Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2020

La vita è un sogno da cui ci sveglia la morte

Immagine
Noi eravamo come voi, voi sarete come noi (frase presente all'ingresso di molti cimiteri) Che cos'è la morte? La morte è la cessazione di quelle funzioni biologiche che definiscono gli organismi viventi. Si riferisce sia ad un evento specifico, sia ad una condizione permanente ed irreversibile. Con la morte, termina l'esistenza di un vivente o più ampiamente di un sistema funzionalmente organizzato. La morte non può essere definita se non in relazione alla definizione di vita, anch'essa relativamente ambigua. Da una visione atea in un punto spazio-tempo infinito, la morte non esisterebbe in quanto l'universo non perde lo stesso le proprie funzioni, essendo quindi una condizione relativa. In ambito biologico, la morte (dal latino mors) può essere definita in negativo, come la permanente cessazione di tutte le funzioni vitali dell'essere vivente, ovvero dell'organismo vivente: quindi la fine della vita. Determinare, però, quando una permanente cessazione di t

Ipbes, fino a 850mila nuovi virus; stop perdita biodiversità

Immagine
Future pandemie emergeranno più spesso, si diffonderanno più rapidamente, arrecheranno più danni all'economia mondiale e uccideranno più persone del Covid-19 se non si cambia l'approccio al problema passando dalla reazione - cioè dopo che è scoppiato - alla prevenzione. Questo soprattutto considerando che si stimano altri 1,7 milioni di virus ancora "non scoperti" nei mammiferi e negli uccelli di cui fino a 850.000 potrebbero avere la capacità di infettare le persone e che gli attuali impatti economici sono 100 volte superiori al costo stimato per la prevenzione. E' un rapporto scientifico dell'Ipbes (Piattaforma intergovernativa di politica e scienza sulla biodiversità e i servizi ecosistemici) sulla biodiversità e le pandemie stilato dopo aver consultato con urgenza 22 esperti di livello mondiale sui legami fra il degrado della natura e i rischi crescenti di pandemia, ad avvertire su questo rischio suggerendo la strada per ridurlo. Ovvero, cercando di evitar

Le mille stelle da cui Et potrebbe vedere la Terra

Immagine
Se esistessero delle civiltà aliene, potrebbe osservare la Terra da una delle mille stelle più vicine, dalle quali e' possibile vedere il nostro pianeta transitare contro il disco del Sole. Lo indica la ricerca pubblicata sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society: Letters e coordinata dall'astronoma Lisa Kaltenegger, della Cornell University. "Se degli osservatori fossero la' fuori a cercare, dai pianeti in orbita attorno a queste stelle, sarebbero in grado di vedere i segni della vita nell'atmosfera del nostro 'Pallido punto azzurro'", rileva Kaltenegger, citando il nome della foto scattata nel 1990 dalla sonda Voyager 1. Quanto a noi, ha aggiunto, "siamo in grado vedere le più luminose di queste stelle nel nostro cielo notturno senza l'aiuto di binocoli o telescopi". La maggior parte dei mondi alieni scoperti finora e' stata trovata con la tecnica dei transiti, cioe' osservando il passaggio di questi pianet

Asteroidi stanno colpendo il SOLE

Immagine
Secondo le dichiarazioni dell’osservatore del cielo brasiliano Tio Abadom, un corpo celeste ha invaso il sistema solare e sta causando lo spostamento di enormi asteroidi che stanno colpendo il Sole, causando poi delle esplosioni solari. Il misterioso corpo celeste viene monitorato dalle sonde spaziali come IRAS e New Horizon e dai telescopi in tutto il mondo. Il 20 marzo 2020 e il 12 aprile 2020 si sono verificate enormi e misteriose esplosioni sul lato opposto del Sole. Ora, il 18 aprile 2020 i satelliti della NASA hanno catturato una terza esplosione da cui si ritiene che sia docuto a un impatto con asteroidi. Ma così tanti impatti in breve tempo è insolito e suggerirebbe che abbiamo a che fare con un enorme corpo celeste che sposta questi macigni spaziali. Secondo l’astrofilo Tio Abandom, che controlla costantemente il sistema solare, sta arrivando un pianeta canaglia, forse si tratta di Nibiru con le sue lune, che può causare esplosioni di asteroidi sul Sole. Supponiamo che abbia r

