Post

Visualizzazione dei post da 2020

Coronavirus: depredare la natura aumenterà la diffusione delle pandemie

Immagine
Una natura sempre più depredata, con foreste che scompaiono per far posto all'agricoltura, riducendo sempre di più la distanza tra l'uomo e gli animali selvatici, sarà uno dei fattori che faciliterà la diffusione di epidemie su scala globale e il 'salto' di virus zoonotici all'uomo, come accaduto ora con il SarsCov2, causa del Covid-19. 
A segnalarlo sono due diversi studi.  Il primo è dell'università di Stanford. Qui i ricercatori guidati da Laura Bloomfield spiegano come i virus che passano dagli animali all'uomo (facendo il cosiddetto spillover) saranno sempre più comuni fin quando l'uomo continuerà a trasformare gli habitat naturali in terreni agricoli. La loro analisi, condotta in Uganda, mostra come la perdita di foresta tropicale abbia messo le persone più a rischio di interazione fisica con i primati selvatici e i loro virus. "La combinazione di grandi cambiamenti ambientali, come la deforestazione, e la povertà possono scatenare una pandemi…

In Antartide è caldo record, temperature mai viste prima

Immagine
E' caldo record in Antartide. Sono state registrate temperature mai viste prima tanto che gli scienziati temono danni a lungo termine per piante, animali ed ecosistemi. Massime e minime estreme sono state rilevate dal 23 al 26 gennaio presso la stazione australiana di ricerca di Casey nell'est dell'Antartide, classificate come un'ondata di calore. La temperatura nell'Antartide settentrionale ha toccato quasi i 18,3 gradi Celsius mentre temperature record sono state riportate anche nella penisola antartica. Le minime alla stazione di Casey erano superiori a zero mentre le massime erano superiori a 7,5 gradi. Il massimo più alto registrato è stato di 9.2 gradi il 24 gennaio, quasi di 7 gradi più del massimo medio per la stazione. La mattina dopo il record per il minimo più alto: 2,5 gradi. Lo studio, pubblicato sul Global Change Biology da un team internazionale, tra cui le Università australiane di Wollongong e della Tasmania e della Divisione antartica australiana…

I resti di un continente perduto a largo del Canada

Immagine
Nelle rocce dell’isola di Baffin vecchie di 150 milioni di anni. Individuati a largo delle coste canadesi i resti di un antico continente perduto del Nord Atlantico, che risale a milioni di anni fa. Sono nascosti tra i ghiacci dell’isola di Baffin, la quinta più grande al mondo, che si estende per circa 500.000 chilometri quadrati tra il Canada e la Groenlandia. È quanto emerge dallo studio pubblicato sulla rivista Journal of Petrology dal gruppo di geologi dell’Università canadese della Columbia Britannica, coordinati da Maya Kopylova.
Le prove sono contenute in alcune rocce rinvenute nel Sud dell’isola di Baffin nel corso di una campagna di esplorazione del sottosuolo alla ricerca di diamanti. Si tratta di rocce sotterranee che, spiega Kopylova, “come razzi raccolgono passeggeri sulla loro strada verso la superficie. E questi passeggeri - aggiunge - sono pezzi di rocce che trasportano una grande quantità di dettagli sulle condizioni del sottosuolo terrestre nel corso del tempo”.
Sec…

COVID-19, INCREDIBILE MA VERO (l'uomo ignorante)

Immagine
Come si può ancora oggi affermare con certezza che il virus è arrivato da un pipistrello (senza alcuna prova) e al contrario credere che non sia arrivato da un'arma batteriologica appositamente studiata e diffusa per scopi di origine mondiale (senza prove). 
Quindisenza una prova tangibile (che arriverà forse tra cento anni) nessuna delle due ipotesi e plausibile. 
Il dubbio e la verità ti renderà libero, specialmente adesso che sei chiuso in gabbia come un topo da laboratorio credendo alla TV. Pensaci! (fonte staff RLI)

