comandante del Corpo, che il 24 maggio 1944 sottoscrive un memorandum che ha come oggetto il “maltrattamento di popolazione civile". L’informativa diretta al Comando Alleato, che chiedeva spiegazioni su stupri e uccisioni di migliaia di civili, parla di “atti di brigantaggio, di rapina armata e di ratto”. Le vittime sono gli italiani, in particolare …

Clima: 150mln a rischio inondazione

Immagine
Entro il 2050 a rischio Bangkok, Mumbai, Bassora, Alessandria
A causa del riscaldamento climatico, circa 150 milioni di persone nel mondo sono a rischio inondazione e vivono su terreni che saranno al di sotto della linea dell'alta marea entro il 2050. Lo rivela uno studio di Climate Central, un'organizzazione scientifica con sede in New Jersey. Secondo la ricerca, l'innalzamento del livello dei mari minaccia di cancellare alcune grandi città costiere del mondo.
Il sud del Vietnam potrebbe quasi scomparire, inclusa gran parte di Ho Chi Minh City. In Thailandia è in pericolo soprattutto la capitale Bangkok. A Shanghai, in Cina, l'acqua minaccia di consumare il cuore della metropoli e molte altre città circostanti. Le nuove proiezioni suggeriscono pure che gran parte della capitale finanziaria dell'India, Mumbai, rischia di essere spazzata via. A rischio poi c'e' il patrimonio culturale in citta' come Alessandria, in Egitto, che potrebbe finire sott'a…

AMERICAN MOON - Vers. integrale (ITA)

Immagine
Sono 50 anni che si discute sulla veridicità dei viaggi lunari. Questo film finalmente riunisce, in un'opera unica, tutte le migliori argomentazioni a favore degli allunaggi e tutte le argomentazioni contrarie, comprese alcune prove mai presentate prima. Al film partecipano inoltre diversi fotografi professionisti di livello mondiale, che offrono la loro analisi tecnica sulle fotografie delle missioni Apollo. Vengono così chiarite una volta per tutte le varie questioni dibattute nel corso dei decenni, dalla assenza di stelle nelle fotografie fino alla direzione delle ombre, dalla questione delle pellicole esposte alle radiazioni, fino al tipo di illuminazione utilizzata per scattare le storiche immagini dell'uomo sulla luna. - Scarica la versione in HD da Vimeo On Demand (YouTube luogocomune2, Massimo Mazzucco))

Il computer quantistico è reale, in 3 minuti test da 10.000 anni

Immagine
Atteso da decenni, il computer quantistico non è mai stato così reale: lo dimostrata l'esperimento senza precedenti coordinato da Google e condotto fra Germania e Stati Uniti nel quale la macchina ha risolto in poco più di 3 minuti un'operazione che a un computer tradizionale richiederebbe 10.000 anni. Il risultato è pubblicato su Nature dal gruppo del fisico John Martinis, di Google e dell'Università della California a Santa Barbara. Hanno partecipato alla ricerca la Nasa, il California Institute of Technology (Caltech) e, per la Germania, università di Aachen e Centro Jülich.
I computer quantistici sfruttano le bizzarre proprietà del mondo degli atomi per aumentare le capacità di calcolo. "E' un passo significativo verso la cosiddetta supremazia quantistica, ossia della capacità di questi computer di svolgere un compito che a un computer tradizionale richiederebbe un tempo lunghissimo, che può anche andare oltre l'età conosciuta dell'universo", ha …

Buco dell'ozono ai minimi storici dal 1982 sull'Antartide

Immagine
Il buco dell'ozono sull'Antartide ha raggiunto l'estensione minima dall'epoca della sua scoperta, avvenuta nel 1982: ora si estende per  10 milioni di chilometri quadrati, rispetto ai 16 milioni di chilometri quadrati misurati l'8 settembre. A indicare il record sono i dati della Nasa e dell'ente americano per le ricerche sull'atmosfera e gli oceani (Noaa). Per gli esperti è una buona notizia solo a metà, perché è un segno del riscaldamento climatico: le temperature più alte riducono le reazioni fra ozono e i composti che lo distruggono, cioè cloro e bromo.
"È un'ottima notizia per l'ozono nell'emisfero australe", rileva Paul Newman, del Goddard Space Flight Center della Nasa. "Ma bisogna riconoscere - aggiunge - che ciò è anche dovuto alle temperature di quest'anno nella stratosfera. Non è un segno che il buco dell'ozono è improvvisamente sulla buona strada per il recupero". Infatti nella fascia dove c'è l'o…