Trattato su proibizione armi nucleari entra in vigore

Immagine
Il trattato sulla proibizione delle armi nucleari entra in vigore dopo la ratifica di 50 Paesi, la soglia minima richiesta. Il trattato, adottato da una conferenza delle Nazioni Unite il 7 luglio 2017, è il primo accordo legalmente vincolante che vieta lo sviluppo, i test, la produzione, l'immagazzinamento, il trasferimento, l'uso e la minaccia delle armi nucleari. Il 50/mo Stato a ratificare l'accordo e' stato l'Honduras, consentendo che il trattato ora entri in vigore dopo 90 giorni, come ha riferito un dirigente dell'Onu. "Oggi e' una vittoria per l'umanita' e una promessa per un futuro piu' sicuro", ha commentato Peter Maurer, presidente della commissione internazionale della Croce Rossa. Tra le ong che hanno espresso il loro plauso anche la International Campaign to Abolish Nuclear Weapons (Ican), una coalizione che nel 2017 vinse il premio per la pace per il suo ruolo chiave nel varo del trattato. Le principali potenze nucleari (U

Che fine ha fatto il corpo di Adolf Hitler?

Immagine
Il 30 aprile del 1945 Hitler si uccise nel suo bunker a Berlino. Ma che fine ha fatto il suo corpo? Lo rivelano alcuni documenti desecretati del Kgb. Berlino è un cumulo di macerie. I colpi delle granate sovietiche e il crepitio dei fucili sono sempre più vicini. I carri armati avanzano, abbattendo qualsiasi cosa incontrino. Tutto è coperto da una coltre pesante, fatta di detriti e polvere da sparo. Non si riesce quasi a respirare. In gola si forma un impasto difficile da mandar giù. La gioventù hitleriana, ormai composta solamente da ragazzini, cerca disperatamente di frenare l'avanzata dei sovietici, senza però riuscirci. Sono gli ultimi giorni di un Reich che si credeva millenario e che invece durò poco più di un decennio. Sono gli ultimi giorni di Adolf Hitler. Il 20 aprile, il Führer esce per l'ultima volta dal bunker. Attraversa la città, incrocia alcuni soldati feriti ai quali promette una vittoria che sa già che non ci sarà. Tutto è finito. Nessuno potrà difendere Berli

La Francia "invade" il territorio italiano: così si prende il Monte Bianco

Immagine
Il Monte Bianco è la cima più alta d'Italia o della Francia? La sua punta è oggetto da anni di una controversia internazionale, al pari di alcuni altri territori circostanti i cui confini non sono mai stati del tutto accertati da ambo le parti. Questioni che ora da Parigi, gradatamente, potrebbero aver iniziato a risolvere unilateralmente. A partire dalla zona del rifugio Torino, situato nei pressi di Punta Helbronner. Il sito è importante per la Valle d'Aosta e per i comuni italiani dei circondario: qui arriva la funivia proveniente da Courmayeur, sotto il profilo logistico ed economico avere il rifugio Torino all'interno dei nostri confini appare quindi un fatto che va ben oltre la mera rivendicazione politica. Secondo un accordo del 1860, al nostro Paese veniva lasciata la sovranità di Punta Helbronner, nonostante storicamente essa appartenesse alla conte della Savoia, passata alla Francia nell'ambito dei trattati risalenti all'unità d'Italia. Tuttavia, nel

Il virus suino che spaventa il mondo: "Potrebbe replicarsi in cellule umane"

Immagine
Non stiamo parlando del Sars-CoV-2, ma di un altro virus che, come il predecessore, potrebbe presto essere in grado di replicarsi nelle cellule umane. L'ombra del SADS-CoV Il coronavirus della sindrome da diarrea acuta dei suini, meglio noto come SADS-CoV, fa parte della stessa famiglia del nuovo coronavirus con il quale stiamo facendo i conti da una decina di mesi. Questo agente patogeno ha allarmato l'industria suina, anche se al momento non sono stati confermati salti di specie. Tuttavia, avverte uno studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences e condotto dagli esperti dell’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, SADS-CoV potrebbe avere il potenziale per diffondersi anche tra gli esseri umani. Proprio come Sars-CoV-2, anche SADS-CoV sembrerebbe aver compiuto il salto inter specie dai pipistrelli. Da qui, da quando è stato scoperto per la prima volta nel 2016, il virus ha infettato mandrie di suini in tutta la Cina, provocando enor

