Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2019

Il Pianeta 9 potrebbe essere una superTerra

Immagine
Il misterioso Pianeta 9 potrebbe essere una superTerra con una massa di cinque volte quella della Terra ed essere un po' meno lontano di quanto si pensi, distante dal Sole circa 60 miliardi di chilometri. Lo descrivono così, sulla base di nuove simulazioni, Konstantin Batygin e Mike Brown, entrambi del California Institute of Technology (Caltech), che nel 2016 avevano pubblicato il primo articolo a favore dell'ipotesi dell'esistenza di questo possibile abitante dei confini del Sistema Solare. Da allora il Pianeta 9 è tornato più volte a far parlare di sè: c'è chi ha suggerito che fosse noto fin dal Medioevo e chi ritiene che non sia affatto solo.
La prima ricerca, pubblicata sull'Astronomical Journal, ha stimato in 1 probabilità su 500 il fatto che lo strano comportamento dei corpi celesti della zona oltre l'orbita di Nettuno nota per essere popolata da asteroidi e pianeti nani, chiamata fascia di Kuiper, sia dovuto alla nostra distorta prospettiva di osservaz…

Nel cuore del mantello terrestre: vaste pianure e monti altissimi

Immagine
Lo studio delle onde sismiche di un violento terremoto ci regala una nuova geografia del sottosuolo, con panorami da fantascienza.
Sotto alla crosta terrestre - che si spinge fino a qualche decina di chilometri di profondità - vi è il mantello, che arriva fino al nucleo esterno del pianeta, che inizia a circa 2.900 chilometri di profondità. Il mantello è diviso in due ampie regioni: la prima termina a circa 660 chilometri sotto la superficie, la seconda arriva fino al nucleo esterno. La diversità tra il mantello superiore e il mantello inferiore non è chimica, ma fisica: gli stessi elementi che compongono il mantello superiore si trovano anche nel mantello inferiore, strutturati però in modo differente.
Fin qui la geofisica di base, perché c'è uno scenario tutto nuovo da aggiungere alla descrizione schematica.
Uno studio rivela l'esistenza di una geografia sorprendente in prossimità del confine tra le due parti del mantello, con "catene montuose" impressionanti, «qua…

La distorsione percettiva che "normalizza" il cambiamento del clima

Immagine
L’idea che ci facciamo di come dovrebbe essere la condizione climatica e meteorologica “normale” in un certo periodo dell’anno si basa su ciò che è avvenuto in un lasso di tempo breve e recente, fra i due e gli otto anni. Questa percezione, che è svincolata dalle serie storiche del clima, porta a sottovalutare i cambiamenti in atto.
La percezione pubblica dei cambiamenti climatici di lungo periodo è condizionata da un fenomeno psicologico di “normalizzazione” delle anomalie climatiche e meteorologiche. A individuarlo è un gruppo di ricercatori, che firmano un articolo sui “Proceedings of the National Academy of Sciences”, secondo i quali questa distorsione percettiva può influire negativamente sulla consapevolezza dell’entità dei cambiamenti climatici in corso e quindi sulle scelte politiche per contenere i cambiamenti e mitigarne gli effetti.
Le analisi che valutano i cambiamenti climatici prendono come riferimento periodi di lunga durata, dal cui confronto emerge che il clima attua…

Artico, occhi italiani in prima fila per tutelarlo

Immagine
La tecnologia italiana é in prima fila per seguire le trasformazioni che stanno cambiando l'Artico in seguito allo scioglimento dei ghiacci. "I cambiamenti in corso che nell'Artico sono potenzialmente negativi ma costituiscono anche una sfida", ha detto il viceministro per la Ricerca, Lorenzo Fioramonti, aprendo a Roma, con il presidente di Leonardo, Giovanni De Gennaro, il seminario di tre giorni sul progetto Arcsar, promosso dall'Unione Europea nell'ambito del programma Horizon 2020 e che coinvolge 21 centri di ricerca di 13 Paesi.
Tra i presenti, l'ambasciatrice di Norvegia in Italia, Margit Tveiten, la rappresentante del Consiglio Circumpolare Inuit, Okalik Eegeesiak, l'amministratore delegato della Telespazio (Leonardo -Thales) Luigi Pasquali e l'amministratore delegato della e-Geos (Telespazio - Agenzia Spaziale Italiana) Massimo Claudio Comparini. "L'Artico è una nuova frontiera" , ha detto ancora Fioramonti, che vede nel pro…