Un asteroide sfiorerà la Terra il 29 aprile 2020

Immagine
Paragonato per le sue dimensioni all'Everest, sfiorerà la Terra il prossimo mese, ma ad una distanza - assicurano gli esperti - che "dovrebbe salvaguardare l'umanità".
La NASA ha annunciato che un gigantesco asteroide si sta avvicinando al nostro pianeta e ad aprile lo sfiorerà. Paragonato nelle dimensioni all’Everest, l’agenzia spaziale statunitense rassicura che pur avvicinandosi alla Terra non la colpirà.
Queste le parole precise del comunicato NASA: “Un gigantesco asteroide, del diametro variabile da 1,5 a 4 chilometri, si sta avvicinando sempre di più alla Terra e sfiorerà il nostro pianeta ad aprile“. Il 29 aprile l’enorme asteroide, identificato con il numero 52768 (1998 OR2), passerà accanto alla Terra senza minacciare l’umanità.
La distanza di sicurezza Gli esperti infatti assicurano che tra l’asteroide 52768 (1998 OR2) e la Terra ci sarà una distanza di sicurezza, calcolata in quasi 6 milioni di chilometri, “superiore a quella che intercorre tra la Terra e …

Un enorme Corpo Celeste entrato nel sistema solare viene monitorato dai Telescopi Spaziali

Immagine
Secondo le dichiarazioni dell’osservatore del cielo brasiliano Tio Abadom, un corpo celeste ha invaso il sistema solare e viene monitorato da telescopi spaziali e telescopi terrestri in tutto il mondo. L’oggetto sconosciuto, si trova attualmente vicino ai pianeti Giove e Saturno e sembra accelerare di velocità.
Coincidenza o no, ma la scorsa settimana, uno strano fenomeno del cielo è stato catturato a Trenton, nel New Jersey, da Alonzo Ent, che è stato in grado di catturare una sorta di oggetto celeste vicino al sole (spesso chiamato come secondo sole).
Alonzo, che è un cameraman esperto, ha dichiarato: “Si stava muovendo molto velocemente e anche se era molto difficile mettere a fuoco, sono stato in grado di registrarlo un pò di minuti, È durato solo circa 5 minuti e poi è andato via”.
Sebbene Tio Abadom parli del famigerato pianeta Nibiru, potremmo chiederci se potrebbe essere una nave madre aliena gigante, quella registrata dalla sonda spaziale eliosferica SOHO. La domanda sorge s…

Il coronavirus un’arma da guerra biologica? Ipotizzarlo non è “complottismo”

Immagine
La situazione sta, con tutta evidenza, sfuggendo di mano. Accanto al panico e alla psicosi, che sono l’elemento soggettivo, v’è comunque l’elemento oggettivo di un contagio che, qualora non fosse fermato in tempi rapidi, potrebbe condurre a scenari che non sarebbe esagerato definire apocalittici. Ed è di questi che occorre anzitutto occuparsi. Sui primi, s’è soffermato, tra gli altri, Giorgio Agamben, riproponendo il solito paradigma biopolitico: il terrore come metodo di governo. Che vi sia anche questa componente, è evidente.
Il marchio del “complottismo” Per parte nostra, prendiamo le mosse da un punto, che non sarà sfuggito: chi osi sollevare dubbi rispetto alla versione ufficiale – quella del virus come “naturale” evoluzione a partire dal pipistrelllo –, è immediatamente silenziato come complottista e, in quanto tale, ostracizzato e privato del diritto al pubblico dibattito. Curioso, in effetti, che chi socraticamente sollevi dubbi sia diffamato come idiota, mentre chi viva di gr…

Coronavirus resta nell'aria per ore, sui materiali per giorni

Immagine
Il coronavirus SarsCoV2 può restare nell'aria, nelle goccioline di saliva, fino a 3 ore e sulle superfici per giorni, in particolare fino a 24 ore sul cartone e fino a 3 giorni su plastica e acciaio. 
Lo indicano i dati frutto di esperimenti condotti dall' Istituto nazionale per le malattie infettive degli Stati Uniti (Niaid), che fa parte dei National Institutes of Health (Nih) in via di pubblicazione sul New England Journal of Medicine.
"I nostri risultati indicano che è possibile la trasmissione del coronavirus tramite l'aerosol e i materiali sui quali si deposita, dal momento che il virus resta vitale nell'aerosol per più ore e sulle superfici per giorni". (fonte ansa)