I biosensori stampati direttamente sulla pelle

Immagine
Biosensori possono essere stampati direttamente sulla pelle e segnano un nuovo passo verso il futuro dei computer indossabili. Sono stati ottenuti grazie alla tecnica pubblicata sulla rivista ACS Applied Materials & Interfaces dal gruppo coordinato da Huanyu Cheng, dell’Università di Stato della Pennsylvania, e frutto della collaborazione con l’Istituto cinese di tecnologia Harbin. I biosensori sono in grado di raccogliere diversi parametri, rileva Cheng, come temperatura, umidità, livello di ossigenazione del sangue e attività cardiaca. Possono inoltre essere riutilizzati: basta rimuoverli con acqua calda, senza danneggiarli. Lo stesso gruppo di Cheng aveva già sviluppato circuiti stampati flessibili per sensori indossabili, ma questa nuova tecnica di stampa sulla pelle permette di incorporare nanoparticelle metalliche, come l’argento, senza utilizzare temperature elevate. “Siamo riusciti a effettuare la stampa direttamente sulla pelle a temperatura ambiente”, spiega Cheng. Il pro

Crescono i detriti spaziali, le contromisure non bastano

Immagine
I detriti spaziali continuano ad aumentare nonostante gli sforzi per contenerli: ogni anno in orbita si verificano in media 12 eventi accidentali che generano nuovi frammenti e questo trend è in crescita, tanto che le collisioni con i satelliti diventeranno presto la prima fonte di detriti. E' quanto emerge dall'ultimo rapporto annuale sullo stato dell'ambiente spaziale (Anual Space Environment Report) stilato dall'Agenzia spaziale europea (Esa). Attualmente "la principale fonte di detriti spaziali sono le esplosioni in orbita causate da carburante e batterie rimasti bordo di veicoli e razzi", spiega Holger Krag, a capo del programma di sicurezza spaziale dell'Esa. "Nonostante le misure preventive adottate negli anni, non c'è un calo del numero di questi eventi. La tendenza verso lo smaltimento a fine missione sta migliorando, ma lentamente". Secondo il rapporto Esa, i razzi lanciati nell'ultimo decennio si sono adeguati alle misure di ri

Covid resiste sulle mani «fino a nove ore, Il virus dell'influenza solo due»

Immagine
Che il Coronavirus non sia una semplice influenza è ormai cosa assodata. A confermare le differenze tra le due malattie arriva anche uno studio giapponese, che ha analizzato per quanto tempo i due virus rimangono sulle mani, se non utilizziamo nessun igienizzante o se non ce le laviamo accuratamente. Influenza e Covid-19 hanno riportato risultati molto diversi. «Abbiamo valutato la stabilità del virus Sars-Cov-2 e dell'influenza A, miscelato con terreno di coltura o muco delle vie respiratorie superiori, sulle superfici della pelle umana e l'efficacia della disinfezione contro Sars-Cov-2 e Iav», spiegano i ricercatori della Kyoto Prefectural University of Medicine su 'Clinical Infectious Diseases'. Risultato? Il nuovo coronavirus resiste sulle mani per circa 9 ore, contro le circa 2 ore del virus dell'influenza. «Questo sottolinea come sia importante prestare attenzione a un regolare e attento lavaggio delle mani», commenta all'Adnkronos Salute Roberto Cauda, o

Catturata la prima immagine diretta di un mondo alieno

Immagine
Catturata la prima immagine diretta di un pianeta esterno al Sistema Solare, distante 63 anni luce. Il risultato ha permesso di misurare per la prima volta direttamente anche massa e luminosità del pianeta, fornendo indizi importanti su come si è nato. Il risultato, pubblicato sulla rivista Astronomy & Astrophysics, si deve a due ricerche coordinate rispettivamente da Anne-Marie Lagrange, dell'Osservatorio francese di Grenoble, e da Mathias Nowak, dell'università britannica di Cambridge. Il pianeta si chiama Beta Pictoris c, un gigante gassoso la cui massa è circa 8,2 volte quella di Giove, in orbita attorno alla giovane stella Beta Pictoris, che ha circa 23 milioni di anni. Il sistema ospita due pianeti Beta Pictoris c e Beta Pictoris b, scoperto nel 2008. Entrambi sono molto giovani, hanno infatti circa 18,5 milioni di anni. Beta Pictoris c, in particolare, è ancora circondato dai detriti polverosi, residuo del processo di formazione del sistema planetario. Il pianeta è s