L’insalata in busta nasconde parecchie insidie per la salute. Lo studio shock dell'Università di Torino

Immagine
Il risultato delle analisi è particolarmente terrificante: la modalità di lavaggio con solo l’acqua non consente l’eliminazione di agenti patogeni che potrebbero portare malattie anche molto gravi.
Già lavata e tagliata, per chi ha fretta sembrerebbe l’ideale ma l'insalata in busta nasconde parecchie insidie.  A rivelarlo è uno studio dell'Università di Torino condotto su un campione di 100 insalate in busta. E il risultato delle analisi è particolarmente terrificante, innanzitutto viene messo in evidenza che la modalità di lavaggio con solo l’acqua non consente l’eliminazione di agenti patogeni che potrebbero portare  malattie anche molto gravi e inoltre dai dati emerge un’elevata quantità di microrganismi e batteri. 
Lo studio Lo studio condotto  su 100 buste di insalata pronta e pubblicato da  il Salvagente  ha infatti denunciato elevate quantità microrganismi di varia natura. Una carica che in pochi giorni cresce in misura esponenziale. Con due conseguenze: un aumentato ri…

Mondo minacciato dal virus Ebola. In Congo situazione quasi fuori controllo.

Immagine
Grande preoccupazione dell'Organizzazione mondiale della sanità e di Medici senza frontiere. Anche il Centro europeo di controllo delle malattie (Ecdc) ritiene difficile che l'epidemia possa essere controllata nel prossimo futuro.
Si aggrava l'epidemia e la gestione di Ebola della Repubblica democratica del Congo. Domenica scorsa il centro di Medici Senza frontiere (Msf) nell'est del Paese è stato incendiato a Katwa da alcune persone, costringendo staff e pazienti ad evacuare, mentre il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, parla di "una situazione senza precedenti".
Servono 148 milioni di dollari "Non c'è mai stata un'epidemia di Ebola in queste condizioni - ha detto - con una forte mobilità tra la popolazione e molte falle nel sistema sanitario". Tedros ha lanciato un invito a tutti i donatori e partner a continuare il loro lavoro e detto che servono 148 milioni di dollari, ma f…

Nazi-pensionati in tutta Europa. Paga la previdenza di Hitler

Immagine
Berlino versa ancora l'indennità a 1.532 collaborazionisti del Reich. Scoppia il caso in Francia e in Belgio: «Da vietare».
Parigi Un privilegio mondiale. Per ex nazisti o collaboratori stranieri del regime di Adolf Hitler. Un sistema colabrodo che esclude automaticamente solo i membri delle SS riconosciuti come tali e le persone condannate per crimini di guerra.
Il controverso indennizzo risale a una legge tedesca del 1951, che consente alle vittime di guerra teutoniche di essere risarcite per «danni di salute subiti dal servizio militare». «Ma i criteri di disabilità sono generosi», spiega lo storico Christophe Brüll, specialista in relazioni belghe-tedesche presso l'Università del Lussemburgo. «Negli anni '50, non sapevamo veramente chi avesse fatto cosa e non si verificava con la stessa serietà adoperata in seguito». Esiste cioè una «zona grigia», stando agli storici, di cui beneficerebbero tuttora ex sostenitori del Führer e persone forzatamente arruolate nel Terzo R…

