Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2020

CORONAVIRUS FASE 3: LIBERI TUTTI dal 6 AGOSTO 2020

Immagine
Ma poi TERRIBILI SECONDE ONDATE di COVID-19, ecco perché. L’Italia è appena entrata nella Fase 2 BIS o 2 SECONDA PARTE che dir si voglia, ma tanti si stanno chiedendo SE e QUANDO si potrà passare alla FASE 3, quella del LIBERI TUTTI.
Secondo alcuni ricercatori cinesi, vi sarebbe addirittura già una DATA per l'Italia, che segnerebbe la FINE DELL'EPIDEMIA; Come riporta il quotidiano "Il Tempo" nella sua edizione online, un team di scienziati cinesi diretti da Wangping Jia del Chinese Pla General Hospital di Pechino, avrebbe indicato la data di fine dell'epidemia nel nostro Paese: il 6 agosto 2020 potremmo essere fuori da questo incubo.
Ma ATTENZIONE, secondo lo studio di alcuni scienziati di Pechino il COVID-19 potrebbe tornare a farci sgradita visita con una SECONDA ONDATA di CONTAGI, forse anche più TERRIBILE della prima, per poi TORNARE OGNI ANNO.
I ricercatori dell'Istituto di Biologia patogena dell'Accademia cinese delle Scienze Mediche, come riportato …

I due boomerang nell'universo: un altro mistero sui buchi neri

Immagine
Sono fasci di materia che formano due strutture arcuate, molto simili a dei boomerang. Si trovano a 800 milioni di anni luce da noi. Forse il risultato della collisione di due buchi neri.
I due boomerang nell'universo: un altro mistero sui buchi neri Sono fasci di materia che formano due strutture arcuate, molto simili a dei boomerang. Si trovano a 800 milioni di anni luce da noi. Forse il risultato della collisione di due buchi neri.
Tante le ipotesi sulla loro natura e vita, spesso contrastanti tra loro. Come riportato dal Corriere, lo scorso anno era stata fatta la prima foto di un mostro cosmico. In quel caso però non era l’immagine di un buco nero ma di ciò che vi era intorno. Infatti, a causa della forte forza di gravità che lo contraddistingue e gli dona il nome appunto di buco nero, non vi è possibilità che ne esca la luce, inghiottita anch’essa nel suo profondo.
Boomerang nello spazio: una sfida per la scienza L’ultima scoperta ricca di mistero è stata fatta dagli astronom…

La Luna deforma la crosta terrestre e muove i continenti

Immagine
Lo dimostra per la prima volta una ricerca italiana.
Non solo mare e laghi: la Luna riesce a deformare la crosta terrestre provocando le cosiddette maree solide che sono in grado di muovere i continenti perche' svolgono un ruolo attivo sulla tettonica delle placche. Lo dimostra per la prima volta la ricerca italiana pubblicata sulla rivista Science Reviews, da Carlo Doglioni presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Davide Zaccagnino dell'Universita' Sapienza di Roma, Francesco Vespe, dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi).
I tre studiosi sono riusciti a comprendere il ruolo delle maree solide sulla tettonica delle placche grazie ai dati della rete globale del sistema satellitare globale di navigazione (Gnss), che comprende sia il Gps americano che il sistema europeo Galileo e che permette di misurare la velocita' tra le placche anche tra stazioni distanti migliaia di chilometri.
Questi servizi internazionali, cui contribuisce l'A…