Misterioso buco su Marte, forse la bocca di una caverna

Immagine
C'è un misterioso buco su Marte: situato lungo il versante occidentale del vulcano Pavonis Mons, sembra essere la bocca di una caverna, probabilmente scavata dall'attività vulcanica. La sua immagine è stata ottenuta grazie allo strumento Hirise della sonda Mro (Mars Reconnaissance Orbiter) della Nasa e fin da subito ha subito attirato l'attenzione dei ricercatori: la cavità potrebbe infatti conservare tracce di vita, proteggendole dalle radiazioni che bombardano la superficie del Pianeta Rosso.
L'analisi dell'immagine (scattata nel 2011) e il confronto con quelle riprese successivamente, ha permesso ai ricercatori di stimare che il buco abbia un diametro di circa 35 metri. La particolare illuminazione della caverna sottostante fa ipotizzare che sia profonda 20 metri.
Ancora non è chiaro perché il buco sia dotato di un cratere circolare, così come resta ancora da capire la reale estensione della caverna.
Simili formazioni sotterranee, spiega la Nasa, potrebbero div…

L'intelligenza artificiale scopre un super antibiotico

Immagine
Con un nome ispirato al cinema, uccide anche batteri resistenti. Grazie all'intelligenza artificiale e' stato identificato un nuovo super antibiotico: chiamato 'halicin' in omaggio al supercomputer Hal 9000 del film '2001: Odissea nello spazio', ha dimostrato nei test di laboratorio di poter eliminare molti dei batteri portatori di malattie, compresi alcuni ceppi diventati resistenti a tutti i farmaci tradizionali. Il risultato, pubblicato sulla rivista Cell dai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (Mit), potrebbe rappresentare l'inizio di una nuova era per la ricerca sugli antibiotici, che negli ultimi anni ha subito un forte rallentamento.
"Stiamo affrontando una crisi crescente per quanto riguarda l'antibiotico-resistenza, e questa situazione si e' venuta a creare sia per un aumento dei microrganismi patogeni divenuti resistenti, sia per una produzione sempre piu' scarsa di nuovi antibiotici da parte delle industrie bio…

L'Universo si sta espandendo, ma senza occupare altro spazio

Immagine
Secondo la relatività generale, la metrica spazio-temporale cambia con il tempo: il metro cosmologico si restringe e di conseguenza la distanza tra le galassie aumenta.
Anche Einstein ha fatto i suoi errori. Il più grande di tutti? Stando alle sue parole, l'essersi attaccato all'idea che l'Universo debba essere statico, contrariamente a quanto predetto dalla sua stessa teoria, la relatività generale.
Oggi abbiamo numerose prove teoriche e sperimentali del fatto che l'Universo sia in realtà in una fase di espansione. "Ma in cosa si espande?". È proprio con questa domanda, menzionata anche nel nostro primo articolo (clicca qui per leggerlo), che è nata l'idea di creare questa rubrica.
"Gasp, è una delle cose più difficili da raccontare", ha risposto Carlo Rovelli quando gli abbiamo chiesto come lui proverebbe a spiegarlo. Abbiamo fatto lo stesso con altri tre stimati fisici della gravitazione e amici: Abhay Ashtekar, Alejandro Perez ed Eugenio Bi…

Coronavirus, contagio da tosse e starnuti. I sintomi possono essere lievi

Immagine
1 Dall’inizio dell’epidemia apparsa in Cina a dicembre e ufficialmente dichiarata dall’Organizzazione mondiale della sanità il 9 gennaio sono state acquisite informazioni nuove sul comportamento del coronavirus conosciuto come Covid-19?
Risponde Giovanni Rezza, responsabile malattie infettive ed epidemiologia dell’Istituto Superiore di Sanità: «No, lo sviluppo dell’epidemia sembra aver confermato la maggior parte delle caratteristiche inizialmente ipotizzate su questo nuovo coronavirus responsabile della malattia indicata col nome di Sars-CoV 2, molto simile a quello che ha dato avvio alla SARS (sindrome respiratoria acuta grave) nel 2002-2003 e al coronavirus della MERS (sindrome respiratoria mediorientale) dal 2014 presente nella penisola arabica. E’ un virus respiratorio appartenente a una famiglia di agenti infettivi noti e che anche in questo caso ha compiuto in una regione della Cina, l’Hubei, capitale Wuhan, un salto di specie dall’animale all’uomo in circostanze che però non s…