Bere acqua fa bene. Ma berne otto bicchieri al dì non è obbligatorio

Immagine
L’acqua? La bevanda di certo più naturale, fisiologica e priva di calorie. Il nostro fabbisogno giornaliero di acqua è soddisfatto soprattutto dal bere. La scienza (e il buon senso) non ha dubbi sul fatto che bere acqua faccia bene. Ma è imperativo assumere otto bicchieri al dì, come spesso leggiamo?
Il dato lo contesta e parla di vera e propria bufala il medico Aaron E. Caroll, pediatra statunitense dell’Indiana University, con una notevole e lunga esperienza sui falsi miti in medicina. Il pediatra, pur riconoscendo l’ovvio valore per l’organismo dell’acqua, ci tiene a ribadire che “Chi non riesce a raggiungere questa soglia non rischia la disidratazione, né tantomeno di finire con la pelle secca e rugosa”.
Ma da dove nasce questa presunta regola? La raccomandazione degli otto bicchieri deriva dalla prescrizione della Food and nutrition board (un’organizzazione Usa per la sicurezza nell’ambito della nutrizione). Un neo non da poco: risale al 1945. E nonostante ciò, si tratta di una c…

Nel Sistema Solare c'è un oggetto 'ancora più lontano'

Immagine
Scoperto il corpo celeste 'ancora più lontano' del Sistema Solare. È stato chiamato proprio così, cioè 'FarFarOut', per distinguerlo dal 'più lontano' che era stato scoperto nel dicembre 2018, distante 18 miliardi di chilometri dal Sole. Il nuovo oggetto infatti lo fa scendere dal podio, trovandosi a più di 20 miliardi di chilometri dalla nostra stella, vale a dire 3,5 volte più lontano di Plutone. La scoperta, non ancora confermata, arriva dagli Stati Uniti e si deve a Scott Sheppard, della Carnegie Institution, che guida la caccia al misterioso Pianeta 9.
Per il momento, di FarFarOut si sa ancora pochissimo, come d'altronde del suo predecessore: a quelle distanze, infatti, le orbite sono incredibilmente ampie e quindi sono necessari anni di osservazioni per riuscire a raccogliere maggiori informazioni. Sheppard ha individuato FarFarOut per caso, mentre riesaminava vecchi dati mentre una tempesta di neve lo aveva bloccato, costringendolo a rinviare un imp…

Oceani come enormi discariche di farmaci, è a rischio l’intero Pianeta

Immagine
Stiamo distruggendo il nostro Pianeta, e quando lo avremo capito, probabilmente sarà troppo tardi per porre rimedio ai danni. Eppure è l’unica “casa” di cui disponiamo e, almeno allo stato attuale, non sembra possano esserci possibilità di colonizzare rapidamente un altro mondo. La prova dello scellerato modo di vivere dell’uomo, che non vuole rinunciare al ruolo di “padrone della Terra”, arriva ora dai dati ottenuti dallo studio condotto in Olanda da un team di ricercatori della Radboud University di Nijmegen. Stando a quanto scoperto dagli scienziati, infatti, negli ultimi 20 anni i residui farmaci finiti nei fiumi, che - ove presenti - riescono a superare gli impianti di depurazione e si riversano in mare, sono aumentati a livelli allarmanti. Dal 1995 a oggi la concentrazione è cresciuta esponenzialmente, e risulta dalle 10 alle 20 volte superiore.
Danni estesi a tutti gli ecosistemi I danni agli ecosistemi, già minacciati da idrocarburi, microplastiche e plastiche, sono incalcolab…

Produciamo troppa CO2, situazione drammatica: i rischi per la vita sulla Terra

Immagine
In meno di 5 generazioni le emissioni di anidride carbonica potrebbero raggiungere quelle dell’ultimo grande evento di riscaldamento globale terrestre, verificatosi durante il Massimo termico del Paleocene-Eocene (Paleocene-Eocene Thermal Maximum - PETM), un evento di riscaldamento globale avvenuto circa 56 milioni di anni fa.
La specie umana rischia di perire a seguito della sua stessa propensione a distruggere il mondo. In meno di 5 generazioni, evidenzia uno studio condotto da un’equipe di ricercatori dell’Università del Michigan, coordinata dal professor Philip D. Gingerich, “le emissioni di anidride carbonica di origine antropica potrebbero raggiungere quelle dell’ultimo grande evento di riscaldamento globale  terrestre”. Gli esseri umani, scrivono i ricercatori sulle pagine della rivista scientifica AGU Paleoceanography and Paleoclimatology, “stanno pompando anidride carbonica nell’atmosfera a un tasso da 9 a 10 volte più alto dei gas serra emessi durante il Massimo termico del…