Autorizzato in Europa il primo vaccino contro Ebola

Immagine
Dopo l'utilizzo in Congo in via sperimentale. Via libera in Europa al primo vaccino contro il virus Ebola. A deciderlo è stato il comitato per i medicinali per uso umano dell'Agenzia Europea dei Medicinali (Ema), che ha raccomandato l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionata nell'UE per Ervebo, il primo vaccino per soggetti di età pari o superiore a 18 anni a rischio di infezione. Lo stesso vaccino è stato utilizzato in Congo in via sperimentale. Sempre in Africa è da poco impiegato, sempre in via sperimentale, anche un secondo vaccino. 
Per il direttore esecutivo Ema, Guido Rasi, è "un passo importante per alleviare il peso di questa malattia mortale" e "la raccomandazione è il risultato di molti anni di sforzi globali collaborativi per sviluppare nuovi medicinali e vaccini contro l'Ebola". L'attuale epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) ha infettato oltre 3.000 persone con tassi di mortalità di c…

Trascurare la natura costerà acqua e cibo per 5 miliardi di persone

Immagine
Trascurare la natura è un lusso che l'umanità non può più permettersi: nei prossimi 30 anni potrebbe essere compromesso l'accesso a cibo e acqua ad almeno 5 miliardi di persone, soprattutto in Africa e nell'Asia meridionale, e centinaia di milioni di abitanti delle zone costiere potrebbero essere esposti alla minaccia di tempeste e uragani. È lo scenario di un mondo privo dell'aiuto della natura pubblicato sulla rivista Science e basato su un modello che evidenzia quali nodi opotrebbero venire al pettine fra 30 anni se l'atteggiamento dell'uomo nei confronti della natura non diventerà più responsabile.
Il modello è stato realizzato dal gruppo internazionale coordinato da Rebecca Chaplin-Kramer, dell'Università americana di Stanford. Si basa su dati satellitari che permettono di realizzare mappe precise su piccole scale per capire dove e come la natura può influenzare il benessere degli esseri umani. Gli autori dello studio si sono concentrati in particolar…

Appello all'Europa per prepararsi alle tempeste magnetiche

Immagine
Una cabina di regia a livello europeo per il meteo spaziale e finanziamenti su base continuativa per preparare l'Europa agli effetti delle tempeste geomagnetiche che possono mettere ko sistemi elettrici e satelliti. Sono fra le 6 raccomandazioni a Esa, Ue e ai rispettivi Stati membri, contenute nel rapporto pubblicato sul Journal of Space Weather and Space Climate da un comitato di esperti di meteo dello spazio, del quale fa parte il fisico italiano Mauro Messerotti, dell'Osservatorio di Trieste dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e università di Trieste.
Negli ultimi anni c'è stata una crescente consapevolezza internazionale sui rischi legati al meteo spaziale, che si riferisce alle condizioni dello spazio influenzate dall'attività solare. Il Sole infatti può emettere nubi di particelle ad alta energia che se colpiscono la Terra possono causare tempeste geomagnetiche. In eventi estremi, le condizioni meteorologiche spaziali possono essere altamente dist…

In Congo la più grande epidemia di morbillo al mondo, oltre 4.000 morti di cui 90% bimbi

Immagine
Nella Repubblica Democratica del Congo si sono superati i 4.000 morti a causa del morbillo - dei quali il 90% è rappresentato da bambini sotto i 5 anni - e oltre 200.000 sono le persone colpite dal virus. E' "la più grande epidemia al mondo di morbillo". Lo denuncia l'Unicef, che sta vaccinando altre migliaia di bambini contro il virus e sta distribuendo farmaci salvavita nei centri sanitari. Il numero di casi quest'anno è più che triplicato nel Paese rispetto al 2018.
L'epidemia in Congo ha causato più morti dell'Ebola, che, ad oggi, ha ucciso 2.143 persone.
Da gennaio sono stati riportati 203.179 casi di morbillo in tutte le 26 province del paese, 4.096 sono i morti. I bambini sotto i 5 anni rappresentano il 74% dei contagi e circa il 90% dei morti. "Stiamo combattendo l'epidemia di morbillo su due fronti: prevenendo i contagi e prevenendo le morti - ha dichiarato Edouard Beigbeder, rappresentante Unicef in Repubblica Democratica del Congo -. I…