Meteo: un vortice polare da record cancella l'inverno

Immagine
E' il responsabile delle temperature miti in gran parte Europa.
E' un vortice polare che ha raggiunto valori da record il responsabile dell'assenza dell'inverno in gran parte d'Europa, Italia compresa dove nel weekend si registreranno temperature da fine aprile. Si tratta, come spiega il meteorologo di Meteo Expert Rino Cutuli su IconaClima, "di una grande circolazione di bassa pressione in quota, una vera e propria trottola con moto circolare in senso antiorario, colma di aria molto fredda al suo interno, che staziona in modo semi-permanente sopra la verticale del Polo Nord, ad una quota media compresa tra i 10 e 30 Km circa". Una misura dell'intensità del vortice polare è data dall'Oscillazione Artica (Ao), indice calcolato in base alla differenza di pressione rilevata tra l'Artico e le medie-basse latitudini. Questo indice può attraversare due fasi: una positiva e una negativa.
Quando è positiva, il vortice polare è particolarmente profondo…

Non solo coronavirus, sono molti i virus pericolosi per l’uomo che si sviluppano all’interno degli allevamenti intensivi

Immagine
Alla base di quella che risulta essere una vera e propria emergenza ci sono i capannoni all’interno dei quali si trovano spesso migliaia di animali, pessime condizioni igieniche e l’utilizzo indiscriminato di farmaci.
La recente emergenza relativa al coronavirus, a oggi tutt’altro che debellata, riporta a galla la questione delle malattie contratte dagli animali e trasmissibili all’essere umano. Capannoni con migliaia di animali stipati al loro interno, pessime condizioni igieniche e utilizzo indiscriminato di farmaci. Gli allevamenti intensivi rappresentano il terreno ideale per la nascita e la propagazione di malattie difficilmente gestibili.
Tornano d’attualità aviaria e peste suina Ormai è una certezza. Sempre più frequentemente si verificano casi di malattie contratte dagli animali e trasmesse all’essere umano. Il nuovo ceppo di coronavirus, proveniente dalla Cina e concentrato maggiormente nella provincia di Wuhan, è l’argomento caldo degli ultimi mesi. Scaturito, pare, dal merc…

Cosi' i tumori si nascondono al sistema immunitario

Immagine
Si nasconde nello stesso sistema immunitario il meccanismo che permette ai tumori di sfuggire a ogni controllo. La scoperta, pubblicata sulla rivista Science Advances, potrebbe aprire la via a nuove terapie anticancro e si deve al gruppo tedesco coordinato dall'italiana Teresa Carlomagno, della Leibniz University Hannover (Luh), in collaborazione con Maja Banks-Khn e Wolfgang Schamel, dell'universita' di Friburgo.
Le due proteine che involontariamente aiutano i tumori si chiamano Pd-1 e Shp-2 e si trovano sulla superficie delle cellule T del sistema immunitario. In condizioni normali il loro intervento e' necessario in quanto si legano fra loro per frenare un'eccessiva reazione immunitaria.
In particolare la proteina Pd-1 "ha la funzione di sopprimere un'eccessiva risposta immunitaria per evitare processi infiammatori eccessivi", dice all'ANSA Carlomagno. Per funzionare, aggiunge la ricercatrice, "la proteina ha bisogno di essere attivata. I…

Caldo record nei prossimi 5 anni, picchi a +1,62 gradi

Immagine
Fra il 2020 e il 2024 la Terra potrebbe sperimentare le temperature più calde degli ultimi 150 anni, con picchi fino a 1,62 gradi superiori ai valori registrati prima della rivoluzione industriale. Sono le previsioni elaborate dai modelli al computer dell'Ufficio meteorologico britannico (Met Office), basate su dati raccolti da satelliti, palloni sonda atmosferici e da stazioni terrestri. Secondo gli esperti i primi responsabili dell'aumento della temperatura sono i livelli dei gas serra, in continua crescita.
A detenere il record dell'anno più caldo è stato il 2016, con una temperatura di 1,16 gradi superiore ai livelli pre-industriali. I modelli del Met Office indicano adesso che nei prossimi cinque anni le temperature medie globali potranno registrare un aumento compreso tra 1,15 gradi e 1,46 gradi rispetto ai valori pre-industriali, con picchi di 1,62 gradi. Un trend in crescita rispetto al quinquennio precedente, 2015-2019, considerato finora il più caldo, quando la …