Nettuno ha una nuova luna, il Sistema Solare è più grande

Immagine
Il Sistema Solare diventa più grande e acquista una nuova luna. Appartiene al più distante dei pianeti, Nettuno, che adesso di lune ne ha 14. La scoperta è pubblicata sulla rivista Nature dal gruppo dell'Istituto Seti per la ricerca di intelligenze extraterrestri di Mountain View, in California, coordinato da Mark Showalter.
"È un risultato molto importante, se si considera la difficoltà di scoprire oggetti così piccoli a una distanza così grande come quella di Nettuno dal Sole, pari a circa 30 volte la distanza tra la Terra e la nostra stella", ha detto all'ANSA Maurizio Pajola, dell'Osservatorio di Padova dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf).
La nuova luna si chiama Ippocampo, come la creatura marina della mitologia greca e con il suo diametro di circa 34 chilometri è la più piccola del pianeta. Era sfuggita alle osservazioni fatte nel 1989 dalla sonda Voyager 2, giunta ormai ai confini del nostro sistema planetario. Adesso è stata scoperta grazie…

SIAMO SEDUTI SU UN MARE DI URANIO E TORIO

Immagine
Sotto la crosta terrestre, nello strato del mantello, uranio e torio radioattivi funzionano come una stufa che riscalda il pianeta ed è, almeno in parte, responsabile dei movimenti della crosta, quindi delle attività dei vulcani, dei terremoti, della formazione di nuovo fondale marino. Ce lo confermano direttamente i neutrini provenienti dalle profondità del nostro pianeta – i “geoneutrini” - rilevati dall’esperimento Borexino ai Laboratori del Gran Sasso dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Lo studio viene presentato oggi a Venezia nel corso del convegno internazionale sulla scienza dei neutrini. 
Dopo una prima scoperta nel 2010, Borexino ha continuato in questi anni lo studio dei geoneutrini, raggiungendo in questo giorni nuove scoperte. Le più importanti indicazioni ottenute ora sono essenzialmente tre: 1-Nel mantello sono presenti in quantità rilevante gli elementi radioattivi appartenenti sia alla famiglia dell’Uranio-238 sia a quella del Torio-232. La presenza delle due…

Catene montuose da record nel cuore della Terra

Immagine
Potrebbero essere le montagne più alte del pianeta, quelle scoperte a 660 chilometri di profondità sotto la superficie terrestre nella zona di confine che separa in mantello terrestre superiore da quello inferiore. Il loro profilo da record è stato esaminato con un dettaglio senza precedenti analizzando l'eco delle onde di un violento terremoto di magnitudo 8.2 avvenuto nel 1994 in Bolivia. 
Lo studio, che aiuterà a comprendere meglio la struttura e le dinamiche interne della Terra, è pubblicato sulla rivista Science dall'Università di Princeton in collaborazione con l'Istituto di geodesia e geofisica in Cina. I ricercatori sono rimasti letteralmente a bocca aperta osservando le asperità che caratterizzano questa linea di confine, che finora era stata studiata solo su larga scala: il suo profilo, visto nel dettaglio, sembra essere ancora più irregolare di quello della crosta terrestre su cui camminiamo. 
"In altre parole, nel confine posto a 660 chilometri di profond…

Età del cuore migliore di quella anagrafica per capire quanto vivremo

Immagine
Per predire quanto a lungo si vivrà, l'età del cuore - calcolabile con un semplice test sotto sforzo - è molto più indicativa di quella anagrafica. Lo afferma uno studio pubblicato dall'European Journal of Preventive Cardiology, secondo cui sapere la propria età fisiologica può essere uno stimolo ulteriore a fare esercizio.
I ricercatori della Cleveland Clinic hanno studiato oltre 126mila pazienti che hanno condotto un elettrocardiogramma sotto sforzo tra il 1991 e il 2015. I dati del test, ovvero la capacità di esercizio, la frequenza cardiaca sotto sforzo e il tempo necessario a tornare ad un battito normale, sono stati usati per calcolare con un algoritmo l'età cardiaca. L'età media dei partecipanti, che dopo il test sono stati seguiti per circa nove anni, era di 53,4 anni, ma metà del campione è risultato fisiologicamente più giovane.
Il rischio di morte nel periodo di follow up, hanno concluso gli autori, è legato più fedelmente all'età fisiologica che a quel…