Il vulcano che cancellò l'estate

Immagine
Ricostruita l'eruzione del vulcano indonesiano che nel 1816 cancello' l'estate dall'Europa, facendo precipitare le temperature. A due secoli da quell'evento, l'analisi completa arriva a piu' di un secolo dal primo collegamento, fatto nel 1913, fra il freddo memorabile del 1816 e l'eruzione del Tambora, nell'isola di Sumbawa. La ricostruzione della sequenza di eventi che dall'Indonesia provoco' un cambiamento climatico in Europa si deve all'Universita' di Edimburgo ed e' pubblicata sulla rivista Environmental Research Letters.
"L'eruzione del Monte Tambora del 1815 e' stata una delle piu' esplosive del millennio scorso", osserva il primo autore della ricerca, Andrew Schurer. "Localmente quell'evento ha avuto un impatto enorme, devastando l'isola di Sumbawa e inoltre ha immesso nella stratosfera un'enorme quantita' di biossido di zolfo (SO2) che rapidamente si e' diffusa in tutto il m…

Al top per la salute, la dieta giapponese insidia quella mediterranea

Immagine
La dieta giapponese può essere un'alternativa alla dieta mediterranea in termini di benefici alla salute. Tra i principali effetti positivi, una più alta aspettativa di vita (79 anni per la mediterranea e 85 per la giapponese) e la riduzione di malattie cardiovascolari, diabete e cancro. E' questo quanto emerge dall'incontro "Dieta giapponese e prevenzione oncologica" organizzato a Roma. Entrambe le diete hanno tassi di riduzione di rischio di determinate malattie: per l'ictus è del 25% per la dieta mediterranea e del 22% per quella giapponese; per i tumori è del 35% per la mediterranea e del 27% per la giapponese, per il Morbo di Parkinson è del 46% per la mediterranea e del 50% per quella del Sol Levante. "È ormai assodato che esista un rapporto bidirezionale tra i nostri geni e i nutrienti che assumiamo con la dieta", ha sottolineato Marco Silano, responsabile dell'Unità operativa Alimentazione, nutrizione e salute dell'Istituto Superior…

Inversione 'superveloce' dei poli magnetici della Terra.

Immagine
L'inversione dei poli magnetici della Terra avviene più velocemente del previsto: particelle magnetiche trovate in rocce sedimentarie della Siberia indicano che 500 milioni di anni fa Nord e Sud magnetici si sono invertiti circa 80 volte nell'arco di pochi milioni di anni. La scoperta, pubblicata sulla rivista Earth and Planetary Science Letters, si deve alla ricerca coordinata da Yves Gallet, dell'università di Parigi e del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (Cnrs).
Analizzando i sedimenti raccolti nel fiume Khorbusuonka, nella Siberia nord-orientale, i ricercatori hanno trovato le prove dell'inversione dei poli magnetici nell'orientamento delle particelle di due minerali, la magnetite e l'ematite, il cui allineamento ai poli magnetici terrestri è rimasto 'intrappolato' nelle rocce in modo permanente.
Nei 437 campioni studiati, i geologi hanno identificato il numero record di 78 inversioni di polarità avvenute nell'arco di 3 mili…

Andromeda è una galassia 'cannibale', minaccia la Via Lattea

Immagine
Andromeda e' una galassia cannibale, che nella sua storia ha ingoiato almeno due galassie vicine e che si sta preparando a fare la stessa cosa con la Via Lattea, fra circa quattro miliardi di anni, come previsto da tempo. E' la ricostruzione pubblicata sulla rivista Nature dal gruppo dell'Universita' Nazionale australiana di Canberra diretto da Dougal Mackey.
Quello che resta delle galassie divorate in passato da Andromeda sono le stelle che circondano la galassia, come un debole alone. "Tracciando i resti deboli di queste galassie siamo stati in grado di ricostruire il modo in cui Andromeda le ha attratte e alla fine le ha avvolte", ha detto Mackey.
E' emerso così che Andromeda ha inglobato almeno due galassie: una in tempi relativamente recenti e l'altra circa 10 miliardi di anni fa. Durante questi due eventi catastrofici, inoltre, ha attratto a se' galassie da direzioni diverse. Quest'ultimo fenomeno rispecchia la struttura della rete cosmic…

Londra-Sydney in 4 ore: ecco il volo (di linea) ​che passa dallo spazio.