Covid, scoperta Usa: il metro di distanza non salva dal contagio

Immagine
Dagli Usa giunge una notizia secondo cui il metro di distanza interpersonale non sarebbe affatto sufficiente a scongiurare che i singoli rimangano infettati dal Covid. La scoperta in questione è stata ufficializzata lunedì dalla massima istituzione sanitaria federale, i Centers for Disease Control and Preventions (Cdc), mediante la pubblicazione, sul proprio sito web, di un aggiornamento delle linee-guida relative alle conoscenze scientifiche sul coronavirus. La capacità del morbo di contagiare persone anche al di là di un metro di distanza fisica deriverebbe dal fatto che il primo viaggerebbe negli spazi, vanificando la lontananza abituale di sicurezza, per mezzo di minuscole goccioline di aerosol, capaci di restare sospese nell'aria “per minuti o anche ore”. Nel dettaglio, i ricercatori dell’ente a stelle e strisce affermano che il coronavirus, in virtù della recente scoperta per cui la malattia incriminata verrebbe trasportata da goccioline che possono rimanere nell'aria per

Il buco dell'ozono alla sua massima estensione

Immagine
Il buco dell'ozono ha raggiunto la sua massima estensione in ampiezza e profondità. Lo afferma Copernicus climate change service (C3s), implementato dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio raggio da parte della commissione Europea. "Il buco dell'ozono di quest'anno - viene spiegato - ha raggiunto la sua massima estensione e in generale grandi dimensioni a livello di profondità e ampiezza negli ultimi anni". Le concentrazioni nella stratosfera sono arrivate a valori vicini allo zero in Antartide a causa di un vortice polare. È stato osservato - spiega Copernicus - che "le concentrazioni di ozono stratosferico si sono ridotte a valori prossimi allo zero in Antartide intorno ai 20-25 km di altitudine (50-100 hPa), con la profondità dello strato di ozono appena inferiore a 100 unità Dobson, circa un terzo del valore medio". La causa è "un vortice polare forte, stabile e freddo"; gli scienziati dicono che "il buco dell'o

La galassia di Andromeda è più grande del previsto

Immagine
La galassia di Andromeda è più grande del previsto: la vicina di casa della Via Lattea distante poco più di 2,5 milioni di anni luce, si estende fin oltre la metà della distanza che la separa dalla nostra galassia. Lo dimostra lo studio pubblicato sull'Astrophysical Journal dal gruppo dell’Università americana di Notre Dame, nello stato dell’Indiana, coordinato dall’astrofisico Nicolas Lehner. Lo studio è basato sulle osservazioni del telescopio spaziale Hubble, che mostrano come l’alone di gas che circonda Andromeda sia più grande di quanto ipotizzato finora dagli astronomi. Il veterano dei telescopi spaziali, lanciato 30 anni fa, ha analizzato la luce proveniente da 43 quasar esterni ad Andromeda, oggetti molto luminosi in grado di ‘illuminare’ con le loro radiazioni i gas dell’alone galattico. Permettendo, così, agli astrofisici di tracciarne una mappa e stimarne le dimensioni. Secondo gli autori della ricerca, conoscere meglio l’aspetto dell’alone di Andromeda aiuterà anche ad

Come Proteggersi da Persone con Energia Negativa

Immagine
Ti trovi spesso circondato da persone con un energia negativa che si lamentano e si lagnano per ogni cosa? Forse hai un amico, un collega di lavoro o anche qualcuno della tua famiglia che sta vivendo una situazione difficile? Se vampiri energetici stanno succhiando la tua gioia, leggi attentamente questo articolo dove troverai dei modi efficaci per proteggerti. Ecco come comportarsi con chi trasmette Energia Negativa… 1 . Prendi consapevolezza di come ti senti quando sei in mezzo alla gente. Accorgiti di chi è una presenza che trasmette energia negativa e di chi ha sempre qualcosa di cui lamentarsi ogni volta che lo vedi. Nota da dove arriva l’energia negativa e cerca qualsiasi cosa faccia scattare questa reazione. Alcune persone si lamentano giusto per il gusto di lamentarsi. L’importante è che tu non stia attirando la loro energia negativa in conseguenza ai tuoi stessi commenti e azioni. Una volta che sei a conoscenza da dove proviene l’energia negativa, puoi fare qualcosa a riguard