Il racconto di un operaio: "Ho visto un alieno sbarcare davanti casa mia"

Immagine
L’uomo, un 65enne che nei prossimi giorni sarà intervistato da un esperto dell’associazione italiana Avvistamento Alieni, lo descrive così: “Aveva braccia e gambe lunghissime e nodose, la testa molto deformata e gli occhi di un colore azzurro fosforescente”.
Incontrare un alieno non è cosa di tutti i giorni. Sono centinaia di scienziati che quotidianamente impiegano il proprio tempo a ricercare forme di vita (intelligente o meno che sia)nello spazio, ma nessuno fino ad oggi sembra esser riuscito nell’impresa. Un operaio 65enne residente a Campoli Appennino, in provincia di Frosinone, potrebbe però aver avuto quello che in gergo tecnico viene definito un incontro ravvicinato del terzo tipo, un vero e proprio faccia a faccia con una creatura aliena. "Ho visto un alieno sbarcare davanti casa mia”, ha raccontato ai giornali.
Ecco come è fatto un alieno L'uomo avrebbe visto molto chiaramente l'alieno, tanto da poterne fare un identikit estremamente dettagliato: “Aveva braccia …

Stromboli generò tre tsunami nel Medioevo, può farlo ancora

Immagine
Il crollo del fianco nord-occidentale del vulcano Stromboli ha scatenato ben tre tsunami che nel Medioevo hanno raggiunto le coste della Campania ed è ancora potenzialmente in grado di generare tsunami altrettanto violenti. Lo ha scoperto la ricerca italiana pubblicata sulla rivista Scientific Reports e coordinata dall'Università di Pisa.
Avvenuti nel periodo compreso fra il 1343 e il 1456, gli tsunami hanno avuto anche un testimone d'eccezione nel poeta Francesco Petrarca, che in una lettera da Napoli parlò di aver assistito a "una strana tempesta". La ricerca è stata condotta in collaborazione con Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Università di Modena-Reggio Emilia e Urbino, Istituto di studi del Mediterraneo antico del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr), City University of New York, American Numismatic Society, Associazione Preistoria Attuale.
Il principale dei tre tsunami è stato quello del 1343 e, secondo gli esperti, è quasi certamen…

Luce verde del governo Usa alla sperimentazione shock su un virus pandemico: gravi rischi per l'umanità

Immagine
La comunità scientifica spaccata: c’è anche l’ok alla modifica genetica dell’H5N1 e H7N9, considerato più letale dell’influenza spagnola del 1918 e dietro il cui nome potrebbe celarsi la famigerata “Malattia X” citata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.
Un’equipe di scienziati ha ricevuto dal governo degli Stati Uniti l’autorizzazione ad effettuare dei controversi test di laboratorio sul già pericoloso virus dell’influenza aviaria H5N1. I rischi per la salute umana venivano considerati così elevati che le stesse autorità federali, per ben quattro 4 anni, avevano sempre negato l’ok. Ora, dopo innumerevoli pressioni, i ricercatori hanno ricevuto il via libera. La notizia, che fa tremare il mondo, è stata diffusa da un giornalista di ScienceInsider che ha lanciato l’allarme, evidenziando gli innumerevoli rischi per la salute pubblica.
Test in due laboratori Due i laboratori che dovranno occuparsi dei test, che prevedono anche la poco rassicurante modifica genetica del virus. Uno d…