Immagine
Il progetto è della britannica Reaction Engines. I primi test sono già iniziati e si sono rivelati soddisfacenti.
Andare da Londra a Sydney in quattro ore? Entro il 2030 si potrà fare, con lo spazioplano. Un apparecchio a metà tra un aereo e un razzo che, percorrendo una parte del viaggio nello spazio, raggiungerà le due città ai lati opposti della Terra in poche ore. Il tutto senza inquinare.
L'Agenzia spaziale europea (Esa) e quella del Regno Unito (Uksa) hanno investito decine di milioni di euro nel progetto della britannica Reaction Engines.
Il propulsore alimentato a idrogeno, Sabre, è in grado di spingere lo spazioplano fino a circa 6.500 chilometri all'ora. Nello spazio poi Sabre si trasformerebbe in un razzo, per arrivare da Londra a New York in una sola ora.
I primi test sono già iniziati e si sono rivelati soddisfacenti. Per vedere uno spazioplano prendere il volo bisogna aspettare ancora qualche anno. Il primo decollo potrebbe avvenire nel 2025. Per raggiungere l…

Le 12 galassie più antiche mai viste

Immagine
Scoperte le 12 galassie più antiche mai viste: sono nate quando l’universo aveva appena 800 milioni di anni. Costituiscono il più antico ammasso di galassie in formazione, distante13 miliardi di anni luce. L’annuncio è stato dato in Giappone dall’Osservatorio Astronomico Nazionale del Giappone, coordinato da Yuichi Harikane. Alla ricerca internazionale, pubblicata sull'Astrophysical Journal, ha partecipato anche l’astronomo della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (Sissa) di Trieste, Darko Donevski.
In questo antico ammasso, chiamato z66OD, le galassie sono 15 volte più concentrate di quanto ci si aspettasse, spiegano gli esperti. Ne fa parte, sebbene in posizione decentrata, anche una struttura gigante gassosa già scoperta nel 2009 e chiamata Himiko, dal nome di una sovrana dell’antico Giappone. “Si tratta di strutture rare, caratterizzate da una densità estrema, considerate le progenitrici degli attuali ammassi di galassie”, ha spiegato Harikane. Gli autori della…

Gli attacchi informatici sono alla sesta generazione

Immagine
Dalla regolazione a distanza di un pacemaker a quella della temperatura di casa, passando per il controllo remoto delle auto autonome: siamo alla vigilia della sesta generazione degli attacchi informatici, legati all'internet delle cose. È la nuova frontiera della cybersicurezza, illustrata nella conferenza Cybertech Europe 2019, la kermesse internazionale dedicata alla sicurezza digitale inaugurata a Roma.
Presenti l'Amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, il sottosegretario al ministero della Difesa, Angelo Tofalo, il vicedirettore generale, con delega alla cyber-security, del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (Dis) presso la presidenza del Consiglio dei ministri, Roberto Baldoni, e il presidente della Repubblica di Armenia, Armen Sarkissian.
"Stiamo andando verso la sesta generazione di attacchi informatici, in cui tutti i dispositivi connessi alla rete possono diventare veicoli di infezione ed essere quindi vulnerabili ad attacchi info…

Un test italiano scova nel sangue i primi segni di un tumore

Immagine
Un test genetico ideato in Italia potrebbe individuare con una semplice analisi del sangue il primo segno dell'arrivo di un tumore, prima ancora che questo inizi a manifestarsi. 
Lo spiega uno studio pubblicato su Cell Death & Disease da un gruppo internazionale di esperti coordinato dai ricercatori di Bioscience Genomics, spin-off partecipato dall'Università degli Studi di Roma Tor Vergata. 
Lo studio è basato su un algoritmo brevettato da Bioscience che usa il sequenziamento del Dna nell'individuazione delle alterazioni genetiche che precedono lo sviluppo del cancro in persone sane e asintomatiche. In questa ricerca sono stati analizzati, per un periodo da uno a 10 anni, campioni di sangue raccolti da 114 individui inizialmente tutti sani. 
"Si tratta di un primo importante passo nella strada verso una rapida applicazione clinica della genomica in oncologia - afferma Giuseppe Novelli,rettore dell'Università "Tor Vergata"e responsabile dello studio…