L'ora X della Brexit, cosa cambia con l'addio

Immagine
Il punto di non ritorno della Brexit è ormai raggiunto. Dal primo febbraio il Regno Unito manda in archivio poco più di 47 anni di storia comune con l'Ue, di partnership recalcitrante e spesso contrastata, ma non priva di vantaggi reciproci, e torna - salvo ipotetici ripensamenti di un futuro incerto e indeterminato - al suo destino insulare. Ma cosa cambia in concreto? Nell'immediato poco, visto che il vero distacco dalle regole e dai paletti attuali - sul mercato unico, le dogane condivise, la libertà di movimento delle persone, la giurisdizione della Corte di Giustizia europea - ci sarà solo alla fine del cosiddetto periodo di transizione 'soft' verso il divorzio fissata al momento per il 31 dicembre 2020. E tuttavia qualcosa d'importante, anche in termini simbolici, si consuma in effetti hic et nunc. Come tanto di ammainabandiera.
IL COUNTDOWN - L'ora X è precisa, le 23 britanniche e la mezzanotte centro-europea a cavallo fra 31 gennaio e primo febbraio. Da …

L’allarme: virus pericolosi rischiano di riprendere vita a causa dello scioglimento dei ghiacciai

Immagine
Non solo Coronavirus. Dalla Cina potrebbe arrivare anche un'altra e ben più' antica minaccia. Trovati in un ghiacciaio tibetano una ventina di misteriosi patogeni.
Lo scioglimento dei ghiacciai potrebbe rilasciare virus molto vecchi e potenzialmente pericolosi. Neanche a farlo a posta la minaccia arriva dalla Cina, in allerta per il coronavirus. In un ghiacciaio tibetano una ventina di misteriosi patogeni, intrappolati da millenni, rischiano di essere liberati dallo scioglimento dei ghiacci causato dal riscaldamento globale. A lanciare l'allerta è un gruppo internazionale di ricerca guidato dall'Universita' dell'Ohio, che pubblica le analisi di due carote di ghiaccio su bioRxiv, il sito che traccia gli articoli scientifici prima della pubblicazione su riviste ufficiali.
Virus intrappolati nel ghiaccio Secondo la ricerca, nello scenario peggiore, i virus potrebbero essere rilasciati nell’atmosfera a seguito del riscaldamento globale e dello scioglimento del ghiac…

L'Oms: "Le sigarette elettroniche sono dannose per la salute e non sono sicure soprattutto per adolescenti e feti"

Immagine
Le sigarette elettroniche sono senza dubbio dannose per la nostra salute per questo devono essere regolamentate. L 'Organizzazione mondiale della sanità scende in campo contro l'uso delle sigarette elettroniche. Secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite specializzata per le questioni sanitarie, le e-cig " non sono sicure", sono particolarmente rischiose per lo sviluppo del cervello degli adolescenti e "possono danneggiare il feto in crescita". Inoltre "non ci sono poche prove che aiutino i fumatori a smettere". Pertanto, "laddove non siano vietate, devono essere regolamentate".
Fumo passivo In un documento di domande e risposte pubblicato sul portale dell’Oms e rilanciato con una serie di tweet si legge che le e-cig "aumentano il rischio di malattie cardiache e disturbi polmonari. Espongono, di seconda mano, anche i non fumatori "alla nicotina e ad altre sostanze chimiche dannose. In sintesi i vapori emessi da chi svapa contengono …

La tutela dell'ambiente non è tra le priorità delle corporation del petrolio

Immagine
Ecco come operano per rallentare la transizione ecologica. Per decenni le “compagnie fossili” hanno controllato l’economia mondiale. Ora però il vento sembra cambiato. Sono infatti sempre più numerosi coloro che chiedono a gran voce il rispetto dell’ambiente, raggiungibile soltanto attraverso l’attuazione di politiche innovative e coraggiose. Tutto ciò spaventa le corporazioni del settore petrolifero. Benché consapevoli del fatto che il cambiamento sia ormai inevitabile, cercano ancora di rallentarlo, attuando veri e propri attacchi attraverso l’arbitrato internazionale, un sistema di corti sovranazionali non trasparenti a disposizione del settore privato. I piani di questi nemici dell’ambiente sono stati rivelati in occasione del 50esimo World economic forum, in corso a Davos. A svelare la strategia sono state le Ong Fairwatch, Terra! e Cospe, con un rapporto intitolato “Processo al futuro”, che “rivela la strategia delle compagnie fossili per bloccare o rallentare la transizione eco…

Più avanti le lancette dell'orologio dell'Apocalisse

Immagine
Le lancette dell'orologio dell'Apocalisse sono state spostate avanti a 100 secondi alla mezzanotte contro i due minuti del 2019. Lo ha deciso la La Federazione degli scienziati atomici, che ha dato l'annuncio in una conferenza stampa a New York.
Conto alla rovescia per l'aggiornamento delle lancette del celebre 'orologio dell'Apocalisse' (Doomsday clock), che dal 1947 viene regolato ogni anno dalla Federazione degli scienziati atomici in modo da scandire il tempo che resta all'umanita' per evitare la catastrofe dovuta alle armi nucleari, ai cambiamenti climatici e alla minaccia delle nuove tecnologie emergenti. 
L'annuncio della decisione per questo 2020 (a cui concorrono anche 13 premi Nobel) è stato dato nella conferenza stampa internazionale con il Bulletin of the Atomic Scientists.
Nel 2019 le lancette erano rimaste ferme, dopo che nel 2018 (con i test nucleari della Corea del Nord) erano state spostate avanti di 30 secondi fino a indicare s…

Abbiamo meno di 11 anni per salvare il Pianeta

Immagine
Per garantire la vitalità degli ecosistemi e la salute umana, almeno il 30% della superficie terrestre dovrebbe essere trasformato in aree protette entro il 2030. A sottolineare la necessità urgente di tutelare la natura e di fermare il degrado ambientale è l’ONU, attraverso lo “zero draft text of the post-2020 global biodiversity framework”, bozza che dovrà essere discussa dai rappresentanti dei circa 200 paesi che si riuniranno il prossimo ottobre a Kunming, in Cina, in occasione del vertice sulla biodiversità.
Non è la prima volta che le Nazioni Unite avvertono dell’importanza di salvaguardare e ripristinare gli ecosistemi, ma il bisogno di azioni concrete non è mai stata urgente come oggi: l’anno scorso un rapporto sullo stato degli ecosistemi, redatto sempre dall’ONU, ha svelato che ben un milione di specie animali e vegetali risultano a rischio estinzione.
La responsabilità è soprattutto di noi esseri umani e delle nostre attività che minacciano continuamente animali e piante e…

Addio a Windows 7: fine degli aggiornamenti e rischio virus

Immagine
Windows 7 addio, si chiude il sipario sul sistema operativo di Microsoft lanciato nel 2009. A partire dal 14 gennaio - come già annunciato - la casa di Redmond non rilascerà più aggiornamenti tecnologici e di sicurezza. L'unico modo per continuare a riceverli e passare ad un programma a pagamento riservato però alle imprese che sopravviverà fino al 2023.
Tutti gli altri utenti devono passare al sistema operativo Windows 10. Secondo StatCounter ad oggi Windows 7 è ancora presente sul 26,79% dei computer in circolazione prendendo in considerazione le piattaforme desktop.

L'interruzione del supporto non significa che i computer smetteranno di funzionare, ma che saranno vulnerabili a virus e malware. Per essere protetti, i consumatori possono passare al sistema operativo più recente, cioè Windows 10 che si può scaricare su una pagina apposita del sito Microsoft che si chiama, appunto, Scarica Windows 10.
Chi da dal 15 gennaio continuerà ad usare Windows 7, vedrà apparire una noti…

I mattoni della vita arrivati dallo spazio interstellare

Immagine
I composti alla base della vita sono arrivati sulla Terra dallo spazio interstellare e potrebbero essere comuni a molti pianeti esterni al Sistema Solare: lo indicano i composti organici scoperti sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, la prima sulla quale nel 2014 si è posato un veicolo costruito dall'uomo: la sonda Rosetta dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa)
È quanto emerge dalle analisi più recenti dei materiali presenti sul nucleo della cometa 67P, fatte dallo strumento italiano Virtis (Visual, Infra-Red and Thermal Imaging Spectrometer) a bordo della sonda, realizzato da Leonardo con il contributo dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e sotto la responsabilità scientifica dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf). I dati sono pubblicati sulla rivista Nature Astronomy, nella ricerca coordinata da Andrea Raponi, dell’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali dell’Inaf (Iaps-Inaf).
Le analisi mostrano per la prima volta su una cometa chiare tracce di composti organ…