Creato il primo robot dotato di una propria coscienza, e il mondo trema

Immagine
I robot avranno presto una coscienza non dissimile da quella che contraddistingue, e rende unico, ogni essere umano. Qualche decennio fa, una tale evoluzione della “specie robotica”, venne immaginata, ma si trattava soltanto di finzione cinematografica. Oggi, un team di ricercatori della Columbia University, ha annunciato di aver creato il primo robot della storia in grado di comprendere chi è. La macchina, hanno evidenziato Hod Lipson e Robert Kwiatkowski, i responsabili del progetto, nasce con un software povero, ma allo stesso tempo estremamente evoluto. Questo, infatti, non offre all’entità artificiale alcuna nozione di geometria, fisica o meccanica, ma mette a disposizione della stessa una serie di strumenti che le consentono di evolversi.
Così ha sviluppato una coscienza Inizialmente la macchina non sapeva neppure se era “un ragno meccanico”, un “drone su ruote” o un banale “braccio” dotato di snodi. Il software di machine learning ha dunque permesso alla macchina di mettere a p…

L'altra faccia della Luna e la Terra, prima foto di coppia

Immagine
Arriva la prima foto di coppia dell'altra faccia della Luna e della Terra, scattata in gennaio dal satellite cinese Longjiang-2. La Luna occupa quasi tutto lo spazio dell'immagine, in un insolito photobombing cosmico, accanto a una Terra molto piccola, ma ancora perfettamente riconoscibile per il suo colore azzurro.
Le nuove immagini arrivano dopo i primi ritratti dell'altra faccia della Luna, inviati in gennaio dalla missione cinese Chang'e 4. Longjiang-2, anche noto come DSLWP-B, è uno dei due microsatelliti lanciati dalla Cina per preparare l'arrivo della missione Chang'e 4.
Longjiang-2 ha catturato l'immagine durante la Luna nuova, quando il lato della Luna che guarda la Terra era completamente al buio e quello nascosto interamente illuminato. Le immagini sono arrivate sulla Terra attraverso il radiotelescopio Dwingeloo, in Olanda, dove gli astronomi hanno voluto aiutare l'agenzia spaziale cinese (Csna) a ricevere le immagini grazie alla sua antenn…

L'uomo che camminerà su Marte oggi ha 5-6 anni

Immagine
L'uomo o la donna che "per primo metterà piede sul Pianeta rosso è un bambino che oggi ha 5-6 anni". Il primo passo per portare la razza umana più in là nello spazio sarà con una base orbitante intorno alla Luna verso la fine del 2020, e poi in volo verso Marte entro la fine del 2030. Lo ha detto Tommaso Ghidini, capo Divisione strutture, meccanismi e materiali dell'Esa (Agenzia spaziale europea), all'apertura dell'anno accademico dell'università Statale di Milano.
Anche se il traguardo è di là da venire, la ricerca spaziale sta già lavorando da anni per sperimentare, sulla Terra e nello spazio, le tecnologie che permetteranno all'uomo di realizzare colonie sulla Luna e Marte, e che allo stesso tempo avranno applicazione anche sulla Terra. Come ad esempio la casa lunare, che "si potrà realizzare semplicemente con una stampante in 3D, la regolite o sabbia lunare e l'energia del Sole. Dalla regolite tra l'altro si possono estrarre titanio …

Il 2018 è il quarto anno più caldo mai registrato

Immagine
Il 2018 è stato il quarto anno più caldo mai registrato sul Pianeta da quando c'è disponibilità di dati, a partire cioè dal 1880. Le temperature globali hanno superato di 0,83 gradi la media registrata tra il 1951 e il 1980, facendo classificare l'anno passato appena dietro i 'bollenti' 2016, 2017 e 2015. Considerati nel loro insieme, gli ultimi 5 anni sono stati in assoluto i più caldi dell'era moderna. A certificarlo sono i dati della Nasa e dell'ente americano per le ricerche sull'atmosfera e gli oceani (Noaa).
"Il 2018 è ancora una volta un anno estremamente caldo, in cima a una tendenza di lungo periodo di riscaldamento globale", spiega Gavin Schmidt, direttore del Goddard Institute for Space Studies (Giss) della Nasa. A soffrire maggiormente sono state le regioni artiche, che nel 2018 hanno subito una perdita continua di ghiacci. A partire dal 1880, aggiunge l'esperto, la temperatura media globale è salita di circa 1 grado: il fenomeno …