Ipcc, oceani sempre più caldi, danni in aumento

Immagine
Nuovo rapporto dell'Icc: più cicloni, meno fauna marina, ghiacciai addio. Nel 21/o secolo, a causa del riscaldamento globale, gli oceani vedranno un aumento senza precedenti della temperature e della acidificazione, un calo dell'ossigeno, ondate di calore, piogge e cicloni più frequenti e devastanti, aumento del livello delle acque, diminuzione degli animali marini. Lo scioglimento dei ghiacciai montani metterà a rischio le forniture idriche e le coltivazioni. Lo scrive il rapporto dell'Ipcc, il comitato scientifico sul clima dell'Onu, dedicato a oceani e ghiacci e diffuso stamani. "La perdita di massa globale dei ghiacciai, la fusione del permafrost e il declino nella copertura nevosa e nell'estensione dei ghiacci artici è destinata a continuare nel periodo 2031-2050, a causa degli aumenti della temperatura di superficie, con conseguenze inevitabili per straripamenti di fiumi e rischi locali", si legge nel rapporto "Oceano e criosfera in un clima ch…

Scoperta la porta delle comete - così penetrano all'interno del Sistema Solare

Immagine
Scoperta la 'porta delle comete': si trova oltre l’orbita di Nettuno e ed è il passaggio, finora insospettato, che permette di penetrare nella zona più interna del Sistema Solare. La scoperta, in corso di pubblicazione sulla rivista The Astrophysical Journal Letters, è stata annunciata a Ginevra, nel Congresso europeo di scienze planetarie, dal gruppo dell'Istitutto Spaziale dell'Università della Florida coordinato da Gal Sarid e dal gruppo dell'Università del Texas ad Austin guidato da Jordan Steckloff.
"La scoperta del loro varco di accesso al Sistema Solare potrebbe cambiare adesso la nostra comprensione dell’evoluzione delle comete”, osserva Sarid. I planetologi hanno scoperto la porta delle comete studiando, attraverso simulazioni al computer, la traiettoria della cometa 29P/Schwassmann-Wachmann 1 (SW1), che appartiene alla famiglia dei Centauri, ossia le comete che seguono orbite caotiche nella zona compresa tra Giove e Nettuno e che  provengono dalla f…

Nelle grotte del sottosuolo lunare le future basi per i coloni umani nello spazio

Immagine
L’Agenzia spaziale europea lancia una sfida planetaria, affinché chi ha delle idee possa dare un proprio contributo alle prossime missioni che daranno il via all’esplorazione del Sistema Solare.
Ormai i piani delle agenzie spaziali sono chiari per tutti. Entro i prossimi anni l’uomo dovrà conquistare la Luna, così che la si possa utilizzare come base, e porto, per dare il via a quella che può essere considerata una nuova era delle esplorazioni umane. Le nuove sfide che si pongono dinanzi alla nostra specie prevedono la conquista del nostro satellite prima, e poi anche la conquista degli altri pianeti del Sistema Solare, perlomeno quelli più interessanti. Sfide certamente non facili, che richiedono una grande immaginazione e tante risorse.
Mentre le seconde ricadranno integralmente sugli enti governativi, e su una moltitudine di società private, la condizione prima sarà demandata ai singoli cittadini, che potranno presentare dei progetti che verranno analizzati e, qualora risultassero…

Sclerosi multipla, smascherati i veri 'vandali' del cervello

Immagine
Smascherati i veri 'vandali' del cervello che nella sclerosi multipla sabotano la riparazione della guaina che riveste i prolungamenti dei neuroni: sono gli astrociti, le cellule non neuronali più abbondanti del tessuto nervoso. A puntare i riflettori su di loro è uno studio pubblicato sulla rivista Acta Neuropathologica dall'Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) di Milano, in collaborazione con l'Università Statale di Milano, l'Istituto diNeuroscienze Cavalieri Ottolenghi dell'Università di Torino, l'Università e il Policlinico San Martino di Genova.
Finora si pensava che le cellule immunitarie del sistema nervoso, che formano la cosiddetta microglia, contribuissero al danno esercitando un effetto diretto sugli oligodendrociti, le cellule responsabili della produzione di mielina. A quanto pare, però, sarebbero mandanti di ben altri esecutori. "I nostri primi esperimenti - spiegano le ricercatrici Marta Fumagalli e Clau…