Il fumo mette a rischio anche la salute mentale, depressi e meno vitali

Immagine
Per decenni ci si è concentrati sui rischi per la salute legati al fumo dal punto di vista fisico, come il cancro ai polmoni, le malattie cardiache, il basso peso alla nascita e l'ipertensione. Poco esplorate invece le problematiche correlate alla salute mentale. Ora da un nuovo studio della Hebrew University of Jerusalem's-Hadasssah Braun School of Public Health and Community Medicine emerge che questa abitudine porta a un maggior aumento della depressione tra i ragazzi, meno vitalità e inserimento e adattamento alla vita sociale. La ricerca, pubblicata su Plos One e che ha coinvolto anche le università di Belgrado e Pristina, ha preso in esame 2mila studenti.
È emerso che coloro che fumavano avevano tassi di depressione clinica che erano due o tre volte più alti rispetto ai loro coetanei non fumatori. Nello specifico, all'Università di Pristina, il 14% dei fumatori soffriva di depressione rispetto al 4% appena dei coetanei che non avevano questa abitudine, mentre all…

In un piccolo verme il segreto per vivere fino a 500 anni

Immagine
Moltiplica la longevità per 5, possibili nuove cure anti-age.
Scoperto il segreto per vivere fino a 500 anni: consiste nell'accendere contemporaneamente due 'interruttori' molecolari della longevità, i cui effetti si potenziano a vicenda allungando la vita del 500%. La strategia, sperimentata con successo nei piccoli vermi nematodi 'C. elegans' (da sempre usati come modello per studiare l'invecchiamento in laboratorio), potrebbe aprire la strada a nuove terapie anti-aging anche per l'uomo. A indicarlo è lo studio pubblicato su Cell Reports dai ricercatori statunitensi del Mount Desert Island Biological Laboratory e del Buck Institute for Research on Aging, in collaborazione con i cinesi dell'Università di Nanchino.
Nei loro esperimenti sui nematodi, i biologi hanno modificato geneticamente due 'interruttori' di longevità che attivano due circuiti molecolari nelle cellule (evolutivamente conservati anche nell'uomo): quello legato all'insu…

“Gli alieni esistono”. La prima astronauta britannica: “Sono già tra di noi”

Immagine
Le dichiarazioni rilasciate da Helen Sharman, prima di sette britannici a viaggiare nello spazio, sulla stazione spaziale sovietica Mir nel 1991, rilasciate al The Guardian.
“Gli alieni esistono ed è anche possibile che si trovino tra di noi, sulla Terra”. Sono le dichiarazioni shock di Helen Sharman, prima di sette britannici a viaggiare nello spazio, sulla stazione spaziale sovietica Mir nel 1991, rilasciate pochi giorni fa al The Guardian. Nessuno al momento ha le prove della loro esistenza, ma ciò è dovuto alla nostra incapacità di svelare il loro mascheramento. La donna, oggi 57enne, ha ribadito che con “così tanti miliardi di stelle nell'Universo” ci devono essere “tutti i tipi di forme di vita possibili”. “Saranno come te, come me, composti di carbonio e azoto? O forse no - ha aggiunto -. Potrebbero essere qui adesso e semplicemente non possiamo vederli”.
Sharman non è la prima, tra gli ex dipendenti delle varie agenzie spaziali, a rivelare al mondo le proprie convinzioni s…

Viaggiare nel tempo è possibile. Ecco la teoria di un astrofisico che sogna di abbracciare il padre morto quando era ancora un bimbo.

Immagine
Lo scienziato, Ron Mallet, è convinto che sia possibile intraprendere un viaggio a ritroso nel tempo.
Viaggiare attraverso le maglie del tempo, tornando indietro anche di decenni per vedere con i propri occhi gli eventi che nel bene e nel male hanno fatto la storia, è possibile. Ne è convinto Ron Mallett, astrofisico docente all'università del Connecticut che, a causa di un dramma personale, ha dedicato l’intera vita alla ricerca di un modo che gli consentisse di abbracciare ancora una volta suo padre, perso quando aveva l'età di 10 anni. “Era il centro della mia vita - racconta Mallett - per me il sole sorgeva con lui e tramontava con lui, ancora oggi, a tanti anni di distanza, la sua assenza per me è qualcosa di irreale”. Un amore infinito dunque, la cui perdita lo segnò profondamente. Caso volle che, proprio il giorno dopo la morte del padre, il piccolo Ron si ritrovò con una copia del romanzo fantascientifico “La macchina del tempo” di H. G. Wells. “Quel libro - ammette l…