La Via Lattea è una trottola cosmica

Immagine
La Via Lattea è tutt'altro che un pacifico disco piatto, ma si comporta come un'autentica trottola cosmica, che ruotando vorticosamente finisce per deformarsi nella parte più esterna. E' quanto emerge dalla prima mappa accurata in 3D della nostra galassia, pubblicata sulla rivista Nature Astronomy, e utile per comprendere sia l'origine della nostra galassia, sia il movimento delle stelle al suo interno. Il risultato si deve alla collaborazione fra l'Osservatorio Astronomico dell'Accademia Cinese delle Scienze (Naoc) e l'australiana Macquarie University di Sydney.
Da almeno 50 anni c'erano segnali nella periferia della galassia, dove la forza gravitazionale è più debole, e le nubi di idrogeno assumono una forma molto più contorta. La nuova mappa, elaborata dal gruppo guidato da Xiaodian Chen, si è basata sui dati relativi alle distanze di 1.339 grandi stelle variabili chiamate Cefeidi e presenti nella parte più esterna della galassia, ciascuna con una m…

Il Polo Nord magnetico 'corre' verso la Siberia

Immagine
Il Polo Nord magnetico, quello verso cui puntano le bussole, si sta spostando più velocemente del previsto dal Canada verso la Siberia, a una velocità di circa 55 chilometri l'anno. Per questo l'ente americano per le ricerche sull'atmosfera e gli oceani (Noaa) ha pubblicato con un anno di anticipo il nuovo Modello Magnetico della Terra, che darà preziose informazioni per usi militari e civili, per la navigazione marittima e aerea, e perfino per le applicazioni degli smartphone.
"Lo spostamento dei poli magnetici è la manifestazione in superficie di ciò che genera il campo magnetico terrestre: correnti elettriche che scorrono nel nucleo esterno della Terra, fatto di ferro e nichel fusi, fluidi come l'acqua", spiega Domenico Di Mauro, dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).
Mentre il Polo Sud magnetico si sta spostando lentamente, il Polo Nord sta accelerando. Questo fenomeno però "non deve destare preoccupazione, perché rientra ne…

Il mondo va verso una pandemia di Parkinson

Immagine
Il mondo sta per affrontare una vera e propria epidemia di Parkinson, causata prevalentemente dall'invecchiamento della popolazione, col numero dei casi che potrebbe raddoppiare da qui al 2040 per arrivare a 12 milioni.
L'allarme viene dalle pagine del Journal of Parkinson's Disease, che ha dedicato un supplemento speciale all'argomento.
Di tutti i problemi neurologici, sottolineano gli esperti, il Parkinson è quello che cresce più rapidamente. Tra il 1990 e il 2015 il numero di pazienti nel mondo è raddoppiato, passando da tre a sei milioni, e questo numero potrebbe arrivare a 12 entro i prossimi 20 anni. "Alcuni fattori addizionali all'invecchiamento - sottolinea Patrik Brundin, direttore della rivista -, come l'aumentata longevità, il calo del numero dei fumatori, con il tabacco che sembra avere un effetto protettivo nei confronti della malattia, e l'aumento dell'industrializzazione, con la sempre maggiore esposizione a sostanze come pesticidi …

Vermi del sushi. ​Ecco cosa è il parassita "Anisakis"

Immagine
"L'infezione da Anisakis è una malattia crescente nei paesi occidentali". La causa? Eccessivo consumo di sushi, spesso di bassa qualità.
L'allarme per i vermi da sushi è esploso e continua ad allarmare i cittadini italiani che amano il cibo giapponese ma che potrebbero scivolare nelle conseguenze di un alimento troppo spesso trattato senza i doverosi controlli.
La rivista scientifica 'Bmj Case Reports', infatti, in questi giorni ha pubblicato un rapporto sui rischi che corre l'uomo dal consumo di sushi, che può produrre nel tratto digestivo superiore la formazione di parassiti filiformi. A riportare la notizia è stato l'Adnkronos. Le foto realizzate dai gastroenterologi fanno impressione ed hanno già girato tutto il web. Nelle immagini si vedono i parassiti filiformi attaccati alla mucosa dell'intestino. Una presenza che può provocare nell'uomo vomito, dolori addominali lancinanti e febbre. Come successo a molti individui, anche se